Teleriscaldamento sostenibile: partnership tra Engie e L’Oreal


Una partnership innovativa è stata siglata tra Engie e L’Oreal, il big del settore dei cosmetici, per il teleriscaldamento di Settimo Torinese. Una collaborazione all’insegna del riciclo e della gestione circolare delle risorse. Solo che questa volta la collaborazione tra un sito industriale e il gestore del sistema di teleriscaldamento non riguarda il recupero di calore, ma di una risorsa altrettanto preziosa: l’acqua.
In base all’accordo, infatti, l’acqua recuperata, depurata e purificata dei processi dello stabilimento di Settimo Torinese di L’Oreal, si tratta di circa 3.600 metri cubi di acqua all’anno, verrà messa a disposizione della rete di distribuzione del calore, che tra l’altro fornisce energia termica anche allo stesso stabilimento. In questo modo l’acqua recuperata contribuirà a soddisfare il 20% del fabbisogno annuo di acque di reintegro della rete.
Un risultato importante per la sostenibilità di un sistema che, attraverso una rete che si sviluppa per circa 47 chilometri, garantisce la fornitura di 80 GWh di energia termica l’anno a utenze pubbliche e private del territorio comunale.
Un risultato che sottolinea l’impegno da parte delle due realtà nel rendere sempre più sostenibili e a basso impatto le rispettive attività.
Il polo industriale di L’Oreal a Settimo è, infatti, a emissioni zero di CO2 e ha già ridotto il consumo idrico del 54% rispetto al 2005, valorizzando inoltre i rifiuti al 100% (zero rifiuti in discarica), in linea con il programma internazionale del gruppo Sharing Beauty with All. Un programma con il quale il produttore di cosmetici si è impegnato a produrre in maniera sostenibile, con una riduzione del 60% delle emissioni di CO2, riduzione del 60% del consumo idrico, riduzione del 60% della produzione di rifiuti per unità di prodotto finito.


Leggi anche

A realizzare e gestire il sistema, che fornirà calore a circa 800 edifici, sarà Telenergia, società nata dalla partnership tra Egea e Amag, con un investimento di 90 milioni di euro. Il progetto, che sarà ultimato in 6 anni, prevede la costruzione in città di una rete di 62 km alimentata da due centrali di cogenerazioni a gas integrato con fonti rinnovabili: una nella zona Sud e l’altra nella zona Nord…

Leggi tutto…

La giunta provinciale ha dato l’ok alla concessione all’utility energetica dell’Alto Adige delle linee di collegamento del sistema di distribuzione del calore. La concessione, della durata di 29 anni, interessa tre linee per uno sviluppo complessivo di oltre 2,5 km. Il canone di indennizzo annuo è stato fissato a circa 60.000 euro…

Leggi tutto…

Azzerare del tutto le emissioni di CO2 dei sistemi di teleriscaldamento entro il prossimo decennio. È il grande obiettivo che si è dato Fortum, società energetica finlandese, per la città di Espoo. Un lungo cammino che comincia con l’eliminazione degli attuali generatori fossili che alimentano la rete cittadina, grazie alla costruzione di una centrale a biomasse da 49 MW, che sarà completata per il 2020…

Leggi tutto…

Sarà la geotermia ad alimentare nel prossimo futuro la rete di distribuzione del calore di Aarhus, seconda città della Danimarca. È l’obiettivo dell’intesa tra l’amministrazione cittadina e AP Moller Holding, società quest’ultima che avvierà una campagna di esplorazioni per verificare la fattibilità del progetto. Secondo il programma, le prime trivellazioni saranno effettuate tra il 2019 e il 2020, mentre i primi impianti geotermici saranno costruiti a partire dal 2021…

Leggi tutto…

La società, specializzata nella produzione di energia da fonti rinnovabili, ha siglato un accordo con il Comune di Alcalá de Henares per la costruzione di un sistema di teleriscaldamento, interamente alimentato da energia green: solare e biomasse. Il sistema, che sarà completato per la fine del prossimo anno, fornirà calore a 12.000 famiglie e sarà realizzato con un investimento di 38 milioni di euro…

Leggi tutto…