Stefano Donnarumma nuovo Amministratore Delegato di Acea


Stefano Donnarumma e Luca Lanzalone sono, rispettivamente, il nuovo Amministratore Delegato e il nuovo Presidente di Acea. A designarli al vertice della multiutility il Comune di Roma, che detiene il 51% del capitale azionario del gruppo, dove si insediano nei ruoli precedentemente occupati da Alberto Irace e da Catia Tomassetti, il cui mandato è scaduto a fine aprile.
Milanese, classe 1967, Donnarruma è iscritto all’ordine degli ingegneri (con specializzazione in ambito civile/ambientale e industriale) dal 1994. Vanta importanti esperienze nel campo dei sottoservizi, avendo lavorato dal 2007 al 2012 Acea Distribuzione (ora Areti), all’inizio come direttore delle operazioni e poi come presidente e amministratore delegato, e nel 2015 come direttore reti della multiutility A2A. Prima di arrivare a Roma, Donnarumma aveva lavorato in Bombardier e in Alstom. Nel 2012 il trasferimento ad Aeroporti di Roma, come direttore airport management e accountable e presidente della società Adr Assistance.
Viene da Genova invece il nuovo presidente Luca Lanzalone. Avvocato, 48 anni, è fondatore dello studio legale Lanzalone & Partners Acea a Cinque Stelle, e nella sua attività si occupa prevalentemente di consulenza e assistenza legale per società ed enti pubblici in materia societaria, di organizzazione dei servizi pubblici locali, di privatizzazione e di operazioni di fusione, scissione, acquisizione e dei rapporti con le autorità di regolazione e controllo del mercato dell’energia, bancario e finanziario.
Il Campidoglio ha indicato anche i tre membri del consiglio di amministrazione che gli competono. Sono tre donne: la quarantottenne veneta Gabriella Chiellino, la genovese Liliana Godino che ha ricoperto, in passato, il ruolo di responsabile acquisti di Grandi Navi Veloci e la bocconiana Michaela, presente anche nel cda di A2A.


Leggi anche

È entrato in funzione il sistema operativo per il Work Force Management (WFM), uno strumento fondamentale per l’azienda – nata dall’unione di 23 realtà pubbliche diverse – per garantire una gestione più veloce e ottimizzata degli interventi. Soprattutto le permetterà di superare tutte le disomogeneità ancora presenti al suo interno e di compiere una vera industrializzazione del servizio…

Leggi tutto…

Tra i punti programmatici di Quintani – che vanta esperienze professionali in diversi settori high-tech – lo sviluppo di una piattaforma digitale come contenitore delle posizioni del gruppo e spazio di confronto, e la creazione di una Smart Metering Academy per la valorizzazione del know-how e la formazione del personale…

Leggi tutto…

Lauriola è stato scelto tra i membri di parte pubblica del CdA dell’azienda, che gestisce il servizio idrico nel Lazio Meridionale, per occupare il posto lasciato vacante a seguito della scomparsa di Giuseppe Addessi. A completare il consiglio di amministrazione è stato chiamato Donato Madaro, che in passato ha ricoperto diversi ruoli legati alla gestione dei servizi pubblici…

Leggi tutto…

Sono i due pilastri del bando lanciato da Uncem, l’Unione dei comuni e degli enti montani del Piemonte per favorire investimenti e sperimentazioni nelle “terre alte”. L’obiettivo è fare delle aree montane, finora per lo più considerate zone da fruire occasionalmente per turismo, territori dove fare impresa e innovazione, sfruttando le opportunità dell’industria 4.0 …

Leggi tutto…

A dotare il capoluogo umbro di una nuova illuminazione pubblica sarà la società parigina Citelum. La convenzione, della durata di 9 anni, comprende la gestione del servizio e tutte le attività di manutenzione, compreso l’ammodernamento degli oltre 30.000 punti luce e di più di 1.300 quadri elettrici, e garantirà un risparmio complessivo per le casse comunali di 2,1 milioni…

Leggi tutto…