Teleriscaldamento a Bergamo: più allacci e meno inquinamento

Il teleriscaldamento piace ai cittadini e piace alle associazioni che difendono i diritti dei consumatori e dell’ambiente. Il Codacons, il Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori, ha infatti esaltato la città di Bergamo come esempio virtuoso di utilizzo della rete di teleriscaldamento, utilizzo che ha consentito un drastico abbattimento delle emissioni inquinanti, a tutto vantaggio della qualità della vita degli abitanti, in una regione, come la Lombardia, a forte indice di inquinamento.

Il sistema, realizzato a partire dal 2005 e gestito da A2A Calore e Servizi, ha visto un crescente incremento del suo utilizzo sia in ambito privato sia pubblico. Nel corso del 2017, quasi 800 bergamaschi hanno scelto tale tecnologia per riscaldare le proprie abitazioni e per l’acqua calda sanitaria, con 250.000 metri cubi riscaldati in più rispetto all’anno precedente, per un totale di quasi 10.000 famiglie attualmente servite, che corrispondono a 6,8 milioni di metri cubi.

Incremento degli allacci che ha permesso di evitare, dal 2017, emissioni ambientali pari a 14.000 tonnellate di CO2, 0,5 tonnellate di polveri sottili, 14 tonnellate di ossido di azoto e 4 tonnellate di anidride solforosa.

Allacciati alla rete, che si estende per circa 80 chilometri e alimentata da quattro centrali (Carnovali, Goltare, Cavour e Monterosso), non solo gli edifici privati, ma molti grandi stabili pubblici, quali il Palazzo Frizzoni dove ha sede il municipio, la Biblioteca Caversazzi, le Piscine Italcementi, il Teatro Donizetti, l’Ospedale Papa Giovanni XXIII, l’Università degli Studi di Bergamo, il Palazzo della Libertà e la Nuova Accademia Guardia di Finanza.

«La battaglia all’inquinamento atmosferico deve essere combattuta su ogni fronte e con ogni mezzo possibile. I dati parlano chiaro: in Italia ogni anno muoiono a causa dell’inquinamento atmosferico circa 35.000 persone, delle quali solo 10.000 in Lombardia – ha commentato in una nota il Codacons -. Adottare un sistema di riscaldamento che limiti l’inquinamento deve essere una priorità assoluta di tutti, cittadini e istituzioni».


Leggi anche

Grazie all’accordo tra le due società, dal 2021 il 30% dell’energia termica che alimenta la rete a servizio nel comune della provincia di Milano proverrà dall’impianto di termovalorizzazione dei rifiuti di BEA a Desio. Lo sviluppo del servizio prevede un investimento congiunto di 5 milioni di euro e comporta la realizzazione di un’interconnessione di circa 1 km dalla rete di BEA alla centrale ENGIE. Garantirà un ulteriore abbattimento delle emissioni inquinanti del 30%…

Leggi tutto…

La società ha acquisito la partecipazione residua del precedente gestore Giemme Gestione Multiservice, e ora è il gestore unico del servizio nel comune lombardo. La rete di teleriscaldamento di Cinisello serve 18.000 abitanti, fornendo circa 50 GWh termici all’anno, garantendo una riduzione di oltre il 25% di emissioni di CO2 e NOx rispetto alle tradizionali caldaie…

Leggi tutto…

Pubblicata la gara per la costruzione di una rete di teleriscaldamento a servizio della città lombarda e dei comuni limitrofi di Valmadrera e Malgrate. Il bando, del valore complessivo di 80 milioni di euro, oltre alla posa delle condotte, include anche la realizzazione di una centrale alimentata a fonti rinnovabili, a fronte della concessione del servizio per 35 anni. Il 15 aprile ultimo giorno per presentare la candidatura…

Leggi tutto…

Il progetto avviato una decina di anni fa, con un investimento complessivo di 30 milioni di euro, ha portato finora alla costruzione di una rete di distribuzione del calore di 22 chilometri. Rete in costante espansione e che quest’anno permetterà di portare il servizio a circa il 50% dei residenti, con grandi vantaggi ambientali ed economici. A questo scopo si studia anche un potenziamento della centrale che alimenta l’infrastruttura…

Leggi tutto…

Al via il primo lotto dei lavori per portare il servizio al quartiere Barco, nella zona Nord della città. Lotto che prevede la posa di 1,5 chilometri di condotte entro la prossima estate, cui faranno seguito altre due fasi per un’estensione totale della rete di 3 chilometri. Il costo dell’intervento, che si somma a quello già in fase di avanzata realizzazione che interessa il complesso Corte di Medoro, è di 2,5 milioni…

Leggi tutto…