Accordo Snam e Politecnico di Bari per idrogeno verde

Snam e Politecnico di Bari sperimentano una rete a idrogeno verde

Un innovativo prototipo di rete energetica autonoma, basata sull’utilizzo di idrogeno “verde” prodotto da fonti energetiche rinnovabili. È quanto prevede la collaborazione tra Snam e il Politecnico di Bari, sottoscritta dal rettore di quest’ultimo, Francesco Cupertino, e da Marco Alverà, amministratore delegato della società che gestisce la rete di trasporto gas.

La collaborazione, che durerà fino alla fine di dicembre 2022, ma potrà essere rinnovata, prevede che l’impianto sia progettato, realizzato e testato all’interno della Smart Microgrid Poliba, una microrete innovativa già presente nel laboratorio di Sistemi elettrici per l’energia nel plesso Prince del Politecnico. Ma non solo, perché il progetto prevede anche la redazione di un business case per valutare le condizioni tecnico-economiche necessarie alla riproduzione del sistema su scala commerciale.

La collaborazione tra Politecnico e Snam ruota intorno alla possibilità di integrare nella microrete esistente il vettore idrogeno, per valutarne capacità e convenienza. Lo sfruttamento dell’idrogeno come vettore energetico è infatti fondamentale per accumulare e regolarizzare le notevoli variabilità delle produzioni di elettricità da fonte eolica e fotovoltaica, consentendo un grado sempre più alto di penetrazione dell’energia generata da queste fonti non programmabili nei moderni sistemi elettrici.

Nella smart grid del Politecnico di Bari, l’idrogeno sarà prodotto da un elettrolizzatore alimentato in prevalenza da fonti rinnovabili. Sarà, quindi, immagazzinato in bombole e, successivamente, riconvertito in energia elettrica da una fuel cell nei momenti di maggior fabbisogno energetico o, più in generale, trasportato verso altri siti che ne abbiano necessità. A coordinare il progetto per la parte del Politecnico il professor Enrico De Tuglie, responsabile scientifico del progetto Smart Microgrid.

«Questo accordo con uno dei più importanti politecnici italiani testimonia il nostro impegno ad accelerare lo sviluppo tecnologico dell’idrogeno prodotto da fonti rinnovabili come soluzione decisiva ed economicamente sostenibile per la lotta ai cambiamenti climatici – ha commentato Marco Alverà, CEO di Snam -. La nuova sperimentazione a Bari, dopo quella avviata sulla rete Snam in provincia di Salerno, dimostra che il Sud Italia, grazie alla sua posizione geografica, alle sue risorse naturali e alle sue competenze, può essere protagonista della crescita dell’idrogeno, con importanti benefici non solo in termini di decarbonizzazione ma anche di sviluppo e occupazione».

 

Foto Credit: Politecnico di Bari


Leggi anche

Avviata lo scorso marzo, l’operazione è stata perfezionata nei giorni scorsi con l’acquisizione da parte di Acea del 51% del capitale azionario della società che gestisce la distribuzione gas in 23 comuni della provincia dell’Aquila. A cedere le quote Alma C.I.S. e Mediterranea Energia, che ne manterranno il restante 49% e che parteciperanno alla gestione dell’infrastruttura in sinergia con Acea….

Leggi tutto…

L’opera, che la città laziale attende dal 2012, è stata presentata presso la sede del Comune da Centria, vincitrice dell’appalto espletato nello stesso anno. Il progetto, per un investimento di 3,5 milioni di euro, prevede la posa di 25 chilometri di rete a servizio della città e della Piana reatina. A breve verrà fatta la gara per affidare i lavori che dovrebbero partire entro il primo semestre del prossimo anno…

Leggi tutto…

Italgas Alghero Sardegna rete distribuzione gas

Il 3 agosto l’attivazione ufficiale del primo tratto di rete di distribuzione del gas naturale sull’Isola. Si tratta del tratto, dell’estensione di 6,5 chilometri, realizzato da Italgas a ridosso del lungomare della città. Intanto la città ha annunciato l’avvio della conversione delle reti ora alimentate a Gpl nei 36 comuni dei Bacini 7, 9 e 22, operazione che verrà completata entro la metà del 2021…

Leggi tutto…

Idrogeno Snam Hydrogen Strategy

L’idrogeno giocherà un ruolo cruciale verso l’obiettivo di carbon neutrality al 2050 dell’Unione europea. In questo contesto si colloca lo studio preliminare per la realizzazione di una rete per il trasporto del vettore realizzato da 11 gestori europei di infrastrutture di trasmissione energetica, tra i quali Snam. La rete nel 2040 potrebbe raggiungere i 23.000 km di estensione, per lo più costituiti da condotte gas già esistenti, e la sua costruzione richiederebbe un investimento tra i 27 e i 64 miliardi di euro …

Leggi tutto…

Italgas app WorkOnSite

WorkOnSite è l’innovativa app sviluppata dalla Digital Factory di Italgas per gestire i controlli sui cantieri della rete gas e rendere più efficienti e veloci le verifiche di conformità delle lavorazioni che vengono effettuate. Il tutto grazie a un algoritmo di intelligenza artificiale che utilizza il riconoscimento delle immagini inviate dai tecnici delle imprese esecutrici per accertare la corrispondenza dei lavori alle specifiche di progetto…

Leggi tutto…