Snam punta a sviluppare progetti in Cina


Snam punta alla Cina. La società che gestisce la rete di trasporto nazionale ha siglato un accordo con la società Beijing Gas, il maggior distributore e fornitore di gas naturale del Paese, con una rete di 22.000 chilometri e oltre 6 milioni di clienti nell’area di Pechino. A siglare l’intesa l’amministratore delegato di Snam, Marco Alverà, e la presidente di Beijing Gas, Li Yalan, a margine del Consiglio mondiale dell’International gas union (Igu) a Venezia.
Con la sigla del memorandum of understanding le due società si sono impegnate a studiare possibili iniziative in comune, in particolare nel biometano e nello stoccaggio di gas naturale, da sviluppare in Cina.
Nulla di concreto per il momento, ma un fondamentale passo per l’ingresso della nostra società nell’enorme mercato cinese. Per Snam, che di recente ha aperto per la prima volta una sede a Pechino, è una opportunità per trovare nuovi business. Per il governo cinese è quello di avere una utility europea leader del mercato, che possa sviluppare un settore ancora arretrato: al momento non esiste in Cina un grande gruppo nella distribuzione del gas, ma una miriade di imprese locali.
La Cina ha indicato il gas come fonte essenziale del proprio mix energetico per sostituire gradualmente la produzione elettrica a base di carbone, che oggi copre quasi il 60% del totale. Le stime Iea (International energy agency) prevedono una crescita della domanda del 60% al 2040, crescita che richiederà importanti investimenti in infrastrutture di stoccaggio gas. Attualmente la Cina ha una capacità di stoccaggio pari a solo il 2% della domanda, confrontato al 20% per l’Italia.
«Questa iniziativa apre la strada a una collaborazione tra Snam e Beijing Gas nello sviluppo di nuove fonti di energia rinnovabile e nelle infrastrutture di stoccaggio – ha commentato l’ad di Snam, Marco Alverà -. Siamo interessati a sviluppare progetti in Cina, un paese la cui domanda di gas triplicherà da qui al 2040, contribuendo a un mix energetico più sostenibile».


Leggi anche

Realizzato con il Politecnico di Milano, il report ha analizzato l’impatto a 360° di questi impianti sui territori. I risultati dicono che si tratta di una soluzione vincente sia sul piano ambientale, abbattendo le emissioni di CO2 e di polveri sottili, sia sul piano economico ed occupazionale: 1 euro fatturato dagli impianti genera un impatto sul sistema economico di 2,65 euro e per ogni lavoratore impiegato dal teleriscaldamento nascono 15,5 posti lungo tutta la filiera…

Leggi tutto…

Al via l’ammodernamento della pubblica illuminazione nei 21 comuni del bresciano. Il progetto, lanciato dalla Provincia di Brescia, ha come partner Engie Italia, e prevede la sostituzione di oltre 23.000 corpi illuminanti con lampade a led, la realizzazione di 70 km di nuove linee elettriche e cavidotti e interventi in ottica smart city, come l’installazione di unità wi-fi, centraline meteo, videosorveglianza…

Leggi tutto…

Terna ha qualificato la Uvap di Ego alla quale è collegata la centrale di cogenerazione che alimenta la rete di distribuzione del calore. Ora può operare sul mercato del servizio di dispacciamento: l’energia elettrica prodotta sarà utilizzata dal gestore della rete nazionale per il bilanciamento della rete, fornendo una flessibilità a salire e a scendere di 8 MW …

Leggi tutto…

Anche quest’anno Gruppo CAP sarà presente a Ecomondo, per presentare i progetti e le sperimentazioni più recenti e per rendere trasparenti e tangibili i risultati che si possono raggiungere in termini di innovazione per la tutela dell’ambiente. Alla fiera leader della circular e green economy, lo stand di Gruppo CAP è nel padiglione D1 – Global Water Expo – corsia 2, stand 34

Leggi tutto…

L’azienda del Gruppo Maggioli ha siglato con Vodafone un accordo che prevede il completamento della copertura della nuova rete cellulare NB-IoT su tutto il territorio nazionale. Il sistema, denominato SMAQ, in corso di installazione in alcuni zone della provincia ovest di Milano e nella provincia di Roma, consentirà ai gestori delle reti idriche di adempiere a quanto ARERA ha imposto per ottimizzare il servizio in termini di trasparenza verso il consumatore e risparmio della risorsa idrica…

Leggi tutto…