SMAT e CAP Holding per le smart cities

Chiare, efficienti, trasparenti: le città intelligenti del nuovo millennio dovranno avere le stesse qualità dell’acqua. Ed è proprio l’innovazione nella gestione dell’acqua il cuore del progetto “S.IN.TE.S.I – Sistema Integrato Tecnologie Servizio Idrico”, che è stato ammesso dal MIUR con il bando per le Smart Cities. Il progetto è stato presentato dalla capofila SMAT e da CAP Holding, le due aziende pubbliche del Servizio Idrico Integrato che operano rispettivamente a Torino e nelle province di Milano e Monza, in collaborazione con importanti partner accademici (il Politecnico e l’Università degli Studi di Torino, il CNR) e industriali (Telecom, Telit, Aethra, Telereading, Wirelab). La proposta di SMAT e CAP è quella che ha ottenuto il punteggio più alto tra i progetti relativi al servizio idrico integrato.
La fase pilota prevede una prima sperimentazione in alcune aree strategiche dei due territori: a Torino e Settimo Torinese per i partner piemontesi; in otto Comuni del Milanese per i partner lombardi. Si tratta dei Comuni di Sesto San Giovanni, Cologno Monzese, Cinisello Balsamo, Rho, Rozzano, Pioltello, Settimo Milanese e Magenta. Questi otto Comuni potrebbero essere i primi a sperimentare i nuovi contatori intelligenti, che saranno installati nei condomini per informare i cittadini, attraverso appositi terminali video, non solo dei consumi idrici, ma anche della qualità dell’acqua, della sua provenienza, delle eventuali interruzioni del servizio. Tra gli obiettivi, quello di ridurre le perdite occulte, contenere i costi energetici e incrementare il già elevato livello di sicurezza in termini di rilevamento e allerta in caso di contaminazioni.
“Un nuovo approccio insomma alla gestione del sistema idrico – spiega il presidente di CAP Holding Alessandro Ramazzotti – da raggiungere attraverso la creazione di una struttura composta da una rete estesa di sensori innovativi per il monitoraggio della rete idrica”.
Fra tutti i servizi pubblici locali, il servizio idrico integrato è indubbiamente il più importante, ma certamente quello che ha ricevuto minore attenzione dal punto di vista dello sviluppo tecnologico, spiegano i promotori del progetto. I gestori operano infatti su reti molto estese, spesso con limitate manutenzioni e modesti strumenti integrati che permettano di governare il processo in maniera efficiente. Proprio in quest’ottica, il progetto Sintesi prevede alcune applicazioni innovative nel mondo del servizio idrico integrato. Per esempio, sarà possibile individuare (e sanare) le zone di maggiore criticità per quanto riguarda le perdite di rete; conoscere la provenienza e l’”età dell’acqua” in caso di più fonti di approvvigionamento (anche per migliorarne le caratteristiche organolettiche, garantendo un adeguato ricambio); valutare l’evoluzione delle sostanze presenti nell’acqua e la predisposizione di interventi correttivi; garantire più sicurezza nei confronti di contaminazioni accidentali o volontarie.
Le sonde on line saranno utili anche nella gestione delle reti fognarie e dei depuratori, per esempio per monitorare eventuali superamenti di parametri e ridurre i carichi inquinanti, ma anche per migliorare l’efficienza energetica e conoscere i flussi in tempo reale, contenendo i costi economici e ambientali e l’impronta sull’ecosistema.
Le informazioni sulla qualità dell’acqua e la sua gestione saranno veicolate anche attraverso le Case dell’Acqua (ormai sono 60 quelle di CAP Holding attive nelle province di Milano e Monza) che saranno dotate di una rete WiFi per fungere sempre di più da punto di aggregazione sociale.


Leggi anche

Il sistema di telecontrollo consente di monitorare 24 ore su 24 un totale di 765 impianti fra acquedotti, fognature, depurazione per acquisire informazioni sul corretto funzionamento dei sistemi. Unità remote e data logger trasmettono dati allo Scada Center, dove l’esperienza e la conoscenza del territorio dei tecnici consentono di azzerare falsi allarmi e attivare le squadre reperibili dove e quando serve….

Leggi tutto…

prelocalizzazione

L’Italia perde mediamente il 42% del volume d’acqua immesso in rete. L’Authority ARERA il 27 dicembre 2017 è intervenuta con la delibera 917 introducendo tra gli altri il MIQT M1 che impone ai gestori del SII di ridurre le proprie perdite idriche. La tecnologia SAR, di prelocalizzazione delle perdite idriche sviluppata da Utilis, è uno strumento che sta rivoluzionando il mercato, consentendo alle water utility di verificare l’intera rete idrica in tempi brevissimi e permettendo di trovare molte più perdite al giorno rispetto alle tradizionali tecnologie….

Leggi tutto…

Il gestore mette in campo oltre 3,6 milioni di euro per migliorare acquedotto e fognature. 1,6 milioni sono destinati al potenziamento e all’estensione delle reti di distribuzione acqua alle aree della cittadina non coperte dal servizio. Mentre 2 milioni serviranno per realizzare tre nuovi collettori fognari e per il risanamento delle condotte miste nel tratto terminale del torrente Scatorbia. …

Leggi tutto…

Con l’Università di Bologna e Rezatec, Hera sta testando un algoritmo che individua i punti della rete a maggior rischio di rottura, per pianificare le sostituzioni mirate delle condotte. Dopo una prima sperimentazione nei comuni di Santarcangelo di Romagna, Riccione e Cattolica, quest’anno il progetto si estende anche nel territorio di Forlì-Cesena, coinvolgendo in totale 2.800 km di rete…

Leggi tutto…

Il piano messo a punto per il rilancio dell’Italia presentato da Utilitalia nel corso di un’audizione alla Camera contribuirebbe ad un incremento dell’1,48% del PIL e alla creazione di 285.000 nuovi posti di lavoro. La quota maggiore degli investimenti andrebbe al ciclo idrico, con progetti per 14 miliardi, seguito da quello energetico, circa 7 miliardi, e da quello ambientale, con circa 4 miliardi….

Leggi tutto…