Terna completa la posa del cavo sottomarino tra Capri e Sorrento

Procedono con successo i lavori di Terna per realizzare il nuovo elettrodotto a 150 kV da Sorrento a Capri. Una delle parti più critiche dell’opera è stata infatti completata, ovvero la posa del cavo sottomarino che collegherà la nuova stazione elettrica in costruzione sulla penisola sorrentina con quella di Capri. Per l’installazione del cavo, completata in dieci giorni, è stata utilizzata una nave particolare di Prysmian, così come speciali macchinari sono stati impiegati per le operazioni di protezione del cavo, decisiva per evitare danni dovuti ad ancoraggi o ad attività di pesca, che non è stato ancorato al fondale, ma insabbiato.

Lungo 16 km, il cavo marino è stato posato seguendo un percorso scelto accuratamente dopo una dettagliata indagine delle aree marine, svolta nel 2018 per studiare le caratteristiche geotecniche e morfologiche del fondale e non interferire con le zone marine protette, come quella del Parco di Punta Campanella.

Il collegamento sottomarino è parte integrante del nuovo elettrodotto che Terna sta realizzando tra Capri e Sorrento, un collegamento dell’estensione totale di 19 km, dei quali, appunto, 16 km marini e 3 terrestri. Obiettivo dell’opera è di completare l’anello di connessione dell’isola di Capri alla rete di trasmissione nazionale, rendendo la rete elettrica più sicura ed efficiente. Al momento infatti a connettere l’isola con la penisola è l’elettrodotto 150 kV Capri-Torre Annunziata, in esercizio dal 2017. Oltre a questi interventi, Terna ha previsto nei prossimi anni anche un riassetto della rete della penisola sorrentina che consentirà di dismettere oltre 60 km di vecchi tralicci.


Leggi anche

La multiutility ha rivisto al rialzo i suoi target di decarbonizzazione, puntando a ridurre del 46% le emissioni di CO2 per kWh prodotto entro il 2030. A questo si aggiungono i nuovi obiettivi di emissioni indirette: azzerate entro il 2024 quelle legate all’utilizzo di energia e combustibili acquistati e ridotte del 20% entro il 2030 quelle per spostamenti, viaggi e altre attività. I nuovi obiettivi sono stati validati dalla Science Based Targets initiative…

Leggi tutto…

Storico risultato per la multiutility che ha chiuso il bilancio 2019 con il fatturato che ha raggiunto il suo livello record di 1,15 miliardi di euro, segnando una crescita del 32% rispetto all’anno precedente. In crescita anche il margine operativo lordo, arrivato a 98 milioni e l’utile netto, salito a 29 milioni. Aumentati anche il personale di 89 unità che portano il totale dei dipendenti a 1.447 …

Leggi tutto…

Il consiglio di amministrazione ha dato l’ok al nuovo documento che presenta un livello di investimenti record per il gruppo. Il Piano conferma il focus sullo sviluppo sostenibile della rete di trasmissione nazionale e delle interconnessioni con l’estero per un sistema elettrico sempre più sostenibile, resiliente e sicuro. Oltre 4 miliardi sono destinati allo sviluppo dell’infrastruttura e 2 alle attività di rinnovo ed efficienza, con ben 900 milioni per la digitalizzazione…

Leggi tutto…

Data la situazione di emergenza generata dalla diffusione del Coronavirus in Italia, ARERA blocca i distacchi per morosità per elettricità, gas e acqua. Fino a 1 miliardo per attuali e futuri interventi per consumatori, differite anche le più vicine scadenze previste dalla regolazione …

Leggi tutto…

12 le società provenienti da Italia, Germania, Belgio e Grecia, coinvolte nel progetto che ha come obiettivo lo sviluppo di tecnologie innovative per rendere l’infrastruttura elettrica più flessibile. Capofila del pilota italiano è Acea che, con Rse, Enea, Siemens, Apio ed Engineering, metterà a punto un’architettura tecnologica, basata sulla blockchain, che consentirà anche agli utenti di contribuire alla gestione ottimizzata della rete…

Leggi tutto…