Teleriscaldamento a Valdaone impianto attivo nel 2019


Il costo complessivo dell’opera ammonta a 5,5 milioni di euro di cui il 70 % finanziato dalla Provincia. Al momento quindi, come confermato dal presidente di E.S.Co. B.I.M. e Comuni del Chiese Franco Panelatti, i lavori sono in linea con il programma iniziale. I lavori dell’edificio centrale sono ultimati e si stanno completando le opere impiantistiche interne e le sistemazioni delle aree esterne adiacenti all’edificio. L’avviamento dell’impianto è previsto entro i primi mesi del 2019 dopo aver ultimato le operazioni di collaudo della rete e di tutte le apparecchiature interne alla centrale.
I componenti dell’impianto di teleriscaldamento sono caratterizzati da un alto livello tecnico: i tubi della rete sono dotati di un articolato sistema di filtraggio dei fumi – approvato dall’Agenzia Provinciale per la Protezione dell’Ambiente della Provincia – che prevede in un unico apparecchio la presenza di filtri a multiciclone e di elettrofiltri. I cogeneratori sfruttano la pirolisi del cippato per produrre congiuntamente energia termica ed elettrica. Dal punto di vista dell’impatto ambientale, l’impianto permetterà di spegnere le caldaie a gasolio e GPL poco efficienti ed attualmente in funzione negli edifici comunali, evitando così il consumo di fonti fossili non rinnovabili, sostituendole con un’unica centrale a biomassa caratterizzata da un punto singolo emissivo controllato.
L’eliminazione delle centrali pubbliche porterà alla comunità di Valdaone benefici in termini di riduzioni di emissioni inquinanti in atmosfera. Nel lungo periodo, la previsione è quella di allacciare alla rete anche le utenze private andando ad eliminare un maggior numero di vecchie caldaie a gasolio e a legna. Inoltre, il reperimento sul territorio della biomassa necessaria permetterà una migliore gestione del patrimonio forestale, migliore pulizia dei boschi e un indubbio indotto attorno alla gestione della materia prima.


Leggi anche

La società veneta, specializzata nella produzione di energia da biomasse, ha acquistato da Engie il sistema di teleriscaldamento a servizio di Sellero, Novelle e Cedegolo, in provincia di Brescia. Il sistema è costituito da una centrale di cogenerazione alimentata con legno vergine da filiera corta e da una rete che si estende per 21 chilometri…

Leggi tutto…

La Scuola Orsolina28 è un luogo dedicato alla danza e alla gioia e libertà che la danza trasmette. Tutto è organizzato per vivere un’esperienza di condivisione a contatto con la natura: il Glamping interno alla tenuta è un’“accomodation” dotato di tende geodetiche permanenti con tutti i comfort. Ogni tenda ha a disposizione un bagno con wc, lavabo, doccia, acqua calda e sistema di riscaldamento….

Leggi tutto…

Grazie all’accordo tra le due società, dal 2021 il 30% dell’energia termica che alimenta la rete a servizio nel comune della provincia di Milano proverrà dall’impianto di termovalorizzazione dei rifiuti di BEA a Desio. Lo sviluppo del servizio prevede un investimento congiunto di 5 milioni di euro e comporta la realizzazione di un’interconnessione di circa 1 km dalla rete di BEA alla centrale ENGIE. Garantirà un ulteriore abbattimento delle emissioni inquinanti del 30%…

Leggi tutto…

La società ha acquisito la partecipazione residua del precedente gestore Giemme Gestione Multiservice, e ora è il gestore unico del servizio nel comune lombardo. La rete di teleriscaldamento di Cinisello serve 18.000 abitanti, fornendo circa 50 GWh termici all’anno, garantendo una riduzione di oltre il 25% di emissioni di CO2 e NOx rispetto alle tradizionali caldaie…

Leggi tutto…

Pubblicata la gara per la costruzione di una rete di teleriscaldamento a servizio della città lombarda e dei comuni limitrofi di Valmadrera e Malgrate. Il bando, del valore complessivo di 80 milioni di euro, oltre alla posa delle condotte, include anche la realizzazione di una centrale alimentata a fonti rinnovabili, a fronte della concessione del servizio per 35 anni. Il 15 aprile ultimo giorno per presentare la candidatura…

Leggi tutto…