Terna investe un miliardo per lo sviluppo della rete elettrica del Veneto

Oltre un miliardo di euro per lo sviluppo e il rinnovo della rete elettrica del Veneto. È l’impegno messo in campo da Terna e suggellato nell’accordo siglato dal numero uno della società che gestisce la rete elettrica nazionale, Luigi Ferraris, e il presidente della Regione, Luca Zaia.

Un piano che ha come obiettivo di rendere più sicura efficiente e sostenibile l’infrastruttura elettrica e composto da quattro capitoli. Il primo riguarda lo sviluppo della rete e prevede diversi importanti interventi. Il principale riguarda la realizzazione in cavo interrato dell’elettrodotto a 380 kV Dolo – Camin, un’opera da 400 milioni di euro, fondamentale per lo sviluppo della rete elettrica tra Padova e Venezia, che Terna punta a concludere, a breve verrà avviato l’iter per le autorizzazioni, per il 2022 – 2023.

Altro progetto è il riassetto della rete elettrica della Media Valle del Piave, attualmente in autorizzazione, che sarà variato con l’introduzione, per la futura linea 220 kW “Polpet – Scorzè”, della tecnologia del cavo interrato dalla nuova stazione di Polpet sino a prima dell’attraversamento del fiume Piave.

A questi si aggiungono il progetto della stazione elettrica di Volpago, con la demolizione di 51 km di linee aree e la posa di 26 km di nuovi collegamenti in cavo interrato, e il riassetto della rete elettrica nell’Alto bellunese, con la realizzazione di un collegamento elettrico a 150 kW tra Cortina e Auronzo di Cadore interamente in cavo interrato.

Il secondo capitolo riguarda gli interventi sulla rete elettrica regionale esistente per aumentare la stabilità e la sicurezza del servizio di trasmissione dell’energia e la resilienza delle infrastrutture agli eventi climatici eccezionali. Interventi che comprendono il rinnovo degli impianti esistenti con materiali e componenti sostenibili, innovativi e performanti (telecamere, sensori, rilevatori satellitari, sistemi di localizzazione guasti) capaci di mitigare i rischi, in particolare la formazione di manicotti di ghiaccio, grazie a interventi di manutenzione predittiva.

Terzo capitolo l’apertura di “corridoi verdi” lungo i tracciati delle linee con l’abbattimento – d’intesa con l’autorità forestale e i Parchi – degli alberi ad alto fusto che a causa della neve e del vento in passato sono precipitati sui cavi provocando gravi blackout e la loro sostituzione con «essenze vegetali autoctone a ricrescita controllata.

Infine, la stipula di accordi di ricerca tra Terna e le università venete, con ampliamento del laboratorio di Villabona e la costituzione di un nuovo centro di eccellenza a Scorzè.


Leggi anche

L’intervento prevede la posa di 22 chilometri di nuovi cavi interrati tra Cameri e Borgo Ticino che permetteranno di dismettere circa 24 km di linee aeree e la demolizione di oltre 100 tralicci. I lavori interesseranno anche il Parco naturale del Ticino, con l’eliminazione di 5 chilometri di linea aerea e 28 tralicci. …

Leggi tutto…

La società si è aggiudicata un bando del Ministero dello Sviluppo Economico per lo sviluppo delle reti intelligenti nelle Regioni del Sud. 16 progetti riguardano la Sicilia, dove e-distribuzione ha ottenuto anche un finanziamento regionale per altri 11 progetti che permetteranno di rendere le reti sempre più resilienti, performanti e in grado di accogliere una quota maggiore di energia da fonti rinnovabili…

Leggi tutto…

Le tre società hanno siglato una lettera d’intenti non vincolante per l’avvio dello studio di un percorso congiunto per valutare la possibile acquisizione degli asset del gruppo Ascopiave nella vendita di elettricità e gas e la costituzione di un’alleanza nel settore della distribuzione gas. Un’operazione che nasce dalla volontà di Ascopiave di cedere le sue attività commerciali per focalizzarsi sulla distribuzione…

Leggi tutto…

Promosso da Regione Lombardia, ARERA, RSE e Terna, il progetto pilota sull’aggregazione di numerosi sistemi di accumulo di energia prodotta da impianti fotovoltaici nasce per consentire agli utenti di piccola taglia di partecipare al mercato di dispacciamento dell’energia. Possono aderire, senza alcun onere a loro carico, tutti i cittadini dotati di sistemi di accumulo…

Leggi tutto…

«L’impegno economico più alto di sempre», ha definito il nuovo piano una nota della stessa società, forte di un volume di investimenti in crescita del 20% rispetto al documento precedente. Oltre 3 miliardi sono destinati allo sviluppo della rete elettrica nazionale, 2 miliardi alle attività di rinnovo ed efficienza e 1 alla realizzazione di dispositivi per aumentare la sicurezza e la stabilità dell’infrastruttura…

Leggi tutto…