Terna e Ministero della difesa: accordo sulla sicurezza sostenibile

Terna e Ministero della difesa: collaborare per la sicurezza delle reti elettriche

Garantire la massima sicurezza delle reti elettriche. È l’obiettivo cui punta la collaborazione tra Terna, il gestore della rete elettrica di trasporto, e il Ministero della difesa. Al centro dell’intesa, siglata dal sottosegretario alla Difesa Angelo Tofalo e dall’amministratore delegato di Terna Luigi Ferraris, la promozione di ricerche nel campo della sicurezza per accompagnare la transizione energetica in atto. Transizione che richiede l’adeguamento delle infrastrutture di distribuzione e trasmissione e l’uso delle fonti di energia rinnovabili. Lo scopo è migliorare la resilienza del sistema di trasmissione elettrica nazionale, anche attraverso la realizzazione di centri di interscambio elettrico come le smart city.

Smart military disctric: un prototipo di distretto energetico intelligente

In tale ambito, la collaborazione verterà sulla sperimentazione prototipica degli Smart military district, distretti energetici intelligenti dove è possibile massimizzare l’efficienza energetica, l’approvvigionamento da fonti sostenibili e il ricorso all’autoconsumo. Essi consentono inoltre la gestione dei flussi energetici in tempo reale in un alveo certo di sicurezza, nell’ottica del consolidato paradigma del binomio energy security-cyber security.

«Il settore energetico assume un ruolo sempre più centrale per lo sviluppo economico del Paese, per l’attuazione di un modello di crescita sostenibile e per la sua sicurezza – ha evidenziato Tofalo. In tale contesto l’approccio virtuoso della Difesa può e deve essere un esempio per gli altri settori della pubblica amministrazione nell’ambito della strategia di sicurezza nazionale». L’accordo consentirà infatti l’implementazione di progetti pilota finalizzati all’incremento della sicurezza e resilienza energetica nazionale, all’efficientamento energetico di siti militari e alla riduzione della spesa economica per l’approvvigionamento di energia.

Un accordo strategico per il Paese: verso una sicurezza sostenibile

«L’accordo è un passo importante per Terna e per il Sistema Paese in materia di sicurezza energetica quale fattore abilitante per la sicurezza nazionale – ha commentato il Ceo di Terna, Luigi Ferraris. È la prima tappa di una sempre più stretta collaborazione fra istituzioni e imprese strategiche per la realizzazione di un modello di sicurezza sostenibile».

Insieme all’intesa, è stata anche sottoscritta dal generale Francesco Noto, direttore della struttura di Progetto energia, la Lettera di Intenti con Terna che consentirà la partecipazione della Difesa al progetto europeo Osmose (Optimal system – mix of flexibility solutions for European electricity), nel quale alcune infrastrutture della Difesa potranno essere valutate in un’ottica di risorsa per la robustezza del sistema elettrico nazionale.


Leggi anche

Dalla fine dello scorso anno, ben 1200 i vecchi punti luce sostituiti con nuove lampade a led dalla società del Gruppo Hera nell’ambito del progetto di riqualificazione dell’illuminazione cittadina. E con ottimi risultati: più di 380.000 kWh di energia elettrica risparmiata e oltre 200 tonnellate di CO2 in meno emesse in atmosfera. Entro fine estate saranno sostituite ulteriori 300 lampade, e altre 1200 nel primo semestre del 2020…

Leggi tutto…

La multiutility di Mantova lo scorso anno ha registrato la miglior performance di sempre, con il valore della produzione schizzato a 276,4 milioni di euro e utili per 17,5 milioni, come attestato dal bilancio 2018, appena approvato dall’assemblea dei soci. Presentato anche il nuovo Piano industriale 2019-2023 con investimenti previsti per 250 milioni di euro, con un particolare impegno sulla sostenibilità e sulla digitalizzazione delle infrastrutture …

Leggi tutto…

A realizzarla sarà l’associazione temporanea di imprese, costituita da Varese Risorse, A2A Illuminazione Pubblica e Di Bella Costruzioni, che si è aggiudicata il bando da 30 milioni di euro e della durata di 6 anni. Questo prevede l’installazione di oltre 28.000 nuovi punti luce a Led, gestiti da remoto, che garantiranno un risparmio sui consumi energetici del 65% e la mancata emissione di 2400 tonnellate di CO2…

Leggi tutto…

I due gruppi hanno sottoscritto un term sheet per il riassetto delle attività di distribuzione gas e lo sviluppo di una società di commercializzazione dell’energia nei territori di Veneto, Friuli e Lombardia. Grazie a questa operazione, Ascopiave cresce nella distribuzione gas, diventando il primo operatore del Nord-Est, mentre Hera supera il target dei 3 milioni di clienti energy…

Leggi tutto…

La società ha completato il Pan, Puglia active network, il grande progetto per rendere smart la rete di distribuzione pugliese. Avviato nel 2014 con un investimento di 170 milioni di euro cofinanziato al 50% dalla Commissione europea, il programma ha reso l’infrastruttura regionale intelligente e flessibile: oggi è pronta ad accogliere l’energia prodotta da oltre 44.000 impianti rinnovabili e dispone di una rete per la ricarica dei veicoli elettrici …

Leggi tutto…