SMAT pronta a partire con la costruzione dell’idropolitana di Torino

È stato “battezzatoidropolitana di Torino, il nuovo grande collettore fognario progettato da SMAT per il capoluogo piemontese. Un nome che esprime la centralità che l’infrastruttura avrà nel sistema di gestione dei reflui per la città e il suo hinterland e tutta la sua imponenza.

Il nuovo collettore avrà infatti un diametro di 3,2 metri e si estenderà in totale per oltre 14 chilometri, raccogliendo le acque reflue e meteoriche e convogliandole a depurazione. Il suo percorso si svilupperà in parallelo a quello già esistente, dalla zona Sud della città fino al depuratore di Castiglione Torinese. 
 

Un’opera centrale per la città e il suo hinterland

Grazie alle sue dimensioni, la nuova infrastruttura permetterà di fronteggiare le problematiche legate ai cambiamenti climatici, come l’aumento significativo delle portate miste che il vecchio collettore non è più in grado di sostenere. Inoltre, consentirà la manutenzione straordinaria del collettore esistente. Ma soprattutto, offrirà un importante contributo al disinquinamento ambientale. Permetterà infatti di scaricare le acque miste e di prima pioggia nel Po attraverso il loro trasporto al Centro di Risanamento Acque di SMAT a Castiglione. Insomma, una mega opera preziosa per la città e per 20 comuni della sua area metropolitana.
 

Un investimento da 140 milioni

Altrettanto imponente l’investimento per la sua realizzazione, pari a 140 milioni di euro. La costruzione dell’opera prenderà il via il prossimo mese di marzo, con i lavori che si protrarranno per 4 anni. I lavori coinvolgeranno progressivamente i quartieri di:

  • Barriera di Milano
  • San Salvario
  • Mirafiori

interessando diversi parchi e strade della città, come il Parco dell’Arrivore, il Parco del Valentino, il Parco Colonnetti.

Nel corso delle opere verranno effettuati anche interventi di bonifica relativi alla presenza di ordigni bellici della Seconda Guerra Mondiale e azioni di riqualificazione ambientale. In particolare, considerando il valore ornamentale dell’area verde oggi esistente, si procederà a raddoppiare il numero degli arbusti con la piantumazione di 730 nuovi alberi.

 


Leggi anche

Saranno realizzati con un investimento di 2,3 milioni di euro i lavori per l’adeguamento dell’impianto, il principale dei due, a servizio del comune in provincia di Pisa. Lavori indispensabili per superare alcune carenze impiantistiche e per aumentare la capacità di trattamento del depuratore in vista di nuovi allacciamenti alla rete fognaria. Tra le principali opere che saranno realizzate un nuovo comparto di ossidazione e una nuova vasca di sedimentazione biologica…

Leggi tutto…

Molto positivi i risultati del bilancio di esercizio relativo al 2021, con il valore economico generato pari a 650,8 milioni di euro, con un incremento dell’8% rispetto all’anno precedente e investimenti per circa 223,8 milioni. La quota maggiore di risorse, circa 79,3 milioni, è andata all’acquedotto, seguito da depurazione, 63,7 milioni, e fognature, 62,4 milioni…

Leggi tutto…

Efficientamento dei processi, sostenibilità ambientale ed elevate performance nel trattamento dei reflui. Hanno tutti questi obiettivi gli interventi di ammodernamento e potenziamento che il gestore idrico sta portando avanti sull’impianto degli Orti, realizzato negli anni Settanta. L’azienda ha già realizzato sul depuratore opere per quasi 6 milioni di euro, con importanti risultati, ma diversi lavori sono ancora in corso e altri in programma …

Leggi tutto…

La società ha concluso gli interventi di ammodernamento e potenziamento dei due impianti entrati in funzione nel 1980. Gli interventi sono stati realizzati con un investimento complessivo di 8,1 milioni di euro, dei quali 2,6 per il depuratore di Nibionno e 5,5 per quello di Valmadrera. Quest’ultimo, che già tratta i reflui di 12 comuni, è stato potenziato per accogliere anche i reflui di Oliveto Lario e della frazione Civenna del comune di Bellagio…

Leggi tutto…

La Banca Europea per gli Investimenti (BEI) sosterrà il piano industriale 2022-2025 del Gruppo CAP, che prevede interventi per circa €450 milioni in 5 anni. Il finanziamento, che si inserisce nelle politiche ambientali e nel Green New Deal della Regione Lombardia, contribuirà al miglioramento della copertura, della qualità e della resilienza dei servizi idrici del territorio servito da Gruppo CAP. …

Leggi tutto…