Smat userà un satellite per controllare le perdite


Prevenire o riparare tempestivamente le perdite sulle reti idriche. È con questo obiettivo che Smat, gestore del servizio idrico integrato nell’area metropolitana di Torino per oltre 2,2 milioni di abitanti distribuiti in 292 comuni, ha deciso di avvalersi di un satellite spaziale per monitorare le sue infrastrutture di distribuzione. Il satellite si chiama Alos 2, appartiene all’Agenzia aerospaziale del Giappone ed è stato affittato da una società italiana, alla quale il gestore idrico si è rivolta per poter beneficiare dei suoi servizi.
Alos 2 (Advanced land observing satellite-2) orbita a 650 chilometri di distanza dalla Terra, ma è in grado di “vedere” fino a una profondità di 12 metri sotto il livello del suolo. Il satellite, infatti, emette un segnale radar elettromagnetico con una lunghezza d’onda in grado di penetrare il terreno fino a quella profondità – che si riduce a 3 metri in ambiente urbano a causa della pavimentazione stradale – e di rilevare la presenza e il quantitativo di acqua presente, provocato da un’eventuale perdita. I dati raccolti vengono elaborati da un applicativo che individua i punti classificandoli in base all’entità della perdita. Insomma, una soluzione avanzatissima, della quale l’unico limite è rappresentato dagli ostacoli metallici, in primo luogo le automobili, che possono interferire con il segnale.
Ma l’utilizzo del satellite è solo un elemento del progetto. Le rilevazioni di Alos 2, vanno a integrarsi al sistema cartografico avanzato già messo a punto dall’azienda, che assicura la geolocalizzazione delle condotte con una precisione altissima. La sovrapposizione dei punti individuati con il tracciato delle condotte permette di determinare la posizione della perdita con una tolleranza di 50 metri. Tale combinazione di tecnologie permetterà alle squadre del pronto intervento di agire subito e direttamente sulla condotta per riparare il danno o, addirittura, di prevenirlo.
La sperimentazione verrà condotta in diverse fasi. La prima interesserà oltre 800 chilometri di condotte a Torino. Sulla base dei risultati ottenuti la ricerca sarà estesa ai restanti 1.000 chilometri di rete cittadina. La terza fase consisterà nell’estendere lo studio ai 10.000 chilometri di reti idriche gestite tramite un avanzato sistema di telecomando e telecontrollo centralizzato. Il progetto prenderà il via a breve, con l’obiettivo di passare dall’acquisizione dell’immagine radar del satellite all’applicazione sul campo dei risultati dell’analisi nel giro di 90 giorni.


Leggi anche

Gruppo CAP estende il proprio WebGIS: dopo Brianzacque, anche Uniacque, Lario Reti Holding e SAL in un’unica piattaforma. Un caso concreto di sharing economy per garantire insieme la qualità del servizio idrico….

Leggi tutto…

Questo progetto verrà presentato da Stefano Tani, Responsabile servizio idrico e Servizi Divisione del SII MM durante il Convegno del 17-18 Maggio…

Leggi tutto…

Presso il Polo tecnologico di telecontrollo a Forlì, la multiutility ha presentato un sistema innovativo in grado di fornire in tempo reale previsioni sullo stato futuro di funzionamento della rete, consentendo di prevenire con cura e precisione eventuali criticità e ottimizzarne il funzionamento. Si tratta di Smart Water Modelling, un’applicazione in grado di limitare al massimo disagi e sprechi…

Leggi tutto…

CMC Labs, CETMA e Politecnico di Bari si sono aggiudicati l’appalto pre-commerciale della Regione Puglia, con il progetto Wisewater, un sistema wireless per il rilevamento delle perdite idriche ed il monitoraggio delle condotte, in risposta a un grave problema che interessa i servizi idrici: la notevole differenza tra la quantità di acqua immessa nel sistema di distribuzione e la quantità di acqua effettivamente fatturata ai consumatori…

Leggi tutto…

AcegasApsAmga sta utilizzando un innovativo mezzo per l’ispezione delle sue reti: un’auto dotata di un sistema che effettua l’analisi della composizione dell’aria a livello del terreno, individuando così l’eventuale presenza di fughe di gas dalle condotte. Lo scorso anno il veicolo ha controllato più di 1.800 km di rete in alta pressione e 765 in media e bassa a Udine e provincia, rilevando 24 perdite…

Leggi tutto…