Terna assegna gare per 600 milioni

Imponenti sotto tutti i punti di vista le due gare appena assegnate da Terna per la manutenzione delle sue reti, a partire dal loro valore: ben 600 milioni di euro. I lavori interessano circa 50.000 km di linee aree a 150 kV su tutto il territorio nazionale su tutto il territorio nazionale.

Suddivisi in 16 lotti andranno avanti per tre anni coinvolgendo circa 10.000 lavoratori, tra dipendenti e indotto, e sono stati tutti assegnati a imprese italiane che compongono la filiera dell’alta tensione e che rappresentano l’élite del settore elettromeccanico nazionale.

Lavori che rivestono un ruolo fondamentale per mantenere efficiente la dotazione infrastrutturale del sistema elettrico nazionale. Non a caso per l’assegnazione del bando, insieme al criterio dell’offerta economica, era stata prevista una complessa valutazione tecnica che ha tenuto conto degli indicatori di sostenibilità e qualità dei processi, di qualificazione delle risorse, track record anti-infortunistico e capacità operativa. Insomma, la massima garanzia di eccellenza della catena di fornitura in linea con la posizione di avanguardia che Terna può vantare rispetto ai partner europei, sia come qualità del servizio sia come eccellenza delle pratiche di operazione e manutenzione.

Un orizzonte di investimenti che guarda al futuro

L’operazione si inquadra nell’esecuzione del piano industriale che la società ha presentato di recente e che prevede diversi investimenti finalizzati a garantire la digitalizzazione dell’infrastruttura, a controllare la vetustà degli asset, a promuovere l’installazione di soluzioni innovative. Si tratta di interventi diffusi, di granularità piccola e medio piccola rispetto ai grandi progetti in altissima tensione, come le grandi linee elettriche a 380 kV della regione siciliana e le dorsali infrazonali. Per questo la loro realizzazione deve avvalersi di un ecosistema di partner competenti e tecnicamente abilitati in grado di garantire interventi tempestivi ed efficaci.

«Anche in un momento così difficile per il nostro Paese continuiamo a lavorare quotidianamente per l’efficienza della rete elettrica nazionale, la continuità del servizio elettrico e a rafforzare la sicurezza delle persone che lavorano con noi e per noi – ha dichiarato Luigi Ferraris, amministratore delegato di Terna -.  Affiancare ai nuovi interventi di sviluppo una costante e capillare attività di ammodernamento e manutenzione degli asset esistenti è fondamentale per accompagnare la transizione energetica in atto. Per fare questo ci affidiamo, con un impegno di 600 milioni di euro nei prossimi tre anni, alle eccellenze italiane del settore. Un contributo importante alla ripartenza dell’economia una volta terminata l’emergenza sanitaria».


Leggi anche

Pubblicato sulla Gazzetta ufficiale europea il bando per la concessione del servizio nel capoluogo lucano e in 59 comuni della sua provincia. L’infrastruttura da gestire si estende per 929 chilometri e serve quasi 60.000 utenze. Il valore del contratto è di 105.399.684 euro (Iva esclusa) e il termine per la presentazione delle offerte scade il prossimo 30 giugno. Spostata al 31 marzo, invece la scadenza per la gara sull’Atem Napoli 1…

Leggi tutto…

Ammonta a 6 milioni di euro l’investimento previsto per potenziare la rete di raccolta dei reflui a servizio della località balneare toscana. Un progetto che consentirà di evitare i potenziali rischi di sversamento delle acque nere nella Gora, il piccolo fiume che attraversa la cittadina il cui mare si fregia della Bandiera Blu. A marzo la pubblicazione del bando…

Leggi tutto…

Il progetto, per un importo di 450 mila euro, porterà alla realizzazione della condotta a 6,5 km dalla costa. Approvata anche la procedura di gara per il potenziamento delle reti a Talsano (Ta) per 9,4 mln…

Leggi tutto…

Assegnata a Italgas la gara per la distribuzione gas nell’Atem Valle d’Aosta, che comprende 74 comuni e circa 20.000 punti di riconsegna. La società ha superato le concorrenti Megareti ed Energie des Alpes grazie a un’offerta che prevede il raddoppio della rete, attualmente di 350 km, e del numero delle utenze e diversi interventi di innovazione tecnologica su tutta l’infrastruttura…

Leggi tutto…

Presidente Acque Bresciane Gianluca Delbarba

Presa d’atto del Consiglio Comunale di Ghedi circa il subentro del gestore unico nei servizi di acquedotto, depurazione e fognatura. L’operatività dal 1 gennaio 2020. Saliranno così a 93 i Comuni gestiti da Acque Bresciane…

Leggi tutto…