Snam punta a sviluppare progetti in Cina


Snam punta alla Cina. La società che gestisce la rete di trasporto nazionale ha siglato un accordo con la società Beijing Gas, il maggior distributore e fornitore di gas naturale del Paese, con una rete di 22.000 chilometri e oltre 6 milioni di clienti nell’area di Pechino. A siglare l’intesa l’amministratore delegato di Snam, Marco Alverà, e la presidente di Beijing Gas, Li Yalan, a margine del Consiglio mondiale dell’International gas union (Igu) a Venezia.
Con la sigla del memorandum of understanding le due società si sono impegnate a studiare possibili iniziative in comune, in particolare nel biometano e nello stoccaggio di gas naturale, da sviluppare in Cina.
Nulla di concreto per il momento, ma un fondamentale passo per l’ingresso della nostra società nell’enorme mercato cinese. Per Snam, che di recente ha aperto per la prima volta una sede a Pechino, è una opportunità per trovare nuovi business. Per il governo cinese è quello di avere una utility europea leader del mercato, che possa sviluppare un settore ancora arretrato: al momento non esiste in Cina un grande gruppo nella distribuzione del gas, ma una miriade di imprese locali.
La Cina ha indicato il gas come fonte essenziale del proprio mix energetico per sostituire gradualmente la produzione elettrica a base di carbone, che oggi copre quasi il 60% del totale. Le stime Iea (International energy agency) prevedono una crescita della domanda del 60% al 2040, crescita che richiederà importanti investimenti in infrastrutture di stoccaggio gas. Attualmente la Cina ha una capacità di stoccaggio pari a solo il 2% della domanda, confrontato al 20% per l’Italia.
«Questa iniziativa apre la strada a una collaborazione tra Snam e Beijing Gas nello sviluppo di nuove fonti di energia rinnovabile e nelle infrastrutture di stoccaggio – ha commentato l’ad di Snam, Marco Alverà -. Siamo interessati a sviluppare progetti in Cina, un paese la cui domanda di gas triplicherà da qui al 2040, contribuendo a un mix energetico più sostenibile».


Leggi anche

Al centro dell’accordo la realizzazione di progetti pilota che prevedono l’impiego della tecnologia Power to Gas (P2G), un processo innovativo messo a punto da ENEA, che consente di produrre gas alternativi, come il metano sintetico e idrogeno, con l’energia elettrica generata in surplus da fonti rinnovabili. Gas che possono essere stoccati e distribuiti nelle reti gas esistenti…

Leggi tutto…

La società gestirà il servizio per i prossimi 12 anni nei 48 comuni dell’Ambito, per un totale di 190.000 utenze finali. Italgas si è aggiudicata la gara con un’offerta che prevede 200 milioni di investimenti destinati all’estensione delle reti nelle aree non ancora raggiunte dal servizio, al potenziamento e digitalizzazione delle infrastrutture e al miglioramento della qualità e sicurezza …

Leggi tutto…

Dopo aver acquisito, lo scorso dicembre, il 60% del capitale azionario della società da CPL Concordia, Italgas ne completa l’acquisizione rilevando anche il restante 40% per circa 21 milioni di euro. Un’operazione strategica per rafforzarsi ulteriormente nel Sud Italia dove Egn conta complessivamente 37 concessioni per la distribuzione gas tra Sicilia, Calabria e Campania…

Leggi tutto…

La società di distribuzione gas del Gruppo Ascopiave avvierà a breve i nuovi cantieri per la posa di oltre 8 chilometri di condotte nel territorio del comune della provincia di Treviso. I lavori, per un costo di un milione di euro, verranno portati avanti da più squadre in contemporanea in modo da avere il nuovo tratto di infrastruttura pronto entro sette mesi. …

Leggi tutto…

La società ha stretto una partnership con l’americana Picarro per l’utilizzo in Europa di Picarro Surveyor, tra le soluzioni più evolute nel monitoraggio delle reti. Denominata CRDS (Cavity Ring-Down Spectroscopy) è una sofisticata sensing technology che, rispetto alle tradizionali, garantisce un controllo più rapido, approfondito e una maggiore sensibilità di rilevazione della presenza di gas…

Leggi tutto…