Terna investe un miliardo per lo sviluppo della rete elettrica del Veneto

Oltre un miliardo di euro per lo sviluppo e il rinnovo della rete elettrica del Veneto. È l’impegno messo in campo da Terna e suggellato nell’accordo siglato dal numero uno della società che gestisce la rete elettrica nazionale, Luigi Ferraris, e il presidente della Regione, Luca Zaia.

Un piano che ha come obiettivo di rendere più sicura efficiente e sostenibile l’infrastruttura elettrica e composto da quattro capitoli. Il primo riguarda lo sviluppo della rete e prevede diversi importanti interventi. Il principale riguarda la realizzazione in cavo interrato dell’elettrodotto a 380 kV Dolo – Camin, un’opera da 400 milioni di euro, fondamentale per lo sviluppo della rete elettrica tra Padova e Venezia, che Terna punta a concludere, a breve verrà avviato l’iter per le autorizzazioni, per il 2022 – 2023.

Altro progetto è il riassetto della rete elettrica della Media Valle del Piave, attualmente in autorizzazione, che sarà variato con l’introduzione, per la futura linea 220 kW “Polpet – Scorzè”, della tecnologia del cavo interrato dalla nuova stazione di Polpet sino a prima dell’attraversamento del fiume Piave.

A questi si aggiungono il progetto della stazione elettrica di Volpago, con la demolizione di 51 km di linee aree e la posa di 26 km di nuovi collegamenti in cavo interrato, e il riassetto della rete elettrica nell’Alto bellunese, con la realizzazione di un collegamento elettrico a 150 kW tra Cortina e Auronzo di Cadore interamente in cavo interrato.

Il secondo capitolo riguarda gli interventi sulla rete elettrica regionale esistente per aumentare la stabilità e la sicurezza del servizio di trasmissione dell’energia e la resilienza delle infrastrutture agli eventi climatici eccezionali. Interventi che comprendono il rinnovo degli impianti esistenti con materiali e componenti sostenibili, innovativi e performanti (telecamere, sensori, rilevatori satellitari, sistemi di localizzazione guasti) capaci di mitigare i rischi, in particolare la formazione di manicotti di ghiaccio, grazie a interventi di manutenzione predittiva.

Terzo capitolo l’apertura di “corridoi verdi” lungo i tracciati delle linee con l’abbattimento – d’intesa con l’autorità forestale e i Parchi – degli alberi ad alto fusto che a causa della neve e del vento in passato sono precipitati sui cavi provocando gravi blackout e la loro sostituzione con «essenze vegetali autoctone a ricrescita controllata.

Infine, la stipula di accordi di ricerca tra Terna e le università venete, con ampliamento del laboratorio di Villabona e la costituzione di un nuovo centro di eccellenza a Scorzè.


Leggi anche

A realizzarla sarà l’associazione temporanea di imprese, costituita da Varese Risorse, A2A Illuminazione Pubblica e Di Bella Costruzioni, che si è aggiudicata il bando da 30 milioni di euro e della durata di 6 anni. Questo prevede l’installazione di oltre 28.000 nuovi punti luce a Led, gestiti da remoto, che garantiranno un risparmio sui consumi energetici del 65% e la mancata emissione di 2400 tonnellate di CO2…

Leggi tutto…

La collaborazione ha l’obiettivo di promuovere la ricerca nel campo della sicurezza per accompagnare la transizione energetica in atto. Parte della partnership sarà focalizzata sulla sperimentazione di prototipi di Smart military district, distretti energetici intelligenti dove si può massimizzare l’efficienza, l’approvvigionamento da fonti sostenibili, l’autoconsumo e la gestione dei flussi energetici in tempo reale in un ambiente totalmente sicuro…

Leggi tutto…

I due gruppi hanno sottoscritto un term sheet per il riassetto delle attività di distribuzione gas e lo sviluppo di una società di commercializzazione dell’energia nei territori di Veneto, Friuli e Lombardia. Grazie a questa operazione, Ascopiave cresce nella distribuzione gas, diventando il primo operatore del Nord-Est, mentre Hera supera il target dei 3 milioni di clienti energy…

Leggi tutto…

La società ha completato il Pan, Puglia active network, il grande progetto per rendere smart la rete di distribuzione pugliese. Avviato nel 2014 con un investimento di 170 milioni di euro cofinanziato al 50% dalla Commissione europea, il programma ha reso l’infrastruttura regionale intelligente e flessibile: oggi è pronta ad accogliere l’energia prodotta da oltre 44.000 impianti rinnovabili e dispone di una rete per la ricarica dei veicoli elettrici …

Leggi tutto…

Entra nella fase operativa il Cluster tecnologico nazionale “Energia”, che riunisce 72 realtà, tra imprese università, centri di ricerca ed enti territoriali, con l’obiettivo di sviluppare nuove soluzioni per il sistema energetico nazionale. Smart grid e sistemi di accumulo da una parte e produzione di elettricità ed energia termica con il solare a concentrazione dall’altra, i primi due progetti-pilota avviati…

Leggi tutto…