Snam lancia le centrali ibride

Garantire maggiore flessibilità al sistema energetico e, al tempo stesso, una maggiore sostenibilità e una riduzione delle emissioni, come previsto dall’ultimo piano strategico. Risponde a questo duplice obiettivo la scelta di Snam di procedere con la conversione dei suoi impianti in centrali “ibride”, dove la compressione del gas può essere effettuata, oltre che con turbine a gas, anche attraverso motori elettrici.

Tredici in totale gli impianti di compressioni del gestore della rete nazionale di trasporto del gas in tutta la Penisola: Masera (Verbano-Cusio-Ossola), Malborghetto (Udine), Minerbio (Bologna), Sergnano (Cremona), Istrana (Treviso), Poggio Renatico (Ferrara), Terranuova (Arezzo), Gallese (Viterbo), Melizzano (Benevento), Montesano (Salerno), Tarsia (Cosenza), Messina ed Enna. Impianti che costituiscono uno snodo fondamentale per assicurare la distribuzione e la sicurezza energetica a livello nazionale. In questi impianti, infatti, il gas naturale, in gran parte importato dall’estero e proveniente da Russia, Nord Europa e Nord Africa, viene compresso in modo da garantirgli la spinta necessaria per poi percorrere la rete dei gasdotti da Nord a Sud della Penisola.

Il primo progetto di conversione dovrebbe interessare la centrale di Malborghetto per poi estendersi agli altri impianti. Il sistema ibrido consentirà di fornire servizi di flessibilità anche al sistema elettrico trasferendo carico quando richiesto dal motore elettrico, che sarà allacciato alla rete Terna, alla turbina.


Leggi anche

L’AD Paolo Gallo ha presentato il nuovo Piano 2019-2025. Quattro i pilastri fondanti: sviluppo e ammodernamento della rete; digitalizzazione; sviluppo della rete di distribuzione gas in Sardegna; estensione della rete e del numero di utenze con l’acquisizione di altre realtà, in attesa che partano le gare per le concessioni …

Leggi tutto…

È della cooperativa vitivinicola di Caviro di Faenza il primo impianto per la produzione di biometano agricolo connesso alla rete di trasporto del gas di Snam. L’impianto è alimentato con i sottoprodotti del ciclo produttivo della stessa azienda e coi reflui di allevamenti della zona e può produrre biocarburante per alimentare fino a 18.000 veicoli all’anno…

Leggi tutto…

Di fronte alla sfida imposta dai cambiamenti climatici e dalla trasformazione sempre più veloce delle città, la tecnologia e la digitalizzazione svolgeranno un ruolo centrale. Negli interventi istituzionali gli specialisti di enti e utilities mostreranno come le nuove tecnologie siano indispensabili per garantire la continuità dei servizi erogati, riprogettarli e migliorarne la gestione e la qualità in funzione delle nuove esigenze e in un’ottica di sostenibilità ambientale, anche grazie a una più efficiente e capillare raccolta dati….

Leggi tutto…

L’impianto, che sarà realizzato con un investimento di 50 milioni di euro, sorgerà nel comune di Vezzano Ligure e potrà trattare circa 60.000 tonnellate/anno di rifiuti organici da raccolta differenziata, producendo 6 milioni di mc/anno di biometano, da immettere nella rete di distribuzione gas, e 14.300 tonnellate/anno di ammendante di compostato misto destinato all’agricoltura…

Leggi tutto…

Servizi a Rete TOUR 2019, 26-27 Giugno 2019 | Bologna, Spazio HERA

Durante la quinta edizione, dedicata al tema della “Digital transformation e le utility alla guida del cambiamento urbano”, esperti provenienti da tutta Italia si daranno appuntamento a Bologna in “casa HERA” per confrontarsi sul tema della gestione delle reti del sottosuolo e per mettere a fattor comune le proprie esperienze e progetti. Questo uno degli interventi in programma.
Scopri di più……

Leggi tutto…