Snam guarda al futuro con il progetto Snamtec

Dare vita all’azienda energetica del futuro. È il nuovo progetto Snamtec, annunciato da Snam lo scorso anno e ora illustrato dall’amministratore delegato della società, Marco Alverà, durante un convegno di Confindustria Energia svoltosi a Roma.

Obiettivo del progetto è accelerare la capacità innovativa della società e dei suoi asset per cogliere tutte le opportunità offerte dall’evoluzione del sistema energetico. Obiettivo ben sintetizzato nel nome, che unisce quello della società all’acronimo “Tec”, Tomorrow’s Energy Company. Uno sforzo per il quale Snam ha previsto investimenti per ben 850 milioni di investimenti in quattro anni, destinati a quattro aree di attività: maggiore efficienza operativa, con il progetto “smart gas” per la manutenzione della rete di trasporto del gas con nuove tecnologie, ricorso a droni e satelliti per il monitoraggio delle infrastrutture, misurazione in tempo reale dell’assetto geologico del territorio, efficienza energetica; riduzione delle emissioni di metano del 25% al 2025; transizione energetica verso fonti pulite e soluzioni sostenibili, con ben 200 milioni di investimenti per lo sviluppo di biometano, mobilità sostenibile, efficienza energetica, analisi degli impatti sulla rete dell’idrogeno e del mix idrogeno-gas naturale, studio di iniziative di power-to-gas; innovazione e al rafforzamento delle competenze distintive.

«Questo progetto poggia su quattro pilastri: efficienza energetica, tecnologia, mobilità sostenibile e gas rinnovabile – ha spiegato Marco Alverà –. È una sorta di Snam 4.0. La nostra rete sta diventando sempre più un network di energia sostenibile. E con il lavoro di Fondazione Snam, diventa anche una rete virtuale per un rapporto con il territorio fondato sul dialogo e sulla trasparenza. Una rete di idee per mettere in contatto tutti gli stakeholder e agire facendo sistema».


Leggi anche

La società francese si è aggiudicata la gara, pubblicata lo scorso ottobre, per la gestione e il rinnovo del servizio di illuminazione pubblica nella città toscana. Il bando del Comune prevedeva la concessione del servizio per 10 anni e il rinnovo di ben 6300 punti luce, per un importo base di oltre 7,3 milioni di euro …

Leggi tutto…

L’intervento ha visto la posa di 5,5 km di linea interrata e il rinnovo di un tratto di rete aerea dell’estensione di un chilometro ed è stato realizzato con un investimento di un milione di euro. Rientra nelle opere del Progetto Resilienza che la società porta avanti in Toscana per rendere il sistema elettrico più resistente, automatizzato ed efficiente…

Leggi tutto…

Dalla fine dello scorso anno, ben 1200 i vecchi punti luce sostituiti con nuove lampade a led dalla società del Gruppo Hera nell’ambito del progetto di riqualificazione dell’illuminazione cittadina. E con ottimi risultati: più di 380.000 kWh di energia elettrica risparmiata e oltre 200 tonnellate di CO2 in meno emesse in atmosfera. Entro fine estate saranno sostituite ulteriori 300 lampade, e altre 1200 nel primo semestre del 2020…

Leggi tutto…

La multiutility di Mantova lo scorso anno ha registrato la miglior performance di sempre, con il valore della produzione schizzato a 276,4 milioni di euro e utili per 17,5 milioni, come attestato dal bilancio 2018, appena approvato dall’assemblea dei soci. Presentato anche il nuovo Piano industriale 2019-2023 con investimenti previsti per 250 milioni di euro, con un particolare impegno sulla sostenibilità e sulla digitalizzazione delle infrastrutture …

Leggi tutto…

A realizzarla sarà l’associazione temporanea di imprese, costituita da Varese Risorse, A2A Illuminazione Pubblica e Di Bella Costruzioni, che si è aggiudicata il bando da 30 milioni di euro e della durata di 6 anni. Questo prevede l’installazione di oltre 28.000 nuovi punti luce a Led, gestiti da remoto, che garantiranno un risparmio sui consumi energetici del 65% e la mancata emissione di 2400 tonnellate di CO2…

Leggi tutto…