Soluzione Ritmo per il Teleriscaldamento: COMPACT 355

Cogenerazione, termovalorizzazione, biomasse, risparmio energetico, benefici ambientali. Sono parole ormai di uso comune e ben integrante del nostro linguaggio. Parole, che a ben guardare, trovano il loro valore e giusta collocazione anche dentro il concetto di “teleriscaldamento”.  

L’uso di risorse naturali come la geotermia o la biomassa legnosa abbinata ad una efficienza energetica migliorata (con materiali e temperature di esercizio) portano in primo piano il valore del teleriscaldamento, con lo scopo di renderlo un sistema sempre più moderno grazie alla miglior resa e al miglioramento dell’impatto ambientale.

Nuovi materiali e nuove opportunità portano il “concetto teleriscalmento” a slegarsi dal solo uso del metallo. Ecco che, in questo ambito, trova una sua collocazione, una sua nicchia, l’uso del tubo in plastica preisolato per il quale l’offerta di Ritmo si presenta attraverso una saldatrice dedicata: COMPACT 355, che pur differendo  dalle classiche saldatrici testa a testa della gamma, ne mantiene i principi di qualità.

Tutto è stato ottimizzato per l’utilizzo in spazi ristretti e con ingombri definiti dal “sistema di coibentazione” del tubo preisolato. Da qui la necessità di un corpo macchina di derivazione Basic, riprogettato e in grado di lavorare con sole due morse. Tutto ciò rende il modello compatto ed efficace con tubi preisolati in PE e PP con diametro da 125 a 355 mm.

Le morse sono dotate del sistema Smartlock (brevetto Ritmo) dove la sostituzione delle riduzioni avviene in modo rapido e senza attrezzi. Le morse inoltre sono in grado di montare un Master da 250 mm che permette di usare riduzioni RITMO compatibili.

Fra le peculiarità del modello, il Termoregolatore elettronico ad alta precisione DIGITAL DRAGON permette all’operatore sia la regolazione della temperatura della termopiastra in modo facile e preciso, sia la lettura della stessa in modo chiaro ed intuitivo.

I cilindri di spinta sono comandati da una centralina idraulica che è alloggiata in un box di plastica, che oltre a facilitarne il trasporto, funge anche da guscio protettivo. La fresa è dotata di microinterruttore di sicurezza contro avviamenti accidentali e dal dispositivo termico di protezione del motore. La fresa può disporre di lame speciali per tubi PP-R.

COMPACT 355 è pertanto parte di quell’attenzione che Ritmo riserva ai propri clienti. Che si tratti di saldatrici classiche, o di prodotti definiti di “nicchia”, come quelli che trovano impiego nel teleriscaldamento, Ritmo c’è, e gioca il suo ruolo di “Azienda Specializzata” in saldatrici per la plastica.


Leggi anche

Centrale Lamarmora

La prossima stagione termica a Brescia sarà ancora più green. La multiutility ha deciso di eliminare l’utilizzo di carbone nella centrale Lamarmora, che rappresenta la seconda fonte di generazione di calore per la rete di teleriscaldamento cittadino, contribuendo al 30% del fabbisogno. Una scelta che segna una decisa accelerata sul programma di decarbonizzazione annunciato da A2A…

Leggi tutto…

Il sistema sviluppato e gestito da Hera ha appena ottenuto la certificazione Carbon Footprint rilasciata da Sgs per il suo basso impatto ambientale. Alimentato per il 90% con energia termica da fonte geotermica e con il recupero di calore del termovalorizzatore cittadino, il sistema, come rilevato da uno studio condotto da Ergo, emette solo 122 g di CO2 per ogni kWh termico immesso in rete…

Leggi tutto…

CogenInfra, attivo nel teleriscaldamento e nei servizi di efficienza energetica, entra nel capitale azionario della società che gestisce il teleriscaldamento a Tirano, Sondalo e Santa Caterina Valfurva, in provincia di Sondrio. Un’operazione che permette a Tcvvv di ampliare le sue prospettive industriali, rafforzandosi sul territorio e puntando sull’offerta di nuovi servizi…

Leggi tutto…

Alperia, l’utility energetica dell’Alto Adige, ha presentato il progetto per il nuovo impianto a servizio della rete di distribuzione del calore della cittadina della provincia di Bolzano. La centrale sarà alimentata a biomasse e sarà dotata di un generatore della potenza di 8 MW, in grado di produrre 27 GWh di energia termica ogni anno, sufficienti a scaldare circa 2500 appartamenti, evitando l’emissione in atmosfera di 5500 tonnellate di CO2 annue…

Leggi tutto…

Progettato da E.S.Co. BIM e Comuni del Chiese, la società energetica dei comuni del bacino del Chiese, il sistema è stato realizzato con un investimento di 4,9 milioni di euro. È costituito da una centrale alimentata con biomassa proveniente dai boschi che circondano il comune della provincia di Trento e da una doppia rete che si estende in totale per 5,3 chilometri…

Leggi tutto…