Snam acquista il secondo rigassificatore galleggiante

Dopo quello rilevato a inizio giugno, Snam conclude l’acquisizione di un secondo rigassificatore galleggiante o FSRU (floating storage and regasification unit). La società ha infatti siglato con BW LG un contratto per l’acquisizione del 100% del capitale sociale di FSRU I Limited, che al closing possiederà come unico asset la nave di stoccaggio e rigassificazione BW Singapore.

Costruita nel 2015, ha una capacità massima di stoccaggio di circa 170.000 metri cubi di gas naturale liquefatto (LNG) e una capacità nominale di rigassificazione continua di circa 5 miliardi di metri cubi l’anno. L’unità è stata impiegata fin da subito come FSRU, ma può operare anche come nave metaniera per il trasporto del gas naturale liquefatto.

 

In funzione dall’estate 2024

La nave però non entrerà in servizio nell’immediato per l’Italia. L’unità è al momento vincolata da un contratto di charter con terze parti fino a novembre del prossimo anno. Il piano di Snam prevede la sua collocazione nell’Alto Adriatico, in prossimità della costa di Ravenna. L’inizio della sua attività è previsto per il terzo trimestre del 2024, dopo la conclusione dell’iter autorizzativo e regolatorio e della realizzazione delle opere necessarie all’ormeggio e al collegamento alla rete di trasporto.

L’operazione del valore complessivo di 400 milioni di dollari sarà finanziata da Snam con mezzi propri, che saranno corrisposti in due tranche. La FSRU sarà nella disponibilità di Snam alla data del closing, previsto entro la fine del 2023.

 

Un’operazione strategica per il Paese

L’operazione rappresenta un altro tassello importante nel piano per garantire la sicurezza e la diversificazione del nostro Paese. Le due FSRU acquistate da Snam potranno da sole contribuire al 13% del fabbisogno nazionale di gas, portando la capacità di rigassificazione a oltre il 30% della domanda, appena la società otterrà le autorizzazioni per posizionarle e collegarle alla rete di trasporto nazionale. Strategico anche il posizionamento nell’Alto Adriatico della nave rigassificatrice, che le permetterà di intercettare i potenziali nuovi flussi di LNG provenienti dal Nord Africa e dal Mediterraneo Orientale.

 

La corsa per superare la crisi energetica

«Assicurarsi queste due nuove FSRU non è stato semplice, in un mercato caratterizzato da scarsità di offerta e da una competizione internazionale in forte crescita con il passare delle settimane – ha commentato Stefano Venier, amministratore delegato di Snam -. Il rapido completamento di queste due acquisizioni regala tempo prezioso al percorso di autorizzazione e attivazione operativa del servizio, essenziale per rispondere all’attuale situazione di criticità energetica».

 


Leggi anche

Le due multiutility hanno siglato un’intesa finalizzata a modificare gli accordi stipulati dopo l’aggiudicazione della gara relativa alle concessioni nella distribuzione gas cedute dal Gruppo A2A. Scopo dell’accordo è razionalizzare la presenza nel Nord Ovest di Ascopiave e della sua controllata Edigas, e l’uscita di Iren da Romeo Gas, società partecipata dalle due multiuility…

Leggi tutto…

La Regione ha siglato il via libera per la costruzione del Melita Transgas Pipeline, il gasdotto sottomarino che collegherà la Sicilia a Malta. Un’opera strategica per favorire l’esportazione di gas dall’Italia e la sicurezza del sistema energetico europeo. L’infrastruttura si estenderà in totale per 159 chilometri, partendo dal terminale di Gela per approdare nella penisola di Delimara…

Leggi tutto…

Pubblicato in Gazzetta ufficiale il bando europeo per la concessione per 12 anni del servizio di distribuzione nell’Atem Catanzaro-Crotone, che comprende le due città e 105 comuni delle loro province. Il valore contrattuale della gara è di 250 milioni e il termine per presentare le offerte, che potranno contenere anche circa 200 interventi per l’estensione delle reti e la metanizzazione di nuovi comuni, è fissata a luglio del prossimo anno…

Leggi tutto…

Grazie al suo forte know-how nelle tecnologie degli smart meter, Bitron S.p.A. è stata selezionata da Italgas Reti S.p.A. per la progettazione e la prototipazione di un nuovo smart meter per il gas. La collaborazione prevede anche la produzione di contatori intelligenti con l’obiettivo di una sperimentazione sul campo in tutta Italia….

Leggi tutto…

Sono 11 le infrastrutture di distribuzione gas dell’isola già telecontrollate e telegestite con l’innovativo software sviluppato dalla Digital Factory del Gruppo Italgas. Una soluzione estremamente evoluta che fornisce una visione d’insieme in tempo reale del sistema distributivo e dotato di avanzati algoritmi di analytics e predictive maintenance, sempre di sviluppo interno, che il Gruppo prevede di applicare a tutti i 75.000 km di rete gestiti in Italia entro il 2023…

Leggi tutto…