Tappa nelle Marche per Isaac, progetto su biogas e biometano


Rimuovere le barriere non tecnologiche che rappresentano dei limiti sociali normativi ed economici alla diffusione del biogas in Italia. È l’obiettivo di Isaac (Increasing Social Awarness and Acceptance of biogas and biomethane) un progetto, promosso in collaborazione da Legambiente, AzzeroCO2, Cnr Iia, IrcrEs-Cnr, Chimica Verde Bionet e Consorzio Italiano Biogas e realizzato grazie al finanziamento del programma europeo Horizon2020.
Il biogas è una delle fonti alternative ai combustibili fossili più utilizzate per la produzione di energia rinnovabile e il nostro Paese è il secondo produttore dopo la Germania. Una risorsa le cui potenzialità però ancora non vengono sfruttate a pieno. Basta considerare che il potenziale per il biometano è in Italia di oltre 8 miliardi di metri cubi, ossia il 13% del fabbisogno nazionale e oltre quattro volte la quantità di gas estratta nelle piattaforme entro le 12 miglia marine.
Il progetto prevede attività di networking e azioni di sensibilizzazione, rivolte alle scuole, ai cittadini e agli agricoltori, destinate alla costruzione di un modello comunicativo che diffonda le corrette informazioni riguardo la filiera produttiva biogas-biometano, per aumentare l’accettabilità sociale di questo settore produttivo.
Il progetto è entrato nel vivo nelle Marche, una delle sette regioni coinvolte, dove si sono da poco concluse le lezioni nei due istituti che hanno aderito all’iniziativa. In particolare, l’attività rivolta agli studenti è stata divisa in due parti: una prima lezione teorica di due ore, svolta da Legambiente Marche, che ha riguardato i cambiamenti climatici e la sfida energetica che ci troviamo ad affrontare, e un secondo modulo, realizzato dagli operatori del Cnr, durante il quale è stato mostrato un prototipo di impianto a biogas e sono state illustrate le varie fasi di digestione anaerobica della sostanza organica ottenuta dagli scarti. Il progetto, che terminerà il 30 giugno del 2018, vedrà inoltre il coinvolgimento di agricoltori, funzionari e cittadini attraverso numerosi incontri, duranti i quali sarà possibile approfondire le tecnologie del biogas e comprenderne le eventuali criticità e le opportunità di sviluppo.


Leggi anche

La società, con Gruppo G.I.V.A. e Rina, ha sperimentato la miscela per alimentare i forni per la lavorazione dell’acciaio nello stabilimento di Forgiatura A. Vienna a Rho, in provincia di Milano. Il test si è concluso con successo, non richiedendo nessuna modifica impiantistica e senza alcun impatto sulle apparecchiature e sulle caratteristiche del prodotto finale. Una soluzione che apre la strada a un futuro più green per l’industria siderurgica….

Leggi tutto…

La più grande ricerca mai realizzata in Italia sul tema della sostenibilità, condotta dall’Istituto Tedesco di Qualità e Finanza, ha inserito la water utility lombarda tra le 200 società italiane più virtuose. Seconda solo dopo SNAM nella categoria “Reti Energia e Acqua”. 5 gli ambiti banco di prova: innovazione, tecnologia, sostenibilità ecologica, green economy, sostenibilità sociale. …

Leggi tutto…

Oltre 70 le realtà della distribuzione gas europee firmatarie di una lettera aperta alla Commissione Europea. Lettera nella quale si chiede di consentire la distribuzione nelle reti esistenti di miscele di idrogeno e gas naturale. Una soluzione fondamentale per accelerare la transizione energetica e per favorire lo sviluppo dell’offerta di idrogeno sul mercato….

Leggi tutto…

Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano, ha spento il forno del termovalorizzatore. L’impianto, costruito negli anni ’80, verrà demolito per procedere alla realizzazione della Biopiattaforma, innovativo impianto green carbon neutral. I lavori inizieranno ad aprile. Presente alla cerimonia l’assessore all’Ambiente e Clima Raffaele Cattaneo e Riccardo Pase, presidente Commissione Ambiente della Regione…

Leggi tutto…

Il gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano prosegue sulla strada dell’economia circolare aderendo al progetto NO.W! “NO Waste” e permettendo alle persone dell’azienda di acquistare a prezzo scontato prodotti buoni ma non più vendibili nei circuiti della grande distribuzione e provvedendo a trasformare in energia quelli ormai giunti a fine ciclo…

Leggi tutto…