Snam acquista il secondo rigassificatore galleggiante

Dopo quello rilevato a inizio giugno, Snam conclude l’acquisizione di un secondo rigassificatore galleggiante o FSRU (floating storage and regasification unit). La società ha infatti siglato con BW LG un contratto per l’acquisizione del 100% del capitale sociale di FSRU I Limited, che al closing possiederà come unico asset la nave di stoccaggio e rigassificazione BW Singapore.

Costruita nel 2015, ha una capacità massima di stoccaggio di circa 170.000 metri cubi di gas naturale liquefatto (LNG) e una capacità nominale di rigassificazione continua di circa 5 miliardi di metri cubi l’anno. L’unità è stata impiegata fin da subito come FSRU, ma può operare anche come nave metaniera per il trasporto del gas naturale liquefatto.

 

In funzione dall’estate 2024

La nave però non entrerà in servizio nell’immediato per l’Italia. L’unità è al momento vincolata da un contratto di charter con terze parti fino a novembre del prossimo anno. Il piano di Snam prevede la sua collocazione nell’Alto Adriatico, in prossimità della costa di Ravenna. L’inizio della sua attività è previsto per il terzo trimestre del 2024, dopo la conclusione dell’iter autorizzativo e regolatorio e della realizzazione delle opere necessarie all’ormeggio e al collegamento alla rete di trasporto.

L’operazione del valore complessivo di 400 milioni di dollari sarà finanziata da Snam con mezzi propri, che saranno corrisposti in due tranche. La FSRU sarà nella disponibilità di Snam alla data del closing, previsto entro la fine del 2023.

 

Un’operazione strategica per il Paese

L’operazione rappresenta un altro tassello importante nel piano per garantire la sicurezza e la diversificazione del nostro Paese. Le due FSRU acquistate da Snam potranno da sole contribuire al 13% del fabbisogno nazionale di gas, portando la capacità di rigassificazione a oltre il 30% della domanda, appena la società otterrà le autorizzazioni per posizionarle e collegarle alla rete di trasporto nazionale. Strategico anche il posizionamento nell’Alto Adriatico della nave rigassificatrice, che le permetterà di intercettare i potenziali nuovi flussi di LNG provenienti dal Nord Africa e dal Mediterraneo Orientale.

 

La corsa per superare la crisi energetica

«Assicurarsi queste due nuove FSRU non è stato semplice, in un mercato caratterizzato da scarsità di offerta e da una competizione internazionale in forte crescita con il passare delle settimane – ha commentato Stefano Venier, amministratore delegato di Snam -. Il rapido completamento di queste due acquisizioni regala tempo prezioso al percorso di autorizzazione e attivazione operativa del servizio, essenziale per rispondere all’attuale situazione di criticità energetica».

 


Leggi anche

Al via in questo mese di febbraio i lavori per potenziare l’infrastruttura di distribuzione nel comune della provincia di Lucca. Interessata dall’opera la zona di San Pietro in Campo, che sarà finalmente metanizzata con la posa di oltre 1,3 chilometri di condotte. Alla rete saranno allacciate circa una quarantina di utenze, tra le quali diverse attività produttive per le quali l’arrivo del servizio rappresenta una leva di sviluppo…

Leggi tutto…

L’amministratore delegato di NEDGIA (Spagna) è il nuovo presidente della Gas Distributors for Sustainability, l’Associazione che riunisce i sette principali operatori della distribuzione del gas in Europa. Succede nella carica a Paolo Gallo, AD di Italgas. Il neopresidente lavorerà per consolidare il ruolo di GD4S nel dialogo con le istituzioni europee in materia di politica energetica e mettere a punto nuove iniziative per il processo di transizione ecologica….

Leggi tutto…

La multiutility partecipata dai comuni del Monferrato ha presentato il progetto per portare il servizio di distribuzione del metano alle aree della cittadina non ancora raggiunte. I lavori, suddivisi in tre lotti, prenderanno il via nella seconda parte dell’anno e vedranno in totale la posa di oltre 5,3 chilometri di condotte per un investimento di circa 2 milioni di euro …

Leggi tutto…

La società del Gruppo Italgas ha completato il passaggio dal GPL al gas naturale per i comuni di Tortolì, Girasole, Loceri e Talana, in provincia di Nuoro, convertendo 84 chilometri di rete. Sale così a 34 il totale dei comuni convertiti in tutta l’isola, su 36 previsti dal programma. Programma che sarà concluso in primavera quando avverrà la conversione di Gairo Taquisara e Cardedu …

Leggi tutto…

Attraverso la controllata Snam4Environment, il gruppo ha sottoscritto un accordo con Asja per acquisire un portafoglio di impianti esistenti e progetti di sviluppo nel campo del trattamento della FORSU e produzione del gas rinnovabile. L’operazione, del valore di 100 milioni di euro, rientra nella strategia di crescita di Snam nel biometano per contribuire allo sviluppo di una filiera chiave nel percorso di transizione ecologica del Paese…

Leggi tutto…