Terna e Steg rafforzano la cooperazione per l’interconnessione elettrica Italia-Tunisia

Si rafforza ulteriormente il rapporto di cooperazione industriale tra Terna e Steg, la società che gestisce la rete di trasporto elettrica della Tunisia. I due numeri uno delle società, Moncef Harrabi, presidente di Steg, e Luigi Ferraris, amministratore delegato e direttore generale di Terna, hanno siglato un memorandum of understanding per intensificare la cooperazione nell’ambito delle infrastrutture elettriche e in particolare del progetto Elmed, l’interconnessione sottomarina da 600 MW in corrente continua che collegherà Italia e Tunisia.

Lunga circa 200 km e completamente invisibile, l’opera è stata inserita nella lista dei Progetti di Interesse Comune (Pci) dalla Commissione europea, data la sua importanza strategica per la sicurezza e sostenibilità energetica dei due Paesi e per la realizzazione di una rete elettrica mediterranea che connetta i Paesi del nord Africa fra di loro e con l’Europa, in ottica di piena integrazione dei mercati.

La partnership bilaterale tra le due società, siglata a seguito dell’accordo intergovernativo sottoscritto lo scorso 30 aprile, prevede, nello specifico, la condivisione delle reciproche esperienze tecniche e professionali e lo scambio di know-how per la formazione di personale altamente specializzato per attività di pianificazione, realizzazione, collaudo e manutenzione di linee elettriche e cavi sottomarini in alta tensione e lo sviluppo di soluzioni smart grid e di integrazione delle energie rinnovabili. L’interconnessione consentirà all’Italia e alla Tunisia di scambiare elettricità, diversificare quindi gli approvvigionamenti e rafforzare l’affidabilità e la resilienza delle reti elettriche delle due sponde del Mediterraneo. In particolare, nel lungo periodo, permetterà alla Tunisia di esportare anche verso i Paesi del nord Africa energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili.

«Questo accordo rafforza ulteriormente il già consolidato rapporto di cooperazione industriale tra Steg e Terna avviato nel 2009, cruciale per contribuire a integrare in modo sostenibile, sicuro e affidabile le reti elettriche italiana e tunisina, e quindi euro-mediterranee, anche in ottica dell’atteso sviluppo delle fonti rinnovabili – ha commentato Ferraris -. Il progetto di interconnessione costituisce un solido presupposto perché il nostro Paese possa diventare l’hub europeo della trasmissione e del dispacciamento dell’energia elettrica nel Mediterraneo».


Leggi anche

La Nova Siria, membro del Gruppo Hawle Austria, è un’azienda leader nella progettazione e produzione “just in time” di giunti di riparazione, derivazione e collegamento per condotte terrestri e marine, ha firmato un progetto multimilionario insieme al produttore di tubazioni Superlit GRP, che prevede la fornitura di giunti meccanici DN4000 da installare su tubi GRP DN4000 presso la centrale nucleare di Akkuyu, in Turchia….

Leggi tutto…

Abbiamo intervistato Alessandro Vistoli, Amminsitratore Delegato di Terranova che ci ha raccontato come l’azienda affianca le utility per una migliore gestione della trasformazione tecnologica….

Leggi tutto…

Sede Inrete

La società di distribuzione gas ed elettricità del Gruppo Hera ha messo a punto un grande piano pluriennale per il rinnovo delle condotte gas obsolete o in materiale non conforme nella città. Sviluppato in accordo con Unica Reti, la società proprietaria delle reti, il piano di sostituzione interesserà circa 120 chilometri di condotte, con un investimento di oltre 50 milioni di euro…

Leggi tutto…

Luca Dal Fabbro

Il manager, presidente della società dallo scorso anno, ha presentato le sue dimissioni. Alla base della scelta la volontà di intraprendere nuovi percorsi imprenditoriali: nello specifico, il lancio del primo fondo italiano di private equity sull’economia circolare. Il successore sarà designato nella prossima assemblea degli azionisti, convocata per il 18 giugno, nella quale verrà approvato anche il bilancio 2019…

Leggi tutto…

alleanza

Definito da AGSM Verona e AIM Vicenza il progetto industriale preliminare che pone le basi per la nascita di una nuova multiutility leader nel Triveneto. Al via il processo di condivisione del progetto con le amministrazioni locali…

Leggi tutto…