Terna presenta il progetto Sa.Co.I 2


Terna ha concluso il suo tour in Toscana e Sardegna per presentare il progetto Sa.Co.I 3, il nuovo collegamento elettrico tra Toscana, Sardegna e Corsica.
Il nuovo elettrodotto, che sarà realizzato con un investimento di circa 524 milioni di euro, nasce per rafforzare l’attuale collegamento, il Sa.Co.I 2, in corrente continua a 200 kv che risale al 1967, per permettere di sfruttare al meglio la capacità di produzione da fonti rinnovabili della Sardegna e rendere più sicuro il sistema elettrico dell’isola. Un intervento fondamentale, dunque, per garantire adeguati livelli di affidabilità della rete elettrica in Sardegna e la capacità di trasporto di energia tra il centro nord e l’isola e in Corsica e assicurare la necessaria copertura del fabbisogno.
Riconosciuto dalla Commissione europea di interesse comune, l’opera sarà a ridotto impatto ambientale in quanto sarà realizzata sfruttando l’attuale infrastruttura del Sa.Co.I 2, con l’ammodernamento delle stazioni di conversione e la posa di nuovi cavi terrestri e marini, garantendo una capacità di trasporto complessiva fino a 400 MW.
Andando un po’ più nel dettaglio, è prevista la realizzazione di nuovi tracciati in cavo adiacenti a quelli attuali, per un totale di 318 km di nuove linee, dei quali 272 sottomarini, evitando così di occupare altre parti di territorio. Le due nuove stazioni di conversione saranno localizzate vicino a quelle attuali di Suvereto, in provincia di Livorno, e Codrongianos, in provincia di Sassari. Le linee aeree che fanno parte dell’attuale Sa.Co.I 2 non saranno invece oggetto di alcun intervento perché sono già adeguate alla capacità di trasporto prevista per il collegamento. Inoltre, poiché Edf, gestore della rete in Corsica, ha chiesto di poter aumentare il prelievo di energia presso l’impianto di Lucciana (in Corsica), sarà necessario potenziare la sua capacità di trasporto. Il collegamento Sa.Co.I 3 sarà realizzato con tecnologia di trasmissione in corrente continua, generando un campo elettrico e magnetico statico senza rischi per la salute dei cittadini.


Leggi anche

Già attiva in tutto il territorio nazionale, la rete di trasporto è costituita da 6300 km di fibra ottica ed è in grado di raggiungere una velocità di 400 Gigabit per secondo. Realizzata con apparati di ultima generazione, permetterà di offrire agli operatori nuovi servizi e di rispondere ai crescenti volumi di traffico generati dalle applicazioni più avanzate che la rete a banda ultralarga abilita …

Leggi tutto…

Nominato all’unanimità dal Collegio. La nomina sarà operativa dalla data di formale autorizzazione da parte della Presidenza del Senato della Repubblica….

Leggi tutto…

La società ha sottoscritto con un pool di 13 banche, che comprende istituti nazionali e internazionali, un mega finanziamento destinato a sostenere la costruzione della rete in fibra ottica in modalità Fttc in tutta Italia, raggiungendo 19,5 milioni di unità immobiliari. Della partita anche Cassa depositi e prestiti e banca europea per gli investimenti …

Leggi tutto…

Supportare gli investimenti di realtà pubbliche e private per lo sviluppo della banda larga nelle zone rurali e scarsamente popolate d’Europa. Con questo obiettivo è stato creato il Connecting Europe Broadband Fund. Che ora ottiene la sua prima dotazione di risorse, messe a disposizione dai partner: Commissione europea, Banca europea per gli investimenti, KfW, la nostra Cassa depositi e prestiti e la francese Caisse des Dépôts

Leggi tutto…

Uno studio dell’Eca sottolinea come il nostro paese difficilmente riuscirà a centrare gli obiettivi europei al 2020 sulla banda larga. Ma potrebbe raggiungere i target al 2025, grazie allo schema wholesale adottato da Open Fiber. Apprezzato anche il piano di investimenti diretti per la creazione dell’infrastruttura libera: un modello anche per il resto d’Europa

Leggi tutto…