Teleriscaldamento a Valdaone impianto attivo nel 2019


Il costo complessivo dell’opera ammonta a 5,5 milioni di euro di cui il 70 % finanziato dalla Provincia. Al momento quindi, come confermato dal presidente di E.S.Co. B.I.M. e Comuni del Chiese Franco Panelatti, i lavori sono in linea con il programma iniziale. I lavori dell’edificio centrale sono ultimati e si stanno completando le opere impiantistiche interne e le sistemazioni delle aree esterne adiacenti all’edificio. L’avviamento dell’impianto è previsto entro i primi mesi del 2019 dopo aver ultimato le operazioni di collaudo della rete e di tutte le apparecchiature interne alla centrale.
I componenti dell’impianto di teleriscaldamento sono caratterizzati da un alto livello tecnico: i tubi della rete sono dotati di un articolato sistema di filtraggio dei fumi – approvato dall’Agenzia Provinciale per la Protezione dell’Ambiente della Provincia – che prevede in un unico apparecchio la presenza di filtri a multiciclone e di elettrofiltri. I cogeneratori sfruttano la pirolisi del cippato per produrre congiuntamente energia termica ed elettrica. Dal punto di vista dell’impatto ambientale, l’impianto permetterà di spegnere le caldaie a gasolio e GPL poco efficienti ed attualmente in funzione negli edifici comunali, evitando così il consumo di fonti fossili non rinnovabili, sostituendole con un’unica centrale a biomassa caratterizzata da un punto singolo emissivo controllato.
L’eliminazione delle centrali pubbliche porterà alla comunità di Valdaone benefici in termini di riduzioni di emissioni inquinanti in atmosfera. Nel lungo periodo, la previsione è quella di allacciare alla rete anche le utenze private andando ad eliminare un maggior numero di vecchie caldaie a gasolio e a legna. Inoltre, il reperimento sul territorio della biomassa necessaria permetterà una migliore gestione del patrimonio forestale, migliore pulizia dei boschi e un indubbio indotto attorno alla gestione della materia prima.


Leggi anche

Raggiunto il target dei 100.000 euro fissato dall’innovativa raccolta fondi lanciata dalla società lo scorso novembre e rivolta ai cittadini del comune del cuneese, per coinvolgerli nella costruzione dell’infrastruttura di distribuzione del calore. La rete sarà conclusa entro il 2021, si estenderà per 5 km e sarà alimentata da una centrale a biomassa forestale….

Leggi tutto…

L’innovativa iniziativa di raccolta fondi è rivolta ai cittadini di Barge, comune in provincia di Cuneo, dove l’azienda lo scorso agosto ha avviato la costruzione dell’infrastruttura. Il sistema sarà costituito da una centrale a biomassa che produrrà 7,6 GWh all’anno di energia termica che sarà distribuita alle utenze attraverso una rete della lunghezza di 5 km. Nel 2021 la conclusione dei lavori…

Leggi tutto…

Approvato dal consiglio di amministrazione il Piano industriale al 2023 della multiutility del Nord della Lombardia. Gli investimenti, pari a 568 milioni, saranno concentrati nella business unit Reti, per puntare soprattutto alle prossime gare sulla distribuzione del gas. Il documento prevede ricavi intorno al mezzo miliardo alla fine del periodo …

Leggi tutto…

La multiutility ha destinato 70 milioni di euro al progetto per la sostituzione del calore prodotto con combustibili fossili con energia termica da fonti green. Il piano si svilupperà nel corso di 4 anni e prevede la realizzazione di 3 nuovi sistemi di accumulo per stoccare l’energia, di un impianto fotovoltaico per alimentare le pompe del teleriscaldamento, e l’integrazione nella rete di fonti rinnovabili, a partire dal calore di recupero da processi industriali …

Leggi tutto…

Avviato nel giugno dello scorso anno, l’intervento ha visto la posa di 400 metri di condotte con la tecnologia no dig per collegare la nuova rete del centro storico con la centrale di trigenerazione Green Energy House. L’opera rientra nel più vasto piano di sviluppo del servizio in citta, sostenuto da un investimento complessivo di 11 milioni di euro, che una volta a regime, nel 2020, porterà a un drastico abbattimento delle emissioni climalteranti…

Leggi tutto…