Snam: prestito dalla Bei per la mobilità sostenibile

Snam sempre più attiva sul fronte della mobilità sostenibile. I progetti, più nello specifico, riguardano la realizzazione sul territorio nazionale di 101 stazioni di rifornimento di gas naturale compresso (CNG) e 9 di gas liquefatto e compresso (L-CNG) per un totale di circa 50 milioni di euro. Il finanziamento, che come da prassi Bei sarà pari al massimo al 50% del costo degli investimenti, è il primo ottenuto da Snam per Snam4Mobility, la controllata al 100% attiva nella mobilità sostenibile, e ha struttura amortizing con scadenza nel dicembre 2031 e tasso fisso di 0,547%.

Le nuove stazioni fanno parte degli investimenti dell’azienda per rafforzare la rete di distribuzione italiana di gas naturale e rinnovabile (biometano), che rappresenta una delle migliori tecnologie per la mobilità sostenibile in termini economici e ambientali. In Italia, Snam, attraverso Snam4Mobility, ha avviato finora 6 nuovi distributori, ne conta circa 60 in fase di realizzazione e prevede di costruirne complessivamente 300 nei prossimi anni. L’impegno in questo settore rientra nel progetto Snamtec, varato nell’ambito del piano strategico 2018-2022 e sostenuto da investimenti per 850 milioni di euro in sostenibilità, innovazione tecnologica e nuove linee di business legate alla transizione energetica.

Il finanziamento è complementare al contributo dell’Unione europea erogato tramite il programma Cef (Connecting Europe Facility) per 1,3 milioni di euro, ottenuto lo scorso dicembre, per la realizzazione delle 9 stazioni L-CNG.


Leggi anche

Il documento 361/2018/R/gas illustra gli orientamenti dell’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente in merito alle nuove direttive per la connessione degli impianti di biometano alle reti gas e riguardo l’incentivazione del biometano. Gli interessati hanno tempo per esprimere le loro osservazioni e proposte fino al 30 luglio …

Leggi tutto…

Ieri è ricorso il primo anniversario della sperimentazione sulla Panda a metano alimentata esclusivamente con il biometano prodotto dall’impianto per la depurazione delle acque reflue del Gruppo CAP a Bresso-Niguarda (Milano). Infatti, il 14 marzo 2017 al Mirafiori Motor Village di Torino, Elisa Boscherini (responsabile di Institutional Relations di FCA per l’area EMEA) consegnò la vettura ad Alessandro Russo, presidente di Gruppo CAP. …

Leggi tutto…

Partite le opere per dotare la cittadina in provincia di Salerno di una rete di distribuzione del metano. A occuparsi del progetto, finanziato interamente con fondi Cipe e di Regione Campania per oltre 10 milioni di euro, è la società avellinese che già gestisce il servizio in altri 16 centri campani…

Leggi tutto…

La multiutility ha presentato il Bilancio di sostenibilità relativo alla città e alla sua provincia nel 2016. In calo le emissioni di CO2 del 5%, grazie in particolare al termovalorizzatore che alimenta la rete del calore. Della stessa percentuale cresce la ricchezza distribuita sul territorio, che ha toccato i 263 milioni di euro, mentre ammontano a 161 milioni gli investimenti nel ciclo idrico previsti al 2020…

Leggi tutto…

L’azienda poserà circa 620 metri di condotte per allacciare due tratti di infrastruttura già esistente. L’intervento riguarda la zona industriale del comune barese, dove negli scorsi mesi era stata realizzata la rete di distribuzione, non ancora entrata in servizio per problemi legati alle pressioni di esercizio che le nuove opere risolveranno definitivamente …

Leggi tutto…