Smat presenta il nuovo piano di interventi per il comune di Ciriè

Sostituzione delle reti idriche e costruzione di un collettore per il convogliamento dei reflui. È quanto prevede il piano di interventi messo a punto da Smat per il comune di Ciriè (Torino). Opere per un valore di circa 2 milioni di euro che rappresentano il secondo lotto dei lavori che la società, che gestisce il servizio idrico a Torino e in quasi 300 comuni della sua provincia, porta avanti su questo territorio e seguono i lavori conclusi nel 2017 che avevano visto la realizzazione delle reti fognarie a servizio delle borgate Marietta, Bertolone dei Prati e San Pietro.

Più nel dettaglio, il nuovo lotto, che prenderà il via per la fine di quest’anno, comprende la sostituzione di 3280 metri di condotte idriche in cemento-amianto con nuove condotte in ghisa sferoidale. Le nuove condotte seguiranno fedelmente il tracciato di quelle esistenti e garantiranno una migliore capacità di portata passando da 80 a 100 mm di diametro.

In contemporanea sarà avviata la costruzione di un collettore fognario che allaccia borgate e insediamenti posti a Sud Ovest del centro urbano di Ciriè, ad oggi privi di fognatura, a monte della Strada Provinciale per Robassomero. Il collettore avrà un’estensione complessiva di circa 3.500 metri e, in una logica di ottimizzazione gestionale dell’impianto, si immetterà nel collettore consortile diretto all’impianto di depurazione centralizzato dove i reflui verranno trattati.

«Le nuove opere rientrano in un piano più generale di infrastrutturazione del territorio ciriacese – ha commentato Paolo Romano, presidente di Smat -. Si tratta di un intervento importante per i residenti e per le attività delle frazioni, che potranno disporre di una rete idrica e di un sistema fognario molto più esteso e capillare».


Leggi anche

A fronte di 13 miliardi di investimenti pianificati nel quadriennio 2016-2019 pochi i cantieri partiti e ancora meno quelli conclusi: solo il 5% del valore. È il paradosso evidenziato dal Water Management Report, lo studio del Politecnico di Miano che fotografa la situazione del sistema idrico nazionale, presentato in Senato da ANIMA, Federazione delle Associazioni Nazionali dell’Industria Meccanica Varia ed Affine…

Leggi tutto…

La Scuola Orsolina28 è un luogo dedicato alla danza e alla gioia e libertà che la danza trasmette. Tutto è organizzato per vivere un’esperienza di condivisione a contatto con la natura: il Glamping interno alla tenuta è un’“accomodation” dotato di tende geodetiche permanenti con tutti i comfort. Ogni tenda ha a disposizione un bagno con wc, lavabo, doccia, acqua calda e sistema di riscaldamento….

Leggi tutto…

La candidatura dell’azienda, che gestisce il servizio idrico in 56 comuni del Piemonte, è stata accettata dall’associazione che riunisce 65 gestori da tutta Europa, 15 dei quali italiani. Un riconoscimento importante, che consentirà alla società di consolidare progetti e strategie sempre radicate nel territorio di riferimento, ma con un “respiro” e un terreno di confronto europeo…

Leggi tutto…

Lo dicono i dati che saranno pubblicati sul prossimo Blue Book, lo studio annuale promosso da Utilitalia sullo stato di salute di acquedotti e reti, anticipati dal presidente della Federazione, Giovanni Valotti. Nel meridione ancora reti con livelli di perdite del 50%, mentre stenta a decollare l’aggregazione tra gestori. Una situazione che si riflette sugli investimenti e, quindi, sullo stato delle infrastrutture …

Leggi tutto…

Saranno approvati a breve i progetti esecutivi per una serie di opere che il gestore del servizio idrico della provincia di Pavia realizzerà nel corso dell’anno sulle reti idriche e fognarie di Vigevano. Interventi frutto di una virtuosa collaborazione tra la municipalizzata Asm Vigevano, Pavia Acque e l’ufficio d’Ambito e che consentiranno di risolvere le criticità presenti nella cittadina …

Leggi tutto…