SR-24 Localizzatore di linee & Trasmettitore ST-33Q+


Con l’introduzione del SeekTech SR-24 Line Locator, RIDGID® è orgogliosa di continuare la sua tradizione di combinare tecnologie avanzate con l’innovazione, per creare prodotti che aiutano a rendere più facile il lavoro di localizzazione. L’SR-24 Line Locator è un ricevitore di posizionamento che semplifica la creazione di mappe accurate di sottoservizi, al fine di mappare e/o proteggere durante gli scavi i sottoservizi.

Il ricevitore SR-24 può essere usato abbinato a un trasmettitore RIDGID® SeekTech® e in particolare al nuovo ST-33Q+ alimentato con batteria da 18V Li-Ion per individuare la posizione di linee e di servizi interrati. Quando un campo di un segnale elettromagnetico è presente in un conduttore metallico, l’SR-24 mostra una mappa della posizione stimata e la direzione del segnale. Quando interferenze o segnali contrastanti vengono rilevati, l’SR-24 informa l’operatore, riducendo la possibilità di un rilevamento impreciso. Con il GPS integrato e la tecnologia Bluetooth™, tutti i dati individuati possono essere trasmessi a uno smartphone o tablet ed esportati sul software GIS.

  • Display di mappatura. Le informazioni sul segnale in tempo reale indicano la posizione, la direzione, la profondità e l’affidabilità.
  • Sistema di antenna multipla. I punti morti, o nulli, sono eliminati per una maggiore velocità e precisione di localizzazione.
  • GPS incorporato. Rileva le coordinate GPS per la mappatura e per il trasferimento sul software GIS.
  • Accoppiamento con un ricevitore GPS. Il Bluetooth™ integrato consente l’accoppiamento con un ricevitore GPS esterno ad alta risoluzione.
  • Trasferimento dati. Connessione a dispositivi Bluetooth™ abilitati per la registrazione completa dei dati.
  • RIDGID Trax App per Smartphone/Tablet. Mappa e identifica tracce multiple e punti di riferimento ed esporta i dati delle tracce sul software GIS. Le mappe registrate possono essere condivise in formato KML (Google Earth) tramite e-mail.

Il ricevitore RIDGID SeekTech SR-24 e il trasmettitore RIDGID SeekTech ST-33Q+ sono dotati di Bluetooth® che consente alle due unità di comunicare fra loro durante il funzionamento. Quando il Bluetooth è abilitato su entrambe le unità, è possibile usare il SR-24 per seguire da remoto ciò che accade sullo schermo del trasmettitore e controllarne il funzionamento durante la localizzazione; in questo modo non sarà più necessario andare avanti e indietro fra il trasmettitore e il ricevitore per cambiare le impostazioni  L’ST-33Q+ e l’SR-24 funzionano al meglio se durante la connessione Buetoooth la distanza fra loro è minore di 200 m. La qualità della connessione fra i due apparecchi può essere influenzata da molti fattori, fra cui la distanza e la presenza di oggetti lungo il percorso. Perché la qualità della connessione sia ottimale, cercare di mantenere sgombra la linea di vista fra gli apparecchi e sistemare il trasmettitore in modo che la batteria sia rivolta verso il ricevitore. Se ci sono oggetti che bloccano la linea di vista tra il trasmettitore e il ricevitore, la qualità della connessione si riduce in modo significativo.

Nella Modalità Tracciamento di Linea Attivo l’unità SR‑24 rileva i segnali generati da un trasmettitore di linea, come il SeekTech ST-33Q+ di RIDGID. I trasmettitori possono trasmettere un segnale di tracciamento a una servizio in tre modi: Tramite Connessione Diretta (contatto metallo-metallo), tramite un Morsetto Induttivo, o tramite Induzione prodotta tramite l’antenna trasmittente interna del trasmettitore.

L’unità SR‑24 è dotata di due frequenze di Tracciamento di Linea Passivo: Frequenze di Rete e Frequenze Radio, che comprendono OmniSeek®. OmniSeek è una impostazione di frequenza esclusiva SeekTech, che rileva radiofrequenze e frequenze di rete simultaneamente. L’impostazione predefinita prevede che tutte le frequenze di Tracciamento di Linea Passivo siano attivate nel Menu Principale.


Leggi anche

Al focus sull’attività di monitoraggio della rete fognaria alla ricerca degli eventi inquinanti è dedicata la 5° tappa dell’IWS Italian Water Tour, ciclo di webinar dedicato alla divulgazione di buone pratiche sulla digitalizzazione del sistema Idrico Integrato. Trasmetteremo dalla sede di Acque Veronesi presentando, in particolare, due case history di successo della water utility ospitante e di Gruppo CAP, riguardo l’applicazione della tecnologia Kando….

Leggi tutto…

Dureranno otto mesi i lavori per la sostituzione di oltre 3 chilometri di condotte avviati dal gestore nel comune brianzolo. Un intervento da 1,5 milioni di euro, che permetterà di porre fine ai continui problemi di perdite che affliggono le porzioni di rete del rione Campone e della frazione di Agliate, che negli anni hanno richiesto continui lavori di riparazione …

Leggi tutto…

La società che gestisce il ciclo idrico nella città di Napoli ha messo a punto il PSA, ora in attesa di approvazione dal Ministero della Salute. Sviluppato con il supporto dell’Istituto Superiore di Sanità e di altri enti, interessa in particolare la filiera idrica che dalle sorgenti del Serino va fino all’area della città servita dal serbatoio di Chiaiano…

Leggi tutto…

Dopo un decennio di stop, riprendono i lavori per il completamento dell’importante infrastruttura che permetterà di raccogliere e convogliare le acque bianche e nere tra la zona di via Leonardo Da Vinci fino al depuratore di Acqua dei Corsari. Una mega opera che doveva costituire l’asse del sistema fognario della città, il cui iter per la realizzazione è iniziato negli anni Sessanta, ma rimasta incompiuta…

Leggi tutto…

Il nuovo presidio fa parte dell’Unità operativa Foligno-Spoleto e gestisce gli impianti elettrici di media e bassa tensione nei territori comunali di Norcia, Cascia, Preci, Monteleone di Spoleto, Poggiodomo e Sellano. Rappresenta anche un nuovo tassello nella ricostruzione della città di San Benedetto dopo il sisma del 2016, città nella quale la società vuole realizzare una delle smart grid più innovative della Penisola…

Leggi tutto…