Snam e Linde insieme per sviluppare progetti sull’idrogeno

Nuova collaborazione nel segno dell’idrogeno per Snam. Il gestore della rete di trasporto gas nazionale ha siglato un memorandum d’intesa con Linde, tra le maggiori realtà mondiali nel settore ingegneristico e nei gas industriali, per sviluppare progetti legati all’idrogeno e alle relative infrastrutture in Europa.

Cosa prevede l’accordo tra Snam e Linde

In base all’accordo, le due società lavoreranno insieme per promuovere tecnologie chiave nella filiera del vettore energetico green. Valuteranno inoltre opportunità di investimento congiunte in progetti commerciali negli ambiti produzione, distribuzione, compressione e stoccaggio.

Una partnership attraverso la quale le due realtà mettono a fattor comune le rispettive capacità innovative per contribuire:

  1. allo sviluppo dell’idrogeno
  2. di conseguenza anche al raggiungimento degli obiettivi climatici, in linea con la Hydrogen Strategy Europea.

 

La realtà di Linde

Linde è infatti una delle principali aziende nella produzione, lavorazione, stoccaggio e distribuzione di idrogeno e possiede il più grande sistema di stoccaggio e distribuzione di idrogeno liquido al mondo.

Gli investimenti e le collaborazioni di Snam

Da parte sua, Snam sta puntando molto sulla promozione dell’idrogeno, anche con importanti investimenti, ed è stata una delle prime aziende al mondo a sperimentarne l’introduzione, in percentuali fino al 10%, in una rete di trasporto gas. Circa il 50% degli investimenti previsti nel piano 2020-2024 di Snam è dedicato a rendere la propria infrastruttura “hydrogen-ready“.

Inoltre, la società, nell’ultimo anno ha dato il via a diverse collaborazioni, sia in Italia sia a livello internazionale, per contribuire allo sviluppo della filiera dell’idrogeno, anche favorendone l’utilizzo nel settore industriale e nei trasporti.

A legare le due società sul tema, infine, anche il fatto che entrambe sono azioniste di ITM Power, società britannica attiva nell’ecosistema dell’idrogeno verde

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività

 


Leggi anche

La sicurezza e l’affidabilità delle infrastrutture, le tecnologie digitali per la loro gestione, la distribuzione dei gas rinnovabili, la tecnologia del Power to gas. Sono diversi gli ambiti sui quali si svilupperà la collaborazione tra Italgas e Jemena, operatore energetico australiano, che gestisce 25.000 km di rete nel New South Wales. Una partnership che guarda al futuro della distribuzione gas…

Leggi tutto…

L’aggiudicazione dell’Atem Torino 1 permette alla società di dare continuità al servizio di distribuzione gas nel territorio nel quale è nata e dove opera da quasi due secoli. Soprattutto, di attivare un piano di investimenti per 330 milioni di euro, per ammodernare 340 km di rete, estendere l’infrastruttura alle aree non ancora raggiunte dal servizio, installare 250.000 smart meter di nuova generazione e dare un contributo alla decarbonizzazione del trasporto locale….

Leggi tutto…

Con l’ok da parte dell’amministrazione comunale al progetto del valore di 12,6 milioni di euro messo a punto dal gestore BA.SE si sblocca il processo per arrivare alla completa metanizzazione di Bagheria. Un iter partito nel 2006 e poi interrottosi. Un’opera attesa da anni per la quale ora il gestore potrà partecipare a bandi e ricercare finanziamenti o cofinanziamenti pubblici indispensabili per la sua realizzazione. …

Leggi tutto…

La società del Gruppo Italgas ha completato la conversione della rete a servizio del comune sassarese, prima alimentata a GPL, e messo in esercizio un deposito criogenico di gas naturale liquefatto che la alimenta. L’operazione segue a quelle già realizzate a Putifigari, Berchidda e Ittireddu. A breve saranno completate anche le conversioni delle reti di Urzulei e, entro fine aprile, di Perdasdefogu, Usini, Uri e Ozieri…

Leggi tutto…

È quanto prevede il nuovo piano industriale 2021-2030 Life is our Duty, focalizzato sull’economia circolare e sulla transizione energetica, con investimenti, rispettivamente, per 6 e 10 miliardi di euro, per contribuire al conseguimento degli obiettivi di sostenibilità dell’ONU e al rilancio economico del Paese. Tra i target, ridurre del 20% delle perdite idriche, portare la capacità installata di rinnovabili a 5,7 GW, e recuperare ulteriori 4,4 milioni di tonnellate di rifiuti …

Leggi tutto…