Studenti a scuola di no-dig da BrianzAcque

L’intervento per il risanamento del collettore fognario Sud di Seregno, in provincia di Monza-Brianza, portato avanti da BrianzAcque fa scuola. A studiare i lavori, recandosi in visita didattica al cantiere “senza scavi”, è stata la classe IV dell’Istituto per Tecnici Geometri Mosè Bianchi di Monza. Il sopralluogo è stato guidato dalla professoressa Cristina Allievi, docente di scienza delle costruzioni, da Francesco Giuseppe Valente, insegnante Tecnico pratico, e da Franco Scarabelli, in rappresentanza del Collegio dei Geometri e dello IATT (Italian Association for Trenchless Tecnology), nell’ambito della collaborazione del Collegio Geometri e Geometri Laureati di Monza e Brianza con l’Istituto Cat Mosè Bianchi. Per gli studenti si è trattato di una lezione “en plein air”, prosecuzione e completamento della spiegazione in aula sulle tecnologie no-dig, che consente la posa di tubazioni, il recupero funzionale, o la sostituzione di condotte interrate, senza effettuare scavi a cielo aperto.

«Ritengo sia fondamentale mixare l’insegnamento teorico con quello pratico – ha commentato il presidente di BrianzAcque, Enrico Boerci – È un grande piacere quando le nostre attività vengono mostrate agli studenti come un caso di studio, ma soprattutto ritengo sia altamente formativo quando tutto questo avviene in loco e con i lavori in corso, davanti a futuri professionisti del settore. Siamo un’azienda molto attiva nel campo dell’educazione con oltre 3000 studenti coinvolti lo scorso anno, spaziando dalla scuola dell’infanzia fino all’università, con il costante obiettivo di trasferire conoscenza sul ciclo idrico».

L’intervento, partito lo scorso febbraio, ha come obiettivo il risanamento strutturale del collettore fognario del comune brianzolo e prevede la riqualificazione di quasi 2,5 km di vecchie condotte sotterranee. La soluzione scelta è il relining, che consiste nell’inserimento nella condotta esistente di una calza (chiamata liner) in resina e fibra di vetro che poi viene gonfiata fino ad aderire alle pareti della vecchia infrastruttura e fatta indurire con l’ausilio di lampade UV. Ad oggi, i lavori in corso hanno raggiunto il 60% dello stato di avanzamento. 


Leggi anche

La società ha avviato l’intervento per la sostituzione di un tratto di condotta fognaria a valle di uno scolmatore. I lavori prevedono anche l’attraversamento della strada provinciale 342 dove, per non bloccare il traffico veicolare, la nuova condotta sarà posata con la tecnica dello spingitubo. Le opere, che prevedono anche la costruzione di un nuovo scolmatore, saranno concluse in 90 giorni …

Leggi tutto…

L’azienda ha avviato una serie di verifiche lungo il tratto di rete che scorre nei pressi del fiume Lambro, nel cuore della città, dopo una segnalazione di Legambiente in merito alla presenza di rivoli maleodoranti. Al termine della videoispezione si procederà con la progettazione dell’intervento che sarà eseguito con la tecnica del relining per ridurre al minimo l’impatto su un’area ad alta frequentazione …

Leggi tutto…

L’intervento interessa un tratto di condotte in cemento-amianto della lunghezza di 1,4 chilometri che scorre sotto via Munerati, nella zona nord della città. Una porzione di rete in grave stato di ammaloramento causa di continui disagi alla sede stradale, ai residenti e alle attività dell’area. I lavori saranno realizzati in 90 giorni con un investimento di 680.000 euro…

Leggi tutto…

L’azienda, che gestisce il ciclo idrico nel territorio del Consiglio di Bacino “Veneto Orientale”, ha optato per la tecnica del relining strutturale per la riabilitazione di 3 km di condotte che collegano San Vendemiano e Conegliano. Una tecnica che, oltre a ridurre i disagi per la viabilità, grazie alla sua flessibilità, si presta alla perfezione per la riqualificazione di tratti molto lunghi, con curve e pressioni elevate come in questo caso …

Leggi tutto…

Prenderà via a metà febbraio l’intervento di manutenzione straordinaria dell’infrastruttura che si estende per 2,5 km e convoglia i reflui al depuratore di Monza. L’opera, resasi necessaria per il deterioramento delle condotte, in esercizio da oltre 90 anni, sarà effettuata con la tecnica del relining interno, con una spesa di 3 milioni di euro…

Leggi tutto…