Terna ha inaugurato l’Innovation Hub di Napoli

Un laboratorio di idee innovative a servizio della rete elettrica. È l’Innovation Hub appena inaugurato a Napoli da Terna, il primo nel Sud e il secondo in Italia, dopo quello aperto in primavera a Torino.

Il nuovo sito, attraverso l’interazione e lo scambio con realtà esterne, come Università, centri di ricerca, startup e imprese, punta a diventare uno spazio nel quale creare, sviluppare e testare nuove soluzioni per lo sviluppo delle reti elettriche.

Focus sul Digital to People: l’innovazione nei processi ambientali e nelle risorse umane

Più nello specifico, l’Innovation Hub di Napoli sarà focalizzato sul Digital to People, ovvero sulla trasformazione digitale dei processi aziendali e l’innovazione degli strumenti nell’area delle risorse umane e dell’organizzazione. Sono 6 le prime startup selezionate per lo sviluppo di progetti nei due ambiti: dai processi per efficientare la manutenzione degli asset, alla realizzazione di app che ricostruiscono virtualmente operazioni sul campo da utilizzare per formare il personale, alla realizzazione di una piattaforma di raccolta delle necessità formative per progettare percorsi di training personalizzato e di coaching digitale.

Il progetto è parte del percorso di innovazione e digitalizzazione a livello nazionale per il quale Terna investirà circa 700 milioni di euro nei prossimi 5 anni. L’obiettivo è di sviluppare prototipi di idee innovative focalizzate sui nuovi trend tecnologici rilevanti per il gestore della rete di trasmissione elettrica, attraverso gruppi di lavoro composti da soggetti differenti per provenienza e competenze.

Campania: da qui parte linnovazione

L’inaugurazione dell’Innovation Hub è stata anche l’occasione per Terna per lanciare un nuovo concorso che ha l’obiettivo di coinvolgere professionisti locali nella progettazione di stazioni elettriche integrate nel territorio. Concorso che prende il via proprio dalla Campania, dove a Capri Terna ha già realizzato una stazione unica nel suo genere, progettata in armonia con l’ambiente nel quale si inserisce.

«Siamo orgogliosi di proseguire questo percorso di innovazione che vuole creare sinergie tra le persone e le professionalità di Terna e le eccellenze del territorio per sviluppare idee e percorsi innovativi a beneficio di una rete elettrica sempre più moderna, efficiente, flessibile e sostenibile, in grado di favorire la transizione energetica in atto – ha commentato l’amministratore delegato di Terna, Luigi Ferraris -. L’Innovation Hub di Napoli è la conferma dell’importanza di questa città e di questa regione nella strategia di Terna che prevede nei prossimi 5 anni investimenti sulla rete elettrica Campana per oltre 536 milioni di euro».


Leggi anche

Invitalia ha pubblicato il bando nazionale Impresa SIcura che permette alle aziende di ottenere il rimborso delle spese sostenute per l’acquisto di dispositivi e altri strumenti di protezione individuale (DPI) per il contenimento e il contrasto dell’emergenza Covid-19…

Leggi tutto…

Sede Estra

Lo scorso anno è stato particolarmente positivo per la multiutility dell’energia e dei servizi ambientali, grazie al miglioramento e all’estensione delle performance di tutti i settori di business. Il bilancio consolidato, approvato dal consiglio di amministrazione, ha registrato un incremento dei ricavi del 18% rispetto all’anno precedente, sfiorando il miliardo di euro. Su del 35% anche il margine operativo lordo, pari a 37,8 milioni, e addirittura del 117% l’utile netto pari a 16,7 milioni…

Leggi tutto…

Al via per il terzo anno consecutivo la gara congiunta dei gestori pubblici dell’acqua di Lombardia e Piemonte per la fornitura di energia elettrica da fonti rinnovabili. L’importo è di 139 milioni di euro circa…

Leggi tutto…

Le due gare riguardano la manutenzione per i prossimi tre anni di circa 50.000 km di linee aeree a 150 kV sull’intero territorio nazionale. Ad aggiudicarsele tutte imprese italiane sottoposte a una complessa valutazione tecnica per via della complessità dei lavori, che impegneranno tra dipendenti e indotto, oltre 10.000 lavoratori …

Leggi tutto…

Le due società hanno rinnovato il Memorandum of Understanding finalizzato a valorizzare le potenziali sinergie tra il sistema gas e il sistema elettrico. Tre le aree al centro dell’intesa: le centrali dual fuel, il sector coupling, in particolare con l’integrazione delle fonti rinnovabili, e la ricerca e sviluppo di soluzioni innovative per rendere le reti energetiche sempre più sostenibili…

Leggi tutto…