Snam: accordo con Asja per crescere nel biometano

Non solo l’idrogeno: c’è anche il biometano al centro della strategia di sviluppo green di Snam. Un gas rinnovabile fondamentale per il processo di transizione energetica del Paese, al quale il PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) ha destinato:

  • 2 miliardi di euro di incentivi
  • 5 miliardi di investimenti al 2026

Un settore cui il campione nazionale del trasporto gas guarda da sempre con grande interesse e punta in modo decisivo.

In questa ottica si situa l’accordo che il gruppo, attraverso la controllata Snam4Environment, ha sottoscritto con Asja Ambiente Italia per l’acquisizione di un portafoglio di impianti esistenti e progetti di sviluppo nel settore del trattamento della FORSU (Frazione Organica del Rifiuto Solido Urbano) e produzione di biometano.
 

Un’operazione da 100 milioni di euro

Nella prima fase, l’operazione riguarda l’acquisizione di 4 società. Si tratta di aziende detentrici di altrettanti impianti in esercizio, di recente costruzione, con previsione di vita utile di circa 20 anni, situati in Liguria, Lazio e Umbria. Sempre in questa prima fase, l’accordo prevede anche l’ingresso di Snam4Environment in una società titolare di un impianto in costruzione e di uno in sviluppo in Sicilia. Tali impianti hanno una capacità totale di circa 8,5 MW, dei quali 6 MW già in esercizio per un enterprise value di circa 100 milioni di euro.
 

Rilevare altri cinque impianti

Inoltre, al verificarsi di certe condizioni, e questa è la seconda fase dell’intesa, Snam rileverà da Asja altre cinque società. Anche queste proprietarie di altrettanti impianti dalla capacità totale di circa 16 MW, due dei quali in costruzione in Piemonte e Lombardia, e tre in via di autorizzazione in Sicilia.

L’operazione sarà perfezionata durante i prossimi cinque anni, in relazione allo stato di sviluppo dei diversi progetti. Progetti la cui costruzione sarà a cura di Asja. L’accordo riguarda anche il personale specializzato nella gestione operativa e nella supervisione degli impianti che saranno acquisiti.
 

Biometano strategico per la transizione energetica

L’iniziativa rientra nei piani di crescita di Snam nel settore del biometano e più in generale nell’ambito dell’economia circolare. Il biometano è infatti un gas pulito, rinnovabile e programmabile, destinato a giocare un ruolo strategico nel passaggio verso un’economia green e sostenibile. Ottenuto da biomasse agricole agroindustriali e dalla frazione organica dei rifiuti solidi urbani, valorizza l’economia circolare e può essere trasportato su lunghe distanze utilizzando le infrastrutture gas esistenti.
 

Asja nuovi investimenti in progetti green

Da parte sua, Asja, dal 1995 attiva nella produzione di energia verde da biogas, biometano, eolico e fotovoltaico, investirà le risorse provenienti dalla vendita delle società in nuovi progetti. Tali progetti saranno sviluppati sempre nell’ottica di contribuire al processo di decarbonizzazione del Paese.

 


Leggi anche

L’intervento di abbattimento è l’atto simbolico che dà il via alla transizione ecologica del vecchio impianto, che verrà sostituito da quello totalmente carbon neutral e di nuova concezione che entrerà in funzione nella primavera del 2023. L’intera operazione è stata realizzata da Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano e da ZEROC, la nuova società che gestirà le attività della Biopiattaforma…

Leggi tutto…

Completare la trasformazione digitale delle infrastrutture e guidare la transizione energetica dando impulso allo sviluppo dei gas rinnovabili e all’efficienza energetica: questi sono i principali obiettivi del nuovo Piano strategico che aggiorna quello presentato lo scorso ottobre. Importanti risorse sono poi destinate alle acquisizioni e alle gare Atem per proseguire il programma di crescita …

Leggi tutto…

Prosegue spedito il piano di conversione al metano delle reti che in precedenza distribuivano GPL nell’isola. A breve saranno raggiunti dal gas naturale anche Ossi, Muros, Cargeghe, Uri, Usini e Villagrande Strisaili. Nei prossimi mesi sarà la volta di altri 23 comuni. Intanto, la società prosegue anche con la posa di nuove reti di distribuzione, native digital: già realizzati 815 km sui 1100 pianificati….

Leggi tutto…

La società, con Gruppo G.I.V.A. e Rina, ha sperimentato la miscela per alimentare i forni per la lavorazione dell’acciaio nello stabilimento di Forgiatura A. Vienna a Rho, in provincia di Milano. Il test si è concluso con successo, non richiedendo nessuna modifica impiantistica e senza alcun impatto sulle apparecchiature e sulle caratteristiche del prodotto finale. Una soluzione che apre la strada a un futuro più green per l’industria siderurgica….

Leggi tutto…

La più grande ricerca mai realizzata in Italia sul tema della sostenibilità, condotta dall’Istituto Tedesco di Qualità e Finanza, ha inserito la water utility lombarda tra le 200 società italiane più virtuose. Seconda solo dopo SNAM nella categoria “Reti Energia e Acqua”. 5 gli ambiti banco di prova: innovazione, tecnologia, sostenibilità ecologica, green economy, sostenibilità sociale. …

Leggi tutto…