Terna, Cassa depositi e prestiti e Regione Sicilia: grandi investimenti sulla rete elettrica regionale

Sicurezza, efficienza e sostenibilità della rete elettrica, sviluppo del territorio regionale. Sono i punti al centro dell’accordo di programma tra Terna, Cassa depositi e prestiti (Cdp) e Regione Sicilia. Accordo siglato dai vertici delle tre realtà, Nello Musumeci, presidente della Regione, Luigi Ferraris, amministratore delegato di Terna, e Fabrizio Palermo, amministratore delegato di Cdp. 

Al centro dell’intesa gli importanti investimenti per la realizzazione di interventi sull’infrastruttura elettrica per un ammontare di 614 milioni di euro nei prossimi 5 anni. Tra questi, la realizzazione di un nuovo elettrodotto a 380 kV che collegherà la stazione elettrica di Chiaramonte Gulfi (Ragusa) a quella di Ciminna (Palermo), per migliorare la continuità della fornitura dell’energia elettrica nell’area centrale della Sicilia. Inoltre, la creazione di un elettrodotto anche tra la stazione elettrica di Paternò (Catania) e quella di Priolo (Siracusa) con l’obiettivo di aumentare la continuità del servizio e la stabilità delle tensioni nella Sicilia orientale. L’accordo prevede anche una nuova stazione di trasformazione 380/150 kV a Vizzini (Catania) per superare le congestioni sulla rete di alta tensione nell’area centro orientale dell’isola. A questo si aggiungono poi interventi di riassetto della rete elettrica di Palermo, Catania e Messina e lo sviluppo di un progetto per rafforzare l’interconnessione con il Continente mediante la realizzazione di un collegamento Hvdc (High Voltage Direct Current) fra Sardegna e la Penisola. Il collegamento consentirà di realizzare il progressivo piano di decarbonizzazione del sistema elettrico. La Sicilia sarà inoltre snodo fondamentale del progetto di interconnessione elettrica tra Italia e Tunisia prevista dall’accordo intergovernativo firmato lo scorso aprile.

Terna, Cdp e Regione Sicilia hanno anche condiviso l’opportunità di promuovere nelle isole minori interventi per lo sviluppo delle fonti di rinnovabili, con la realizzazione di impianti fotovoltaici, impianti eolici o altre tecnologie e di interventi finalizzati a ridurre le emissioni di CO2, grazie all’incremento dell’efficienza energetica.

Altro impegno di Terna lo sviluppo di progetti di connessione elettrica delle isole minori. In tutti questi ambiti, Cdp valuterà il supporto finanziario delle iniziative proposte e sviluppate da Terna, oltre a considerare con Terna stessa l’opportunità di integrare le fonti di produzione di energia elettrica locali con tecnologie innovative sviluppate in partnership anche con altre realtà.

Sempre per favorire e valorizzare la crescita delle rinnovabili locali, verrà dato impulso allo sviluppo di sistemi di accumulo tramite batterie o impianti di pompaggio. Mentre per aumentare la sicurezza del servizio elettrico, Terna metterà in atto interventi di manutenzione predittiva impiegando le nuove tecnologie disponibili. In particolare, saranno installati sensori in punti strategici delle linee elettriche che, combinati con altre tecniche di monitoraggio, quali satelliti e droni, renderanno disponibili una gran mole di dati e informazioni sullo stato di salute degli elettrodotti e del territorio adiacente che consentirà il loro mantenimento in efficienza e sicurezza, contribuendo alla gestione ottimale del territorio.


Leggi anche

Supportato da un investimento di 19 milioni di euro, il piano messo a punto renderà più sicura ed efficiente la rete nell’area del capoluogo toscano. Prevista la posa di 15 chilometri di nuove linee in cavo interrato, che consentiranno di dismettere circa 20 chilometri di vecchi elettrodotti aerei e di demolire 78 tralicci. Inoltre, la società lascerà anche 11 chilometri di infrastrutture elettriche predisposte per la posa di fibra ottica da utilizzare per la cablatura della città …

Leggi tutto…

Il prestito avrà scadenza fra 22 anni e servirà a sostenere gli investimenti del gestore della rete di trasmissione elettrica finalizzati a migliorare l’affidabilità e la qualità dell’infrastruttura nazionale, puntando in particolare all’impiego di tecnologie avanzate ed ecocompatibili. Con questa erogazione salgono a 2,15 miliardi di euro i finanziamenti in essere della Bei a Terna…

Leggi tutto…

Lungo 445 chilometri, dei quali 423 sottomarini, l’elettrodotto collega le stazioni elettriche di Cepagatti, in provincia di Pescara, e Lastva, nel comune di Kotor. La sua entrata in esercizio, entro fine anno, permetterà di diversificare gli approvvigionamenti, rafforzare l’affidabilità, l’efficienza, la sicurezza, la sostenibilità ambientale e la resilienza delle reti elettriche delle due sponde adriatiche…

Leggi tutto…

Dopo quello di Torino, Terna inaugura il suo secondo laboratorio dedicato allo sviluppo di idee innovative a servizio della rete elettrica. Il centro di Napoli sarà focalizzato in particolare sul Digital to People, ovvero sulla trasformazione digitale dei processi aziendali e l’innovazione degli strumenti nell’area delle risorse umane e dell’organizzazione…

Leggi tutto…

Con 4 miliardi di ricavi, un contributo al Pil di 2,5 miliardi, 28.000 posti di lavoro attivati in Italia la multiutility costituisce una delle principali realtà industriali nazionali. Una realtà che vuole essere attore chiave per lo sviluppo dei territori serviti, con 3,3 miliardi di investimenti nei prossimi 5 anni, puntando su sostenibilità, economia circolare e innovazione dei servizi …

Leggi tutto…