Snam: accordo con Asja per crescere nel biometano

Non solo l’idrogeno: c’è anche il biometano al centro della strategia di sviluppo green di Snam. Un gas rinnovabile fondamentale per il processo di transizione energetica del Paese, al quale il PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) ha destinato:

  • 2 miliardi di euro di incentivi
  • 5 miliardi di investimenti al 2026

Un settore cui il campione nazionale del trasporto gas guarda da sempre con grande interesse e punta in modo decisivo.

In questa ottica si situa l’accordo che il gruppo, attraverso la controllata Snam4Environment, ha sottoscritto con Asja Ambiente Italia per l’acquisizione di un portafoglio di impianti esistenti e progetti di sviluppo nel settore del trattamento della FORSU (Frazione Organica del Rifiuto Solido Urbano) e produzione di biometano.
 

Un’operazione da 100 milioni di euro

Nella prima fase, l’operazione riguarda l’acquisizione di 4 società. Si tratta di aziende detentrici di altrettanti impianti in esercizio, di recente costruzione, con previsione di vita utile di circa 20 anni, situati in Liguria, Lazio e Umbria. Sempre in questa prima fase, l’accordo prevede anche l’ingresso di Snam4Environment in una società titolare di un impianto in costruzione e di uno in sviluppo in Sicilia. Tali impianti hanno una capacità totale di circa 8,5 MW, dei quali 6 MW già in esercizio per un enterprise value di circa 100 milioni di euro.
 

Rilevare altri cinque impianti

Inoltre, al verificarsi di certe condizioni, e questa è la seconda fase dell’intesa, Snam rileverà da Asja altre cinque società. Anche queste proprietarie di altrettanti impianti dalla capacità totale di circa 16 MW, due dei quali in costruzione in Piemonte e Lombardia, e tre in via di autorizzazione in Sicilia.

L’operazione sarà perfezionata durante i prossimi cinque anni, in relazione allo stato di sviluppo dei diversi progetti. Progetti la cui costruzione sarà a cura di Asja. L’accordo riguarda anche il personale specializzato nella gestione operativa e nella supervisione degli impianti che saranno acquisiti.
 

Biometano strategico per la transizione energetica

L’iniziativa rientra nei piani di crescita di Snam nel settore del biometano e più in generale nell’ambito dell’economia circolare. Il biometano è infatti un gas pulito, rinnovabile e programmabile, destinato a giocare un ruolo strategico nel passaggio verso un’economia green e sostenibile. Ottenuto da biomasse agricole agroindustriali e dalla frazione organica dei rifiuti solidi urbani, valorizza l’economia circolare e può essere trasportato su lunghe distanze utilizzando le infrastrutture gas esistenti.
 

Asja nuovi investimenti in progetti green

Da parte sua, Asja, dal 1995 attiva nella produzione di energia verde da biogas, biometano, eolico e fotovoltaico, investirà le risorse provenienti dalla vendita delle società in nuovi progetti. Tali progetti saranno sviluppati sempre nell’ottica di contribuire al processo di decarbonizzazione del Paese.

 


Leggi anche

La multiutility veneta ha dotato il suo Polo Rifiuti di Bassano del Grappa di un impianto per la purificazione del biogas generato dal trattamento della frazione umida dei rifiuti domestici in biometano. L’impianto genera 3 milioni di metri cubi l’anno di gas green che vengono immessi nella rete di Snam. Il progetto dell’azienda è di replicare l’iniziativa in altri due siti e utilizzare parte del combustibile per alimentare i mezzi per la raccolta…

Leggi tutto…

Nella BioPiattaforma di Sesto San Giovanni si produrrà biometano a partire dalla FORSU e si tratteranno fanghi di depurazione. Un esempio di gestione integrata e sostenibile che, partendo dai rifiuti, genera energia. E che se replicato può renderci indipendenti dalle importazioni di gas fossile …

Leggi tutto…

Grazie al decalogo del corretto conferimento dell’umido, ZeroC contribuisce a sensibilizzare i cittadini sulla sfida della transizione ecologica e sull’importanza del riuso….

Leggi tutto…

Sviluppato con un investimento di 10 milioni di euro e installato presso il depuratore di Bologna Corticella, l’impianto permette di convertire energia elettrica rinnovabile e acque reflue in idrogeno verde e, poi, quest’ultimo in biometano da immettere in rete. L’entrata in esercizio è prevista entro il prossimo anno e una volta a regime permetterà di coprire i consumi di 1200 famiglie, evitando l’emissione in atmosfera di circa 50 Nm3/h di CO2….

Leggi tutto…

Il finanziamento di Cassa Depositi e Prestiti permetterà alla società attiva nella distribuzione e vendita di gas naturale ed elettricità di proseguire il suo percorso di espansione. Le risorse verranno utilizzate per acquisire aziende specializzate nelle attività di impiantistica avanzata, nell’efficientamento energetico e nella produzione di biometano, con benefici anche sul piano occupazionale…

Leggi tutto…