Terna completa la posa del cavo sottomarino tra Capri e Sorrento

Procedono con successo i lavori di Terna per realizzare il nuovo elettrodotto a 150 kV da Sorrento a Capri. Una delle parti più critiche dell’opera è stata infatti completata, ovvero la posa del cavo sottomarino che collegherà la nuova stazione elettrica in costruzione sulla penisola sorrentina con quella di Capri. Per l’installazione del cavo, completata in dieci giorni, è stata utilizzata una nave particolare di Prysmian, così come speciali macchinari sono stati impiegati per le operazioni di protezione del cavo, decisiva per evitare danni dovuti ad ancoraggi o ad attività di pesca, che non è stato ancorato al fondale, ma insabbiato.

Lungo 16 km, il cavo marino è stato posato seguendo un percorso scelto accuratamente dopo una dettagliata indagine delle aree marine, svolta nel 2018 per studiare le caratteristiche geotecniche e morfologiche del fondale e non interferire con le zone marine protette, come quella del Parco di Punta Campanella.

Il collegamento sottomarino è parte integrante del nuovo elettrodotto che Terna sta realizzando tra Capri e Sorrento, un collegamento dell’estensione totale di 19 km, dei quali, appunto, 16 km marini e 3 terrestri. Obiettivo dell’opera è di completare l’anello di connessione dell’isola di Capri alla rete di trasmissione nazionale, rendendo la rete elettrica più sicura ed efficiente. Al momento infatti a connettere l’isola con la penisola è l’elettrodotto 150 kV Capri-Torre Annunziata, in esercizio dal 2017. Oltre a questi interventi, Terna ha previsto nei prossimi anni anche un riassetto della rete della penisola sorrentina che consentirà di dismettere oltre 60 km di vecchi tralicci.


Leggi anche

Supportato da un investimento di 19 milioni di euro, il piano messo a punto renderà più sicura ed efficiente la rete nell’area del capoluogo toscano. Prevista la posa di 15 chilometri di nuove linee in cavo interrato, che consentiranno di dismettere circa 20 chilometri di vecchi elettrodotti aerei e di demolire 78 tralicci. Inoltre, la società lascerà anche 11 chilometri di infrastrutture elettriche predisposte per la posa di fibra ottica da utilizzare per la cablatura della città …

Leggi tutto…

Il prestito avrà scadenza fra 22 anni e servirà a sostenere gli investimenti del gestore della rete di trasmissione elettrica finalizzati a migliorare l’affidabilità e la qualità dell’infrastruttura nazionale, puntando in particolare all’impiego di tecnologie avanzate ed ecocompatibili. Con questa erogazione salgono a 2,15 miliardi di euro i finanziamenti in essere della Bei a Terna…

Leggi tutto…

Lungo 445 chilometri, dei quali 423 sottomarini, l’elettrodotto collega le stazioni elettriche di Cepagatti, in provincia di Pescara, e Lastva, nel comune di Kotor. La sua entrata in esercizio, entro fine anno, permetterà di diversificare gli approvvigionamenti, rafforzare l’affidabilità, l’efficienza, la sicurezza, la sostenibilità ambientale e la resilienza delle reti elettriche delle due sponde adriatiche…

Leggi tutto…

Dopo quello di Torino, Terna inaugura il suo secondo laboratorio dedicato allo sviluppo di idee innovative a servizio della rete elettrica. Il centro di Napoli sarà focalizzato in particolare sul Digital to People, ovvero sulla trasformazione digitale dei processi aziendali e l’innovazione degli strumenti nell’area delle risorse umane e dell’organizzazione…

Leggi tutto…

Con 4 miliardi di ricavi, un contributo al Pil di 2,5 miliardi, 28.000 posti di lavoro attivati in Italia la multiutility costituisce una delle principali realtà industriali nazionali. Una realtà che vuole essere attore chiave per lo sviluppo dei territori serviti, con 3,3 miliardi di investimenti nei prossimi 5 anni, puntando su sostenibilità, economia circolare e innovazione dei servizi …

Leggi tutto…