Snam conclude l’acquisizione del rigassificatore Fsru Toscana

Snam ha perfezionato l’acquisizione da Gruppo Iren del 49,07% del capitale sociale di Olt (Offshore LNG Toscana), la società che ha realizzato e gestisce il terminale di rigassificazione offshore Fsru (Floating storage and regasification unit), che sorge nel Mar Tirreno, a 22 km al largo della costa toscana tra Livorno e Pisa.

La quota versata dal gestore della rete di trasporto gas per acquisire l’intera partecipazione di Iren nella società è di 332 milioni di euro, cifra che include anche la quota residua di un finanziamento soci versato da Iren a Olt.

Grazie a questa operazione, Snam assume così il controllo del terminale di rigassificazione insieme a First State Investments International, che attraverso la controllata FS SP S.a. r.l., ne detiene il 48,24%, e Golar Offshore Toscana proprietaria della quota restante pari al 2,69%.

Fsru Toscana è il secondo terminale di Gnl in Italia

Con una capacità massima annua di rigassificazione di 3,75 miliardi di metri cubi, l’impianto è il secondo terminale di gas naturale liquefatto (Gnl) italiano per dimensioni. Operativo in regime regolato, con una Rab (Regulatory asset base) pari a circa 760 milioni di euro al 31 dicembre 2018, Olt ha conseguito nel 2018 ricavi per 112 milioni di euro e un Ebitda (Utili prima degli interessi, delle imposte, del deprezzamento e degli ammortamenti) di circa 65 milioni di euro.

Il terminale Olt potrà svilupparsi ancora, offrendo servizi di carico e scarico di navi metaniere di piccola taglia (le small scale Lng), promuovendo la penetrazione del gas naturale liquefatto come combustibile per il trasporto sostenibile marittimo e su strada.

Una operazione che soddisfa sia Snam sia Gruppo Iren

«L’ingresso in Olt rafforza il nostro posizionamento fra gli operatori europei nel settore del gas naturale liquefatto e ci consentirà di avere un ruolo ancor più rilevante nel garantire la sicurezza e la flessibilità del sistema energetico italiano, favorendo al contempo la mobilità sostenibile e la transizione energetica – ha commentato l’amministratore delegato di Snam Marco Alverà -. Il Gnl è un mercato in forte espansione: solo in Italia, nel 2019, la domanda è cresciuta di oltre il 60% rispetto al 2018».

Soddisfatto dell’operazione anche l’amministratore delegato di Iren Massimiliano Bianco: «La dismissione della partecipazione in Olt permetterà al Gruppo Iren di migliorare la propria struttura finanziaria – ha dichiarato –, disponendo delle risorse necessarie per accelerare gli investimenti organici previsti nel piano industriale e per cogliere opportunità di crescita per linee esterne, consolidando la propria presenza nei territori di riferimento».


Leggi anche

Inaugurata la nuova rete di distribuzione gas a servizio di Pulica, frazione del comune della provincia di Firenze. L’infrastruttura si estende per 3,6 chilometri e consentirà di portare il servizio gas a oltre 150 utenze. Un’opera fondamentale, oltre che per i vantaggi economici e ambientali, anche sotto il profilo sociale, in quanto favorisce la residenza anche nelle località più piccole…

Leggi tutto…

I lavori, se l’iter autorizzativo procederà senza intoppi, inizieranno nel 2022 per mettere in servizio l’impianto entro la fine dell’anno successivo. La stazione sorgerà nel comune di Corridonia e sarà composta da due compressori con motore elettrico che comprimeranno il gas per trasportarlo alla nuova interconnessione con la rete Snam a Recanati o alla rete della stessa Sgi. Un’opera da 42 milioni che renderà la rete adriatica più efficiente …

Leggi tutto…

Lo sfruttamento del biogas e del biometano, la promozione della mobilità sostenibile alimentata a gas, lo sviluppo dell’idrogeno, sono alcuni dei temi al centro dell’accordo di collaborazione siglato a Roma tra il nostro gestore della rete di trasporto e l’azienda energetica della Repubblica dell’Azerbaigian, entrambe già socie nel progetto Tap …

Leggi tutto…

Il primo seminario tecnico svoltosi a Sofia venerdì 21 febbraio 2020 ha segnato l’inizio della terza fase del progetto KEP dedicato al trasferimento di conoscenze tecnico-regolatorie nel settore energia ai Paesi dell’area balcanica…

Leggi tutto…

I consigli di amministrazione dei due gruppi hanno approvato il progetto di partnership industriale tra le due multiutility. Progetto che prevede la cessione da parte di Unareti di alcuni asset di distribuzione gas nelle province di Milano e Bergamo e dell’intera partecipazione nella società dedicata alle attività di illuminazione pubblica ad Ambiente energia Brianza (Aeb). Al termine dell’aggregazione, A2A entrerà nel capitale sociale di Aeb con una quota del 33,5%…

Leggi tutto…