Terna ed ENEA insieme per la sicurezza della rete

Accrescere la sicurezza e la resilienza della rete in alta tensione. Nasce con questi obiettivi la collaborazione tra Terna ed ENEA, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile.

Le due realtà realizzeranno delle attività di ricerca grazie all’utilizzo di tecnologie innovative, quali l’Intelligenza Artificiale, i sensori e l’analisi dei dati tramite IoT. Le ricerche permetteranno di sviluppare modelli e strumenti per la prevenzione e la gestione delle situazioni di emergenza che interessano l’infrastruttura elettrica nazionale.

Più nel dettaglio, la collaborazione sarà focalizzata su:

  • sviluppo di sistemi di supporto alle decisioni in caso di eventi estremi anche attraverso la rappresentazione grafica dei fenomeni
  • stima dell’efficacia di interventi preventivi finalizzati ad aumentare la resilienza della rete
  • sviluppo di tecnologie e sensori per il monitoraggio in tempo reale degli asset e di modelli previsionali dei possibili danni fisici alle infrastrutture
Monitoraggio di tipo predittivo

A questo scopo, Terna sta già installando sistemi di sensoristica avanzata, monitoraggio e diagnostica, anche di tipo predittivo, per incrementare la sicurezza della rete. Grazie alla tecnologia IoT e a innovativi strumenti digitali collocati sull’infrastruttura, la società raccoglie inoltre dati utili per la gestione in sicurezza del sistema elettrico e la prevenzione di situazioni di emergenza.

Sul fronte dell’innovazione e della digitalizzazione, Terna ha già programmato circa 900 milioni di euro di investimenti sugli 8,9 miliardi di euro complessivi previsti nel Piano Industriale 2021-2025.

Iniziativa EISAC.it

Da parte sua, ENEA è impegnata nello sviluppo di tecnologie, sistemi e strumenti avanzati a supporto degli operatori e della pubblica amministrazione per la protezione e gestione in sicurezza delle infrastrutture critiche attraverso l’iniziativa EISAC.it (European Infrastructure Simulation and Analysis Centre, nodo italiano). L’obiettivo è quello di sviluppare e rendere disponibili tecnologie avanzate per il monitoraggio e la valutazione delle diverse tipologie di rischio, in particolare da eventi naturali. Attraverso l’acquisizione di informazioni (dati satellitari, simulazioni, previsioni meteo) i sistemi di supporto alle decisioni di EISAC.it consentono di elaborare:

  • strategie di prevenzione
  • piani di emergenza
  • scenari di rischio

Grazie a questi è possibile effettuare stress-test sulle infrastrutture.

Francesco Del Pizzo, Responsabile Strategie di sviluppo rete e dispacciamento di Terna

«Con il supporto di ENEA potremo mettere in campo ancora più azioni utili a fronteggiare i rischi connessi al verificarsi di eventi climatici estremi, facendo leva non solo sullo sviluppo della rete ma anche sull’adozione di nuove tecnologie che, a costi contenuti, consentono di massimizzare l’affidabilità delle nostre infrastrutture.

Le nuove tecnologie, l’innovazione e la digitalizzazione sono, come già delineato nel nuovo Piano Industriale 2021-2025, elementi imprescindibili per disegnare “new ways of working” che rispondano al cambiamento imposto da questo ultimo anno e per abilitare la transizione energetica a beneficio della resilienza, sicurezza e flessibilità di tutto il sistema».

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 


Leggi anche

È quanto prevede il nuovo piano industriale 2021-2030 Life is our Duty, focalizzato sull’economia circolare e sulla transizione energetica, con investimenti, rispettivamente, per 6 e 10 miliardi di euro, per contribuire al conseguimento degli obiettivi di sostenibilità dell’ONU e al rilancio economico del Paese. Tra i target, ridurre del 20% delle perdite idriche, portare la capacità installata di rinnovabili a 5,7 GW, e recuperare ulteriori 4,4 milioni di tonnellate di rifiuti …

Leggi tutto…

Ad aggiudicarsela 17 imprese, tutte italiane. I lavori, che consistono nella posa di linee elettriche interrate, da realizzare nei prossimi 3 anni, interessano tutta la Penisola e sono stati suddivisi in lotti. Tra le principali, il collegamento elettrico Colunga-Calenzano, tra le province di Bologna e Firenze, da 170 milioni di euro, il riassetto della rete nelle principali città metropolitane e gli interventi per migliorare la sicurezza della rete nella Sicilia sudorientale…

Leggi tutto…

Il nuovo documento, che delinea le strategie di crescita della multiutility per il periodo 2021-2024, mette al centro sostenibilità, innovazione e digitalizzazione. Per quanto riguarda la ripartizione delle risorse, al ciclo idrico sono destinati 46 milioni, mentre al settore ambientale ne andranno complessivamente 37. Notevoli gli investimenti anche nel comparto energia, con 30 milioni destinati alla distribuzione gas e ben 50 al comparto elettrico…

Leggi tutto…

Il progetto del gestore idrico del Medio Valdarno, del valore di 5 milioni di euro, permetterà di porre fine alla scarsità di acqua che affligge le aree della parte alta della cittadina durante i mesi estivi. Il primo lotto dei lavori prevede la posa di 3 km di condotte e la realizzazione di una stazione di pompaggio. A questo si aggiunge anche la sostituzione di un tratto di rete fognaria. Gli interventi saranno aggiudicati entro marzo per prendere il via a fine estate…

Leggi tutto…

All’inizio dell’anno un repentino calo di frequenza ha praticamente diviso in due la rete elettrica europea. Il distacco immediato di 400 MW di consumatori interrompibili attivato dalla società che gestisce la nostra infrastruttura di trasmissione ha contribuito a risolvere il problema, mantenendo in equilibrio il sistema energetico nazionale e continentale …

Leggi tutto…