Teleriscaldamento: Whitehelm Capital investe in Ecotermica Servizi

I grandi gestori internazionali di infrastrutture credono nel teleriscaldamento italiano. Lo dimostra Whitehelm Capital, tra i maggiori operatori al mondo del settore, che sbarca nel nostro Paese acquisendo una quota di Ecotermica Servizi (ETS), società del Gruppo Fratelli Visconti attiva nel teleriscaldamento e nelle soluzioni energetiche sostenibili.

Nel suo primo investimento in Italia Whitehelm Capital ha sottoscritto un aumento di capitale riservato all’acquisto del 45% di Ecotermica Servizi, siglando così una partnership strategica con il Gruppo Fratelli Visconti che resta proprietario del 55% dell’azienda.
 

Una struttura finanziaria più solida

Un’operazione che rafforza la compagine azionaria di ETS, garantendole una solida struttura finanziaria indispensabile per proseguire il suo processo di sviluppo.

Grazie alle nuove risorse e alla nuova potenza di fuoco della quale può disporre, la società punta a incrementare la quantità di energia prodotta e a rafforzare la sua presenza nei territori dove già opera, allargando le attività anche a nuove regioni.
 

Cinque impianti di teleriscaldamento

Attiva nella realizzazione e gestione di sistemi di teleriscaldamento per comuni di medie dimensioni, Ecotermica Servizi vanta oltre 15 anni di esperienza nel campo. È proprietaria di cinque impianti di teleriscaldamento situati in Piemonte e Valle d’Aosta. Per l’esattezza si tratta dei sistemi di:

  • Ivrea e comune di Banchette, in provincia di Torino
  • Biella
  • Costigliole di Saluzzo (Cuneo)
  • Prè-Saint­Didier (Aosta)

Inoltre, è proprietaria di un impianto di trigenerazione situato a Moncalieri (Torino), a servizio di un sito industriale, e, in joint venture con Edison, di un impianto di teleriscaldamento realizzato di recente a Cirié (Torino).

Un portafoglio di impianti che produce annualmente circa 80 GWh di energia termica e 70 GWh di energia elettrica, evitando l’immissione in atmosfera di circa 20.000 tonnellate di CO2 ogni anno.
 

Nuovi obiettivi

Grazie alla sua base patrimoniale diversificata, all’esperienza operativa e alla gamma di soluzioni energetiche, ETS intende consolidare la propria posizione in un mercato locale ancora molto frammentato. Obiettivo dell’azienda è infatti di raddoppiare la capacità produttiva di energia nell’arco del prossimo biennio. Un percorso di crescita che sarà realizzato attraverso:

  1. acquisizioni
  2. nuovi progetti

Tale crescita permetterà di ridurre di altre 20.000 tonnellate annue le emissioni di CO2. Inoltre, la società mira a estendere il proprio raggio d’azione anche ad altre regioni del Nord Italia, a partire dalla Lombardia.
 

Crescita e sostenibilità

ETS intende insomma proseguire il percorso di sviluppo sostenibile che ne caratterizzano l’agire, non solo sotto il profilo ambientale, ma anche economico. La società, con sede a Torino, ha chiuso il 2020 con ricavi per 7,3 milioni, un EBITDA di 1,2 milioni e una posizione finanziaria netta sostanzialmente in pareggio.

E Whitehelm Capital è il partner perfetto per realizzare un tale progetto. Con sedi a Londra, Sydney e Canberra, Whitehelm opera da oltre 23 anni e ha investito 6,9 miliardi di euro in infrastrutture tramite equity e debito e gestisce fondi per 4,6 miliardi.

 


Leggi anche

Tovo, Mazzo di Valtellina e Lovero hanno scelto di dotarsi di un sistema di teleriscaldamento alimentato a biomassa legnosa per il loro approvvigionamento di energia termica. Un progetto 100% green, che sfrutterà la biomassa derivante dalla gestione dei boschi, rendendo le tre località indipendenti dalle fonti fossili e promuovendo l’economia circolare. A supportarli nel progetto FIPER e il Politecnico di Milano come partner tecnico….

Leggi tutto…

È alimentata con fonti rinnovabili, ovvero con gli scarti della filiera vitivinicola di gruppo Caviro e con gli sfalci e le potature del verde pubblico forniti da Herambiente, la centrale di cogenerazione cuore del sistema di teleriscaldamento di Enomondo. L’energia termica viene distribuita attraverso una rete, dell’estensione di 1,2 chilometri, alla quale sono allacciate diverse utenze industriali, artigianali e domestiche…

Leggi tutto…

La Banca di Sviluppo del Consiglio d’Europa ha erogato un prestito da 80 milioni di euro a sostegno dello sviluppo dell’infrastruttura di distribuzione del calore nell’area metropolitana di Torino. Le risorse coprono il 40% degli investimenti previsti dalla multiutility per estendere la rete, rinnovarne le parti più datate, realizzare nuovi sistemi di accumulo e incrementare di 13 milioni di metri cubi le volumetrie teleriscaldate…

Leggi tutto…

Realizzato nel quartiere Mirafiori Nord, il sistema è composto da 3 serbatoi dell’altezza di 25 metri in grado di contenere complessivamente 2500 metri cubi di acqua e da una stazione di pompaggio. Realizzato con un investimento di 46 milioni di euro, l’impianto è integrato con un sistema solare termico, che fornisce parte del calore per tenere l’acqua in temperatura, e un impianto fotovoltaico per l’alimentazione elettrica del sito …

Leggi tutto…

Concluso il primo lotto che ha dotato il borgo dell’Amiata Senese dell’infrastruttura di distribuzione del calore. Un sistema green, gestito da GES, alimentato dal cascame di calore delle centrali geotermoelettriche di Enel Green Power, che si aggiunge ai tre già esistenti nel territorio comunale che servivano però aree periferiche produttive e altre attività economiche. Già partiti i lavori per il secondo lotto che porterà il servizio a tutti i cittadini …

Leggi tutto…