Stefano Donnarumma Terna

Stefano Donnarumma e Valentina Bosetti scelti alla guida di Terna

Cambio al vertice di Terna. L’assemblea dei soci ha nominato Stefano Donnarumma come nuovo amministratore delegato e Valentina Bosetti nel ruolo di presidente. Donnarumma, che si è dimesso da Acea, dove occupava lo stesso ruolo, è stato anche nominato direttore generale della società che gestisce la rete elettrica nazionale. Donnarumma e Bosetti succedono nelle loro cariche, rispettivamente, a Luigi Ferraris e Catia Bastioli

L’assemblea ha anche approvato l’ampliamento del numero dei membri del consiglio di amministrazione, passati così da 9 a 13. Proposta avanzata dall’azionista di maggioranza della società, Cdp Reti.

Insieme a Bosetti e Donnarumma fanno parte del nuovo consiglio di amministrazione, in carica per il prossimo triennio: Alessandra Faella, Yunpeng He, indicato da State Grid Corporation of China, socio cinese di Cdp Reti, Valentina Canalini, Ernesto Carbone, Giuseppe Ferri, Antonella Baldino e Fabio Corsico, in rappresentanza di Cdp; Marco Giorgino, Gabriella Porcelli, Paola Giannotti e Jean-Michel Aubertin, in rappresentanza dei soci di minoranza.

«Mi preme innanzitutto sottolineare che è stato per me un onore guidare Terna in questi tre anni – ha dichiarato l’ex AD Ferraris, nel congedarsi dalla società -.  Un triennio caratterizzato da una trasformazione epocale del settore energetico in Italia, in Europa e nel mondo, verso la completa decarbonizzazione e il pieno utilizzo delle fonti rinnovabili. In questo contesto, Terna esercita un ruolo centrale come abilitatore della transizione energetica in atto».

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Bastioli, all’addio dopo due mandati. «Terna è un asset strategico fondamentale per il Paese e per gli investitori, che grazie al lavoro fatto fin qui è pronta a dare un contributo rilevante in questo momento senza precedenti per la storia del nostro Paese e dell’umanità – ha detto la ex presidente -. La società è stata lungimirante nel cogliere da subito la sfida della evoluzione e crescita di resilienza della rete e delle infrastrutture energetiche nel contesto dinamico della transizione globale, per essere un driver del cambiamento nel sistema elettrico ed energetico del nostro Paese e dell’Europa».


Leggi anche

Iniziato l’iter autorizzativo per la linea Santa Teresa-Tempio-Buddusò, un nuovo elettrodotto da realizzare nel Nord della Sardegna e funzionale al fabbisogno estivo e alla decabonizzazione dell’isola. Insieme alla rete, che si svilupperà per 90 km, attraversando otto comuni della Gallura, saranno realizzate due stazioni elettriche, con un investimento di 65 milioni di euro….

Leggi tutto…

La multiutility ha approvato il piano industriale 2021-2024, che ha nella sostenibilità e nel miglioramento e nell’evoluzione dei servizi i suoi focus. Tra i principali target l’incremento della generazione di energia rinnovabile, l’ulteriore sviluppo del teleriscaldamento a Verona e Vicenza, la digitalizzazione delle reti gas ed elettriche. Senza dimenticare lo sviluppo dei servizi ambientali in un’ottica di energia circolare….

Leggi tutto…

Con la Legge di Bilancio 2021 viene confermato il Bonus pubblicità anche per i prossimi due anni. Attraverso il credito di imposta si potrà recuperare il 50% di quanto investito in campagne pubblicitarie su quotidiani e riviste, anche online.
Prenota entro il 31 marzo la tua pianificazione per usufruire del credito d’imposta….

Leggi tutto…

È quanto prevede il nuovo piano industriale 2021-2030 Life is our Duty, focalizzato sull’economia circolare e sulla transizione energetica, con investimenti, rispettivamente, per 6 e 10 miliardi di euro, per contribuire al conseguimento degli obiettivi di sostenibilità dell’ONU e al rilancio economico del Paese. Tra i target, ridurre del 20% delle perdite idriche, portare la capacità installata di rinnovabili a 5,7 GW, e recuperare ulteriori 4,4 milioni di tonnellate di rifiuti …

Leggi tutto…

Ad aggiudicarsela 17 imprese, tutte italiane. I lavori, che consistono nella posa di linee elettriche interrate, da realizzare nei prossimi 3 anni, interessano tutta la Penisola e sono stati suddivisi in lotti. Tra le principali, il collegamento elettrico Colunga-Calenzano, tra le province di Bologna e Firenze, da 170 milioni di euro, il riassetto della rete nelle principali città metropolitane e gli interventi per migliorare la sicurezza della rete nella Sicilia sudorientale…

Leggi tutto…