Snam conclude lo shopping in Grecia

Snam alla conquista della Grecia. Il consorzio costituito dal nostro operatore della rete di trasporto nazionale del gas, che con una quota del 60% ne è il maggior socio, insieme alla spagnola Enagás (20%) e alla belga Fluxys (20%) ha completato l’acquisizione del 66% di Desfa, l’operatore greco del settore delle infrastrutture del gas naturale. Le azioni sono state cedute dall’agenzia greca per le privatizzazioni Headf e da Hellenic Petroleum per un controvalore di 535 milioni di euro.

Arriva a conclusione un’operazione partita lo scorso aprile, quando il consorzio si era aggiudicato la gara per la privatizzazione di Desfa, operazione che è stata completata tramite la nuova società Senfluga Energy Infrastructure Holdings. Il consorzio ha ottenuto per l’acquisizione un finanziamento Non-Recourse della durata di oltre 10 anni, corrispondente a circa il 65% dell’enterprise value.

Si conclude così un’ulteriore importante tappa nel percorso di crescita internazionale di Snam. Desfa possiede e gestisce, infatti, in regime regolato, una rete di trasporto ad alta pressione di circa 1.500 km e un terminale di rigassificazione a Revithoussa. Inoltre, la Grecia rappresenta un importante crocevia per la diversificazione degli approvvigionamenti e l’apertura di nuove rotte del gas naturale in Europa e ha un grande potenziale di sviluppo come hub del Sud-Est europeo. Possibilità che la società, insieme a Enagás e Fluxys, non vuole farsi sfuggire. Grazie alle tre realtà, tra le più impegnate nella realizzazione dell’Energy Union, Desfa potrà valorizzare appieno la sua posizione strategica nel Mediterraneo. Inoltre, il consorzio promuoverà l’innovazione nel settore del gas naturale in Grecia, favorendo l’introduzione di gas rinnovabili come il biometano per creare un sistema energetico sostenibile, contribuendo alla riduzione delle emissioni climalteranti nel paese.


Leggi anche

Via libera dal CdA del gruppo al progetto finalizzato a valorizzare le attività di vendita del gas e dell’energia elettrica e al rafforzamento della sua presenza nel comparto della distribuzione. La prima parte del percorso servirà a raccogliere le manifestazioni di interesse e le offerte non vincolanti che verranno presentate, entro il prossimo 15 aprile, dagli operatori interessati …

Leggi tutto…

Il gestore della rete di trasporto gas ha lanciato un progetto per la conversione dei suoi impianti di compressione in centrali “ibride”, ovvero in grado di effettuare la compressione del gas, oltre che con turbine a gas, anche attraverso motori elettrici. Una soluzione che permetterà di garantire maggiore flessibilità al sistema energetico e ridurre le emissioni di CO2 …

Leggi tutto…

Un combustibile interamente sostenibile e anche certificato. È il biogas prodotto nell’impianto di Sant’Agata Bolognese di HERAmbiente Spa per il quale l’azienda ha ottenuto la certificazione da Bureau Veritas secondo lo Schema nazionale di certificazione dei biocarburanti e dei bioliquidi, che garantisce la tracciabilità dell’intero processo. Inaugurato lo scorso ottobre, l’impianto può produrre fino a 7,5 milioni di tonnellate annue di biogas dal trattamento dei rifiuti …

Leggi tutto…

Procedono come da programma i lavori per dotare l’isola di un’infrastruttura per la distribuzione gas, tanto che entro la fine dell’anno alcuni comuni potrebbero essere già usufruire del servizio. Ad occuparsi delle opere è Italgas, che ha già posato oltre 1800 chilometri di condotte, mentre altri 1100 ne restano da realizzare. Attualmente i cantieri sono aperti in 4 bacini e nei prossimi mesi i lavori si estenderanno ad altri 6…

Leggi tutto…

Entrato in esercizio il cogeneratore che produce energia termica ed elettrica dal biogas generato dal trattamento dei fanghi di depurazione. L’energia ottenuta dall’impianto, che ha una potenza termica di 528 KWT e una potenza elettrica di 404 KWE, viene poi interamente utilizzata per alimentare il processo dei reflui, abbattendo i costi energetici dell’azienda…

Leggi tutto…