Smat presenta il nuovo piano di interventi per il comune di Ciriè

Sostituzione delle reti idriche e costruzione di un collettore per il convogliamento dei reflui. È quanto prevede il piano di interventi messo a punto da Smat per il comune di Ciriè (Torino). Opere per un valore di circa 2 milioni di euro che rappresentano il secondo lotto dei lavori che la società, che gestisce il servizio idrico a Torino e in quasi 300 comuni della sua provincia, porta avanti su questo territorio e seguono i lavori conclusi nel 2017 che avevano visto la realizzazione delle reti fognarie a servizio delle borgate Marietta, Bertolone dei Prati e San Pietro.

Più nel dettaglio, il nuovo lotto, che prenderà il via per la fine di quest’anno, comprende la sostituzione di 3280 metri di condotte idriche in cemento-amianto con nuove condotte in ghisa sferoidale. Le nuove condotte seguiranno fedelmente il tracciato di quelle esistenti e garantiranno una migliore capacità di portata passando da 80 a 100 mm di diametro.

In contemporanea sarà avviata la costruzione di un collettore fognario che allaccia borgate e insediamenti posti a Sud Ovest del centro urbano di Ciriè, ad oggi privi di fognatura, a monte della Strada Provinciale per Robassomero. Il collettore avrà un’estensione complessiva di circa 3.500 metri e, in una logica di ottimizzazione gestionale dell’impianto, si immetterà nel collettore consortile diretto all’impianto di depurazione centralizzato dove i reflui verranno trattati.

«Le nuove opere rientrano in un piano più generale di infrastrutturazione del territorio ciriacese – ha commentato Paolo Romano, presidente di Smat -. Si tratta di un intervento importante per i residenti e per le attività delle frazioni, che potranno disporre di una rete idrica e di un sistema fognario molto più esteso e capillare».


Leggi anche

Siglato dal Comune di Roma, Regione Lazio e dalla multiutility capitolina il disciplinare che rinnova fino al 2031 ad Acea Ato 2 la concessione della gestione dell’infrastruttura, che garantisce l’approvvigionamento della Capitale. Un passaggio propedeutico alla realizzazione della seconda linea dell’acquedotto, indispensabile per mettere Roma e diversi comuni della regione al riparo dalle crisi idriche …

Leggi tutto…

L’intervento ha visto l’inserimento all’interno delle condotte esistenti di un tubolare in kevlar e ha interessato un tratto di rete idrica che si estende per oltre 3 chilometri, tra le località Monticella, nel territorio di Conegliano, e Saccon, nel comune di San Vendemiano. I lavori si sono resi necessari per via dell’avanzato stato di ammaloramento delle tubazioni, soggette a frequenti rotture…

Leggi tutto…

L’Azienda RITMO S.P.A. fondata nel 1979 da Renzo Bortoli, ha offerto agli oltre 100 dipendenti una serata di festa con una cena all’aperto, musica e cabaret. Una cornice incantevole per una foto ricordo, ma soprattutto per gioire e ricordare tanti aneddoti. …

Leggi tutto…

Innovazione tecnologica, ammodernamento e potenziamento delle infrastrutture al centro del Piano presentato da Mariarosaria Altieri e Matteo Picardi, rispettivamente, presidente e direttore generale della società che gestisce il servizio idrico a Salerno. Con un focus particolare su fognature e depurazione…

Leggi tutto…

I lavori avevano preso il via nel 2017 e hanno visto la ricostruzione del sito e l’attivazione di una nuova linea di trattamento dei reflui. Un’opera del valore di 6,5 milioni di euro fondamentale per garantire la tutela ambientale della località turistica salentina. Nell’ambito del progetto è stata anche adeguata la rete fognaria e costruito un nuovo collettore…

Leggi tutto…