Snam punta a sviluppare progetti in Cina


Snam punta alla Cina. La società che gestisce la rete di trasporto nazionale ha siglato un accordo con la società Beijing Gas, il maggior distributore e fornitore di gas naturale del Paese, con una rete di 22.000 chilometri e oltre 6 milioni di clienti nell’area di Pechino. A siglare l’intesa l’amministratore delegato di Snam, Marco Alverà, e la presidente di Beijing Gas, Li Yalan, a margine del Consiglio mondiale dell’International gas union (Igu) a Venezia.
Con la sigla del memorandum of understanding le due società si sono impegnate a studiare possibili iniziative in comune, in particolare nel biometano e nello stoccaggio di gas naturale, da sviluppare in Cina.
Nulla di concreto per il momento, ma un fondamentale passo per l’ingresso della nostra società nell’enorme mercato cinese. Per Snam, che di recente ha aperto per la prima volta una sede a Pechino, è una opportunità per trovare nuovi business. Per il governo cinese è quello di avere una utility europea leader del mercato, che possa sviluppare un settore ancora arretrato: al momento non esiste in Cina un grande gruppo nella distribuzione del gas, ma una miriade di imprese locali.
La Cina ha indicato il gas come fonte essenziale del proprio mix energetico per sostituire gradualmente la produzione elettrica a base di carbone, che oggi copre quasi il 60% del totale. Le stime Iea (International energy agency) prevedono una crescita della domanda del 60% al 2040, crescita che richiederà importanti investimenti in infrastrutture di stoccaggio gas. Attualmente la Cina ha una capacità di stoccaggio pari a solo il 2% della domanda, confrontato al 20% per l’Italia.
«Questa iniziativa apre la strada a una collaborazione tra Snam e Beijing Gas nello sviluppo di nuove fonti di energia rinnovabile e nelle infrastrutture di stoccaggio – ha commentato l’ad di Snam, Marco Alverà -. Siamo interessati a sviluppare progetti in Cina, un paese la cui domanda di gas triplicherà da qui al 2040, contribuendo a un mix energetico più sostenibile».


Leggi anche

Approvato dal consiglio di amministrazione il Piano industriale al 2023 della multiutility del Nord della Lombardia. Gli investimenti, pari a 568 milioni, saranno concentrati nella business unit Reti, per puntare soprattutto alle prossime gare sulla distribuzione del gas. Il documento prevede ricavi intorno al mezzo miliardo alla fine del periodo …

Leggi tutto…

Annunciata a giugno, l’operazione riguarda l’acquisizione da Cpl Concordia del 60% European Gas Network, alla quale fanno capo indirettamente 37 concessioni in Sicilia, Calabria e Campania, e del 100% di Fontenergia, concessionaria della distribuzione nel Bacino 22 della regione Sardegna, e di Naturgas, attiva a San Giuseppe Vesuviano (Napoli)…

Leggi tutto…

La società del gruppo Gas Plus, quarto produttore nazionale di gas, si è aggiudicata la gara bandita dal Comune per la vendita di Rete Gas Fidenza, la municipalizzata che si occupa della distribuzione gas nella cittadina e proprietaria della rete. Gp Infrastrutture ha vinto il bando con un’offerta di 14 milioni di euro, accompagnata da un programma di espansione dell’infrastruttura …

Leggi tutto…

All’incontro con gli stakeholder, la società ha presentato tre iniziative sui temi dell’innovazione e transizione energetica e dell’impresa sociale: il progetto Snamtec, nel quale investirà 850 milioni di euro entro il 2022 per costruire l’azienda energetica del futuro, rinnovabile, tecnologica e digitale; la Social Supply Chain, per coinvolgere le imprese sociali nella catena di fornitura; la piattaforma Snam Up, che consentirà a ognuno di proporre nuovi progetti e sviluppare imprenditorialità…

Leggi tutto…

I risultati consolidati al 30 settembre vedono l’utile netto crescere del 6,1% a 226,4 milioni, e di quasi il 9% l’utile operativo. Sui ricavi, che ammontano a 880,7 milioni, generati soprattutto dalle attività di distribuzione gas. Nello stesso periodo sono stati investiti 349 milioni di euro, dei quali la quota maggiore per l’installazione degli smart meter: 1.386 milioni quelli posati nei 9 mesi, portando il totale a 4.283 milioni, pari al 53,2% dell’intero parco contatori …

Leggi tutto…