Snam lancia le centrali ibride

Garantire maggiore flessibilità al sistema energetico e, al tempo stesso, una maggiore sostenibilità e una riduzione delle emissioni, come previsto dall’ultimo piano strategico. Risponde a questo duplice obiettivo la scelta di Snam di procedere con la conversione dei suoi impianti in centrali “ibride”, dove la compressione del gas può essere effettuata, oltre che con turbine a gas, anche attraverso motori elettrici.

Tredici in totale gli impianti di compressioni del gestore della rete nazionale di trasporto del gas in tutta la Penisola: Masera (Verbano-Cusio-Ossola), Malborghetto (Udine), Minerbio (Bologna), Sergnano (Cremona), Istrana (Treviso), Poggio Renatico (Ferrara), Terranuova (Arezzo), Gallese (Viterbo), Melizzano (Benevento), Montesano (Salerno), Tarsia (Cosenza), Messina ed Enna. Impianti che costituiscono uno snodo fondamentale per assicurare la distribuzione e la sicurezza energetica a livello nazionale. In questi impianti, infatti, il gas naturale, in gran parte importato dall’estero e proveniente da Russia, Nord Europa e Nord Africa, viene compresso in modo da garantirgli la spinta necessaria per poi percorrere la rete dei gasdotti da Nord a Sud della Penisola.

Il primo progetto di conversione dovrebbe interessare la centrale di Malborghetto per poi estendersi agli altri impianti. Il sistema ibrido consentirà di fornire servizi di flessibilità anche al sistema elettrico trasferendo carico quando richiesto dal motore elettrico, che sarà allacciato alla rete Terna, alla turbina.


Leggi anche

La società di distribuzione gas del Gruppo Ascopiave avvierà a breve i nuovi cantieri per la posa di oltre 8 chilometri di condotte nel territorio del comune della provincia di Treviso. I lavori, per un costo di un milione di euro, verranno portati avanti da più squadre in contemporanea in modo da avere il nuovo tratto di infrastruttura pronto entro sette mesi. …

Leggi tutto…

La società ha stretto una partnership con l’americana Picarro per l’utilizzo in Europa di Picarro Surveyor, tra le soluzioni più evolute nel monitoraggio delle reti. Denominata CRDS (Cavity Ring-Down Spectroscopy) è una sofisticata sensing technology che, rispetto alle tradizionali, garantisce un controllo più rapido, approfondito e una maggiore sensibilità di rilevazione della presenza di gas…

Leggi tutto…

Lo ha dichiarato Paolo Gallo, fresco di riconferma nel ruolo di amministratore delegato della società, che ha anticipato che Italgas presenterà un’offerta non vincolante per il pacchetto della distribuzione gas dell’utility veneta. Ascopiave ha infatti avviato un riassetto dei suoi business puntando a cedere le attività di vendita di energia per focalizzarsi sulla distribuzione gas anche con partnership strategiche …

Leggi tutto…

La sperimentazione ha preso il via a Contursi Terme, in provincia di Salerno, con la fornitura a due realtà locali di una miscela di idrogeno al 5% e gas attraverso la rete di trasporto. Un passaggio cruciale verso gli obiettivi europei al 2050, in quanto l’idrogeno è una tecnologia chiave per la decarbonizzazione e lo stoccaggio delle fonti rinnovabili…

Leggi tutto…

Le tre società hanno siglato una lettera d’intenti non vincolante per l’avvio dello studio di un percorso congiunto per valutare la possibile acquisizione degli asset del gruppo Ascopiave nella vendita di elettricità e gas e la costituzione di un’alleanza nel settore della distribuzione gas. Un’operazione che nasce dalla volontà di Ascopiave di cedere le sue attività commerciali per focalizzarsi sulla distribuzione…

Leggi tutto…