SMAT e CAP Holding per le smart cities

Chiare, efficienti, trasparenti: le città intelligenti del nuovo millennio dovranno avere le stesse qualità dell’acqua. Ed è proprio l’innovazione nella gestione dell’acqua il cuore del progetto “S.IN.TE.S.I – Sistema Integrato Tecnologie Servizio Idrico”, che è stato ammesso dal MIUR con il bando per le Smart Cities. Il progetto è stato presentato dalla capofila SMAT e da CAP Holding, le due aziende pubbliche del Servizio Idrico Integrato che operano rispettivamente a Torino e nelle province di Milano e Monza, in collaborazione con importanti partner accademici (il Politecnico e l’Università degli Studi di Torino, il CNR) e industriali (Telecom, Telit, Aethra, Telereading, Wirelab). La proposta di SMAT e CAP è quella che ha ottenuto il punteggio più alto tra i progetti relativi al servizio idrico integrato.
La fase pilota prevede una prima sperimentazione in alcune aree strategiche dei due territori: a Torino e Settimo Torinese per i partner piemontesi; in otto Comuni del Milanese per i partner lombardi. Si tratta dei Comuni di Sesto San Giovanni, Cologno Monzese, Cinisello Balsamo, Rho, Rozzano, Pioltello, Settimo Milanese e Magenta. Questi otto Comuni potrebbero essere i primi a sperimentare i nuovi contatori intelligenti, che saranno installati nei condomini per informare i cittadini, attraverso appositi terminali video, non solo dei consumi idrici, ma anche della qualità dell’acqua, della sua provenienza, delle eventuali interruzioni del servizio. Tra gli obiettivi, quello di ridurre le perdite occulte, contenere i costi energetici e incrementare il già elevato livello di sicurezza in termini di rilevamento e allerta in caso di contaminazioni.
“Un nuovo approccio insomma alla gestione del sistema idrico – spiega il presidente di CAP Holding Alessandro Ramazzotti – da raggiungere attraverso la creazione di una struttura composta da una rete estesa di sensori innovativi per il monitoraggio della rete idrica”.
Fra tutti i servizi pubblici locali, il servizio idrico integrato è indubbiamente il più importante, ma certamente quello che ha ricevuto minore attenzione dal punto di vista dello sviluppo tecnologico, spiegano i promotori del progetto. I gestori operano infatti su reti molto estese, spesso con limitate manutenzioni e modesti strumenti integrati che permettano di governare il processo in maniera efficiente. Proprio in quest’ottica, il progetto Sintesi prevede alcune applicazioni innovative nel mondo del servizio idrico integrato. Per esempio, sarà possibile individuare (e sanare) le zone di maggiore criticità per quanto riguarda le perdite di rete; conoscere la provenienza e l’”età dell’acqua” in caso di più fonti di approvvigionamento (anche per migliorarne le caratteristiche organolettiche, garantendo un adeguato ricambio); valutare l’evoluzione delle sostanze presenti nell’acqua e la predisposizione di interventi correttivi; garantire più sicurezza nei confronti di contaminazioni accidentali o volontarie.
Le sonde on line saranno utili anche nella gestione delle reti fognarie e dei depuratori, per esempio per monitorare eventuali superamenti di parametri e ridurre i carichi inquinanti, ma anche per migliorare l’efficienza energetica e conoscere i flussi in tempo reale, contenendo i costi economici e ambientali e l’impronta sull’ecosistema.
Le informazioni sulla qualità dell’acqua e la sua gestione saranno veicolate anche attraverso le Case dell’Acqua (ormai sono 60 quelle di CAP Holding attive nelle province di Milano e Monza) che saranno dotate di una rete WiFi per fungere sempre di più da punto di aggregazione sociale.


Leggi anche

Approvato il bilancio relativo allo scorso anno che la società ha chiuso con un valore della produzione poco sotto ai 49,5 milioni e un utile di 900.000 euro. Gli investimenti realizzati hanno toccato quota 32 milioni, permettendo di aumentare la dotazione infrastrutturale del territorio e di modernizzarla. Diversi i progetti avviati, come lo Smart water management, da realizzare insieme ai gestori del Friuli e del Veneto….

Leggi tutto…

È stato pubblicato sul sito di Invitalia, Centrale di committenza per conto del gestore, il bando di gara per l’affidamento dei servizi tecnici di progettazione esecutiva, servizi e lavori contro le perdite delle reti idriche della città di Messina. La gara, del valore di oltre 21,3 milioni di euro, è gestita mediante piattaforma telematica e si chiude il prossimo primo agosto….

Leggi tutto…

Realizzata ad Abbiategrasso con un investimento di 5 milioni di euro, l’opera ha una capacità di 11 mila metri cubi e serve a migliorare la resilienza del territorio abbiatese e contrastare gli effetti di eventi meteorici eccezionali. Sulla superficie coperta una nuova area multisport e un’area verde studiata appositamente per migliorare la capacità del territorio di assorbire l’acqua…

Leggi tutto…

Rinnovo delle reti di media tensione e delle cabine secondarie: è quanto prevede il progetto della multiutility per rendere l’infrastruttura del capoluogo piemontese più resiliente e ridurre le interruzioni di servizio causate da eventi climatici. Gli interventi, per i quali è partito il bando, saranno conclusi entro il 2026 e sono finanziati per 33,1 milioni da fondi PNRR….

Leggi tutto…

Quasi 80 milioni di investimento totali a sostegno del territorio e per contrastare la siccità: grazie al PNRR, Gruppo CAP realizzerà opere per il miglioramento della rete idrica in 133 Comuni per ridurre le perdite e garantire acqua ancora più buona e di qualità, adottando nuove tecnologie e sostituendo ben 18km di tubature. …

Leggi tutto…