Snam e Terna rafforzano la collaborazione a supporto della transizione energetica

Valorizzare le potenziali sinergie tra il sistema gas e quello elettrico. Ha questo obiettivo il Memorandum of Understanding siglato da Snam e Terna, i gestori, rispettivamente, della rete nazionale di trasporto gas e della rete nazionale elettrica. Un’intesa, ufficializzata dalla firma dei due amministratori delegati, Marco Alverà di Snam e Luigi Ferraris di Terna, che rinnova la collaborazione tra le due società per individuare, definire e realizzare iniziative comuni, anche condividendo rispettivi know how e best practice, per sviluppare possibili convergenze tra i due sistemi.

 

L’accordo nel dettaglio

Centrali dual fuel

Più nello specifico, tre le aree al centro dell’accordo. La prima riguarda le centrali “dual fuel”, nell’ambito del quale Snam prevede la conversione delle proprie centrali di compressione e stoccaggio ad alimentazione gas-elettrica.

Ne deriverebbero rilevanti benefici ambientali in un’ottica di riduzione delle emissioni di CO2 per il sistema Paese e di una maggiore flessibilità per il sistema elettrico.

Sector coupling

Il secondo ambito interessa le aree di ricerca e sviluppo, campi nei quali le società porteranno avanti iniziative legate al “sector coupling”, con particolare riferimento alle dinamiche di flessibilità e alla integrazione delle fonti energetiche rinnovabili.

Co-innovazione

Infine, la co-innovazione, ovvero l’impegno nella sperimentazione e sviluppo di iniziative e soluzioni tecnologiche innovative per la sostenibilità delle reti energetiche, attraverso attività di monitoraggio delle infrastrutture con l’utilizzo di droni, satelliti e sensoristica IoT e per la sicurezza dei lavoratori e dell’ambiente.

 

Alverà: centralità delle sinergie tra gas ed elettrico

«La collaborazione sempre più forte tra Snam e Terna sulle nuove frontiere dell’energia è cruciale per rendere l’Italia protagonista della transizione energetica a livello internazionale e per accelerare gli investimenti nella fase di ripartenza dopo l’emergenza sanitaria, creando opportunità di leadership tecnologica e sviluppo economico ‒ ha commentato Marco Alverà, amministratore delegato di Snam -. Le crescenti sinergie tra gas ed elettrico rappresentano un’ulteriore dimostrazione del ruolo centrale delle infrastrutture energetiche per raggiungere gli obiettivi climatici e garantire sempre più sicurezza e flessibilità al sistema».

 

Ferraris: condivisione delle competenze e innovazione tecnologica

Parole con le quali concorda anche il numero uno di Terna, Luigi Ferraris: «Il rinnovo di questa importante collaborazione, focalizzata sull’innovazione e sullo sviluppo di convergenze tra elettricità e gas, ci consente di rafforzare l’impegno a supporto di una transizione energetica sostenibile. Insieme a Snam proseguiamo nel proficuo percorso di condivisione delle migliori competenze e per sviluppare congiuntamente ulteriori nuove soluzioni tecnologiche a supporto di un sistema energetico sempre più articolato e complesso».


Leggi anche

Le due gare riguardano la manutenzione per i prossimi tre anni di circa 50.000 km di linee aeree a 150 kV sull’intero territorio nazionale. Ad aggiudicarsele tutte imprese italiane sottoposte a una complessa valutazione tecnica per via della complessità dei lavori, che impegneranno tra dipendenti e indotto, oltre 10.000 lavoratori …

Leggi tutto…

È quanto prevede il Piano di sviluppo appena pubblicato dalla società per lo sviluppo e potenziamento della rete di trasmissione elettrica nazionale. Le risorse, ben il 7% in più rispetto all’ultimo piano e quasi doppie rispetto al 2017, serviranno ad abilitare la transizione energetica sostenibile e favorire la piena integrazione delle fonti rinnovabili. 27 in totale i progetti previsti, tra nuovi interventi da Nord a Sud della Penisola, interconnessioni con l’estero e collegamenti tra le isole…

Leggi tutto…

In ragione dell’emergena Covid-19, l’Autorità di regolazione energia reti e ambiente (Arera) proroga i termini delle scadenza per richiedere il rinnovo dei bonus sociali nazionali (elettricità, acqua, gas) concessi ai cittadini economicamente svantaggiati. La scadenza è rimandata al 30 giugno 2020, salvo eventuali ulteriori misure regolamentari legate all’emergenza in corso….

Leggi tutto…

La multiutility ha rivisto al rialzo i suoi target di decarbonizzazione, puntando a ridurre del 46% le emissioni di CO2 per kWh prodotto entro il 2030. A questo si aggiungono i nuovi obiettivi di emissioni indirette: azzerate entro il 2024 quelle legate all’utilizzo di energia e combustibili acquistati e ridotte del 20% entro il 2030 quelle per spostamenti, viaggi e altre attività. I nuovi obiettivi sono stati validati dalla Science Based Targets initiative…

Leggi tutto…

Storico risultato per la multiutility che ha chiuso il bilancio 2019 con il fatturato che ha raggiunto il suo livello record di 1,15 miliardi di euro, segnando una crescita del 32% rispetto all’anno precedente. In crescita anche il margine operativo lordo, arrivato a 98 milioni e l’utile netto, salito a 29 milioni. Aumentati anche il personale di 89 unità che portano il totale dei dipendenti a 1.447 …

Leggi tutto…