Stanziati 4,7 milioni di euro in Veneto per fognatura e depurazione

4,7 milioni di euro dalla giunta regionale Veneta

L’ammodernamento delle reti idriche pubbliche è una priorità, presi in esame soprattutto le fognature e gli impianti di depurazione.
Maurizio Conte, assessore all’ambiente e al ciclo dell’acqua precisa che gran parte dei proventi derivano dai canoni di concessione di acqua pubblica (quasi 4 milioni) mentre la parte restante (816 mila euro) proviene da altri capitoli di bilancio destinati al finanziamento di interventi che perseguono l’obiettivo della tutela delle acque e della riduzione dell’inquinamento.
Per l’annualità 2014 – aggiunge Conte – la ripartizione disposta dalla giunta regionale ha individuato come obiettivi prioritari – relativamente alla progettazione e alla costruzione di impianti e infrastrutture afferenti al ciclo integrato delle acque – gli interventi per il superamento delle situazioni di emergenza per la salute pubblica o di grave rischio ambientale, con particolare riferimento agli agglomerati di fognatura; l’attuazione delle disposizioni stabilite per il ciclo dell’acqua dalla specifica normativa di settore e dalle Direttive comunitarie; la salvaguardia della qualità delle acque del bacino scolante in Laguna di Venezia.
Dell’importo complessivo, 3,9 milioni sono stati assegnati a cinque interventi ritenuti urgenti.

– Un importo di 800 mila euro per l’adeguamento del sistema depurativo di Villa Bartolomea (Verona), segnalato dal Gestore Acque Veronesi Scarl. Risulta necessario per adeguare i depuratori esistenti nell’agglomerato di Villa Bartolomea, in modo da raggiungere gli standard richiesti dalla Direttiva 91/271/CEE.

-400 mila euro vanno all’Alto Trevigiano Servizi Srl per la realizzazione del primo lotto del nuovo impianto di depurazione di Follina (Treviso). L’agglomerato di Follina è stato inserito dalla Commissione Europea tra quelli oggetto di costituzione in mora nell’ambito della procedura di infrazione per il mancato rispetto della Direttiva 91/271/CEE. La realizzazione dell’intervento mira a superare la situazione.

– E’ di un milione di euro l’importo assegnato al Centro Veneto Servizi S.p.A.per la condotta di scarico di acque depurate del depuratore di Conselve (Padova) all’esterno del bacino scolante in Laguna di Venezia e di 1.050.000 euro l’importo destinate ad Etra S.p.A. per l’ampliamento e all’adeguamento tecnologico dell’impianto di depurazione del comune di Selvazzano Dentro (Padova).

– E’ di circa 661.000 euro l’importo previsto a favore di Acque Vicentine S.p.A. per il potenziamento dell’impianto di depurazione nel comune di Noventa Vicentina (Vicenza). L’agglomerato è stato inserito nell’ambito del contenzioso comunitario 2007 per il mancato rispetto della Direttiva europea 91/271/CEE.
Con questo provvedimento la Regione ha impegnato altri 816.533 euro a favore dei Gestori del servizio idrico integrato per il finanziamento di interventi finalizzati alla tutela delle acque e alla riduzione dell’inquinamento.

Gestore del servizio idrico integrato Comuni interessati Titolo intervento Finanziamento

Servizi Idrici Sinistra Piave S.r.l. San Fior Collegamento fognatura nera € 25.000,00
Azienda Gardesana Servizi S.p.A. Brentino Belluno Adeguamento rete fognaria € 100.000,00
Azienda Gardesana Servizi S.p.A.Peschiera del Garda Separazione rete fognaria con realizzazione di nuova condotta di alleggerimento € 180.000,00
Etra S.p.A. Galliera Veneta Estensione fognatura nera € 150.000,00
Livenza Tagliamento Acque S.p.A. Pramaggiore Ottimizzazione rete fognaria e impianto di depurazione € 120.000,00
Polesine Acque S.p.A. Castagnaro Impianto di depurazione frazione Menà € 241.533,10


Leggi anche

Alla luce dell’aumento della popolazione e della domanda di nuove abitazioni è sempre più pressante la necessità di trovare strumenti innovativi per identificare e risolvere i problemi nelle reti fognarie e di distribuzione dell’acqua potabile. Grazie ai gemelli digitali e ai modelli di dati 3D, gli addetti al servizio clienti vengono immediatamente avvisati di eventuali anomalie all’interno della rete e possono localizzare facilmente le interruzioni dell’erogazione….

Leggi tutto…

Martedì 21 giugno, durante la live demo di 45 minuti circa organizzata in collaborazione con Servizi a Rete, l’esperto VEGA Alessio Cannizzo mostrerà come rendere sicuri i processi delle acque reflue, comprese le soluzioni ATEX più semplici.
Clicca qui per riservare il tuo posto

Leggi tutto…

Con un investimento di 5 milioni di euro, il gestore idrico ha dato il via a un importante progetto di razionalizzazione del sistema di raccolta e trattamento dei reflui in una porzione della bassa Lomellina. Il progetto prevede la posa di un nuovo collettore fognario dell’estensione di 15 chilometri a servizio di cinque centri abitati che porterà i reflui al depuratore di Sannazzaro de’ Burgondi, la cui capacità di trattamento sarà potenziata…

Leggi tutto…

La società ha concluso gli interventi di ammodernamento e potenziamento dei due impianti entrati in funzione nel 1980. Gli interventi sono stati realizzati con un investimento complessivo di 8,1 milioni di euro, dei quali 2,6 per il depuratore di Nibionno e 5,5 per quello di Valmadrera. Quest’ultimo, che già tratta i reflui di 12 comuni, è stato potenziato per accogliere anche i reflui di Oliveto Lario e della frazione Civenna del comune di Bellagio…

Leggi tutto…

monitoraggio

Come garantire in modo veloce e costante il monitoraggio dei grandi collettori fognari? Tramite un complesso sistema di Fibre Ottiche Sensing. I cavi in fibra ottica distribuiti su tutta la lunghezza delle condotte fognarie danno luogo ad una fitta rete di misure, in grado di eseguire il monitoraggio strutturale e idraulico delle condotte….

Leggi tutto…