Snam lancia le centrali ibride

Garantire maggiore flessibilità al sistema energetico e, al tempo stesso, una maggiore sostenibilità e una riduzione delle emissioni, come previsto dall’ultimo piano strategico. Risponde a questo duplice obiettivo la scelta di Snam di procedere con la conversione dei suoi impianti in centrali “ibride”, dove la compressione del gas può essere effettuata, oltre che con turbine a gas, anche attraverso motori elettrici.

Tredici in totale gli impianti di compressioni del gestore della rete nazionale di trasporto del gas in tutta la Penisola: Masera (Verbano-Cusio-Ossola), Malborghetto (Udine), Minerbio (Bologna), Sergnano (Cremona), Istrana (Treviso), Poggio Renatico (Ferrara), Terranuova (Arezzo), Gallese (Viterbo), Melizzano (Benevento), Montesano (Salerno), Tarsia (Cosenza), Messina ed Enna. Impianti che costituiscono uno snodo fondamentale per assicurare la distribuzione e la sicurezza energetica a livello nazionale. In questi impianti, infatti, il gas naturale, in gran parte importato dall’estero e proveniente da Russia, Nord Europa e Nord Africa, viene compresso in modo da garantirgli la spinta necessaria per poi percorrere la rete dei gasdotti da Nord a Sud della Penisola.

Il primo progetto di conversione dovrebbe interessare la centrale di Malborghetto per poi estendersi agli altri impianti. Il sistema ibrido consentirà di fornire servizi di flessibilità anche al sistema elettrico trasferendo carico quando richiesto dal motore elettrico, che sarà allacciato alla rete Terna, alla turbina.


Leggi anche

Entrato in esercizio il cogeneratore che produce energia termica ed elettrica dal biogas generato dal trattamento dei fanghi di depurazione. L’energia ottenuta dall’impianto, che ha una potenza termica di 528 KWT e una potenza elettrica di 404 KWE, viene poi interamente utilizzata per alimentare il processo dei reflui, abbattendo i costi energetici dell’azienda…

Leggi tutto…

I consigli di amministrazione delle due realtà hanno approvato il progetto di fusione che vedrà l’incorporazione in Ascopiave della società che gestisce la distribuzione gas in 32 comuni della provincia di Bergamo. L’operazione, che sarà conclusa entro il primo semestre di quest’anno, consolida la presenza del Gruppo Ascopiave in Lombardia …

Leggi tutto…

L’infrastruttura, che si estende per 75 chilometri, consentirà di fornire il servizio di distribuzione gas a oltre 35.000 cittadini della fascia jonica della provincia di Messina. Progettata e realizzata da Fin Consorzio, è stata voluta da un raggruppamento che comprende 14 comuni dell’area che per la sua realizzazione hanno investito oltre 120 milioni di euro…

Leggi tutto…

Le opere, da tanto attese, saranno concluse entro marzo e interessano le frazioni di San Ginese di Compito e Castelvecchio di Compito del comune in provincia di Lucca. Nel primo caso l’azienda poserà circa 3,5 chilometri di nuove condotte, con un investimento di 700.000 euro, nel secondo 2,5 chilometri di nuove tubazioni con un investimento di 300.000 euro…

Leggi tutto…

Siglato il contratto di trasferimento della proprietà dell’azienda, che gestisce il servizio di distribuzione nel comune di Busseto, in provincia di Parma, alla società del Gruppo Iren. Per Ireti, che si era aggiudicata l’asta pubblica per il controllo dell’azienda con un’offerta di 4,1 milioni di euro, si tratta di un’operazione strategica che rafforza ulteriormente la sua posizione in un Atem strategico per il Gruppo…

Leggi tutto…