Snam conclude lo shopping in Grecia

Snam alla conquista della Grecia. Il consorzio costituito dal nostro operatore della rete di trasporto nazionale del gas, che con una quota del 60% ne è il maggior socio, insieme alla spagnola Enagás (20%) e alla belga Fluxys (20%) ha completato l’acquisizione del 66% di Desfa, l’operatore greco del settore delle infrastrutture del gas naturale. Le azioni sono state cedute dall’agenzia greca per le privatizzazioni Headf e da Hellenic Petroleum per un controvalore di 535 milioni di euro.

Arriva a conclusione un’operazione partita lo scorso aprile, quando il consorzio si era aggiudicato la gara per la privatizzazione di Desfa, operazione che è stata completata tramite la nuova società Senfluga Energy Infrastructure Holdings. Il consorzio ha ottenuto per l’acquisizione un finanziamento Non-Recourse della durata di oltre 10 anni, corrispondente a circa il 65% dell’enterprise value.

Si conclude così un’ulteriore importante tappa nel percorso di crescita internazionale di Snam. Desfa possiede e gestisce, infatti, in regime regolato, una rete di trasporto ad alta pressione di circa 1.500 km e un terminale di rigassificazione a Revithoussa. Inoltre, la Grecia rappresenta un importante crocevia per la diversificazione degli approvvigionamenti e l’apertura di nuove rotte del gas naturale in Europa e ha un grande potenziale di sviluppo come hub del Sud-Est europeo. Possibilità che la società, insieme a Enagás e Fluxys, non vuole farsi sfuggire. Grazie alle tre realtà, tra le più impegnate nella realizzazione dell’Energy Union, Desfa potrà valorizzare appieno la sua posizione strategica nel Mediterraneo. Inoltre, il consorzio promuoverà l’innovazione nel settore del gas naturale in Grecia, favorendo l’introduzione di gas rinnovabili come il biometano per creare un sistema energetico sostenibile, contribuendo alla riduzione delle emissioni climalteranti nel paese.


Leggi anche

Approvato dal consiglio di amministrazione il Piano industriale al 2023 della multiutility del Nord della Lombardia. Gli investimenti, pari a 568 milioni, saranno concentrati nella business unit Reti, per puntare soprattutto alle prossime gare sulla distribuzione del gas. Il documento prevede ricavi intorno al mezzo miliardo alla fine del periodo …

Leggi tutto…

Annunciata a giugno, l’operazione riguarda l’acquisizione da Cpl Concordia del 60% European Gas Network, alla quale fanno capo indirettamente 37 concessioni in Sicilia, Calabria e Campania, e del 100% di Fontenergia, concessionaria della distribuzione nel Bacino 22 della regione Sardegna, e di Naturgas, attiva a San Giuseppe Vesuviano (Napoli)…

Leggi tutto…

La società del gruppo Gas Plus, quarto produttore nazionale di gas, si è aggiudicata la gara bandita dal Comune per la vendita di Rete Gas Fidenza, la municipalizzata che si occupa della distribuzione gas nella cittadina e proprietaria della rete. Gp Infrastrutture ha vinto il bando con un’offerta di 14 milioni di euro, accompagnata da un programma di espansione dell’infrastruttura …

Leggi tutto…

All’incontro con gli stakeholder, la società ha presentato tre iniziative sui temi dell’innovazione e transizione energetica e dell’impresa sociale: il progetto Snamtec, nel quale investirà 850 milioni di euro entro il 2022 per costruire l’azienda energetica del futuro, rinnovabile, tecnologica e digitale; la Social Supply Chain, per coinvolgere le imprese sociali nella catena di fornitura; la piattaforma Snam Up, che consentirà a ognuno di proporre nuovi progetti e sviluppare imprenditorialità…

Leggi tutto…

I risultati consolidati al 30 settembre vedono l’utile netto crescere del 6,1% a 226,4 milioni, e di quasi il 9% l’utile operativo. Sui ricavi, che ammontano a 880,7 milioni, generati soprattutto dalle attività di distribuzione gas. Nello stesso periodo sono stati investiti 349 milioni di euro, dei quali la quota maggiore per l’installazione degli smart meter: 1.386 milioni quelli posati nei 9 mesi, portando il totale a 4.283 milioni, pari al 53,2% dell’intero parco contatori …

Leggi tutto…