Terna assegna una gara da 300 milioni per lo sviluppo della rete nazionale

Ammonta a 300 milioni di euro il valore della gara bandita e assegnata da Terna per una serie di opere per lo sviluppo e l’ammodernamento della rete elettrica di trasmissione nazionale. Ad aggiudicarsela 17 imprese, in forma di raggruppamenti temporanei di concorrenti, tutte italiane:

  • 6 del Nord
  • 7 del Centro
  • 4 del Sud

Imprese, che fanno parte del sistema di qualificazione di Terna e altamente specializzate. I lavori consistono nella posa di linee elettriche in cavo a 150 kV, interrate, da realizzare nei prossimi 3 anni e suddivisi in 5 lotti:

  • i lotti 1 e 3 nell’area Centro Sud per un valore rispettivamente di 97,5 milioni di euro e 52,5 milioni di euro;
  • il 2 nell’area Centro Sud e Nord Ovest per un valore di 67,5 milioni di euro;
  • il lotto 4 nell’area Nord Est e Nord Ovest per un valore di 43,5 milioni di euro;
  • il lotto 5 nell’area Nord Est per un valore di 39 milioni di euro
Guardando un po’ più nel dettaglio…

Tra le opere programmate c’è la parte in cavo del collegamento elettrico Colunga-Calenzano, tra le province di Bologna e Firenze. Un’opera strategica da 170 milioni di euro di investimento complessivo, con oltre 16 km di cavi interrati, che contribuirà ad aumentare la capacità di scambio fra il Nord e il Centro-Nord e rafforzare le infrastrutture elettriche di Emilia-Romagna e Toscana rendendole più efficienti e sostenibili.

Si prosegue con le attività di riassetto e razionalizzazione della rete elettrica nelle principali città metropolitane, tra le quali Roma e Ragusa, e in aree particolarmente urbanizzate. In questo caso gli interventi prevedono la sostituzione di vecchie infrastrutture con nuovi cavi tecnologicamente all’avanguardia e a minore impatto ambientale, a vantaggio della qualità e continuità del servizio elettrico. E, ancora, con gli interventi per migliorare la sicurezza e l’affidabilità della rete in alta tensione nella Sicilia sudorientale.

Oltre a questi sono ricompresi negli appalti assegnati anche decine di interventi diffusi, di minore entità.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 

 


Leggi anche

L’Autorità garante della concorrenza ha dato il via libera all’operazione che conclude lo scambio di asset tra F2i ed Edison. Operazione che permette a 2i Rete Gas di rafforzarsi nella distribuzione gas e di raggiungere i 4,5 milioni di utenze servite. La società dovrà però cedere 27.500 punti di riconsegna nell’Atem Roma 4, dove, con l’acquisizione di IDG, andrebbe ad assumere una posizione dominate che limiterebbe la concorrenza in vista della futura gara….

Leggi tutto…

Con la pubblicazione del bando, prende il via la gara per la concessione per 12 anni della distribuzione nei 47 comuni che fanno parte dell’Ambito, 25 dei quali in provincia di Rimini, 7 in quella di Forlì-Cesena e 11 in quella di Pesaro-Urbino. Il valore della procedura di gara è di 318 milioni di euro e il termine per la presentazione delle offerte è fissato al prossimo 30 settembre….

Leggi tutto…

Pubblicato il bando della gara per la concessione della distribuzione gas nella città toscana e in altri 14 comuni. La gara, del valore di 251 milioni di euro, per un valore annuo del servizio di circa 26 milioni di euro, prevede la gestione del servizio per i prossimi 12 anni e della rete, che si estende per più di 1600 chilometri. Il termine ultimo per la presentazione dell’offerta è fissato al 29 gennaio…

Leggi tutto…

Via libera dal gestore idrico pugliese a un nuovo mega pacchetto di bandi, che include il potenziamento della rete fognaria idrica di alcuni quartieri di Bari, per un valore di 23,8 milioni di euro, e la progettazione esecutiva del prolungamento della condotta sottomarina a servizio del depuratore Bari Est. Approvate anche le gare per la fornitura di elettricità, ben 112 milioni, e l’ampliamento del SIT aziendale….

Leggi tutto…

Sarà Unareti a gestire la distribuzione gas a Milano nei prossimi 12 anni. È arrivato infatti il verdetto del Consiglio di Stato a mettere la parola fine alla girandola di ricorsi che ha interessato la seconda gara gas più ricca d’Italia, ribaltando il verdetto del Tar Lombardia che lo scorso dicembre aveva annullato l’assegnazione alla società del Gruppo A2A….

Leggi tutto…