Terna: un intervento decisivo per la sicurezza del sistema elettrico europeo

Le misure di sicurezza adottate da Terna sulla rete di trasmissione elettrica sono efficienti, efficaci e rispondono in modo puntuale agli eventi. A testimoniarlo il pronto intervento con la quale la rete nazionale ha risposto al repentino calo di frequenza che ha coinvolto i sistemi di trasmissione di tutti i Paesi dell’Europa continentale, a vantaggio non solo del nostro Paese, ma anche degli altri partner europei.

Cosa è accaduto

L’evento si è verificato lo scorso 8 gennaio, alle ore 14.05, quando è stato rilevato un calo di frequenza. Il calo di circa 250 MHz, dovuto a una serie di “aperture” di linee nell’area balcanica, ha praticamente diviso in due la rete elettrica europea. Un fenomeno raro, le cui cause sono ancora in corso di accertamento, che ha separato per circa un’ora l’area Sud-Est da quella Centro-Ovest, solitamente interconnesse in maniera sincrona.

L’intervento di Terna

Per ridurre questa deviazione di frequenza e garantire la stabilità dell’intero sistema elettrico, Terna ha subito attivato il meccanismo di interrompibilità per 400 MW. Il quantitativo attivato era sufficiente per arrestare la variazione immediatamente dopo il distacco. Il gestore, in pratica, ha staccato dalla rete i consumi di clienti industriali cosiddetti interrompibili (clienti energivori che si rendono disponibili al distacco istantaneo dalla fornitura in caso di situazioni problematiche per il sistema elettrico). Un’azione che, coordinata con le altre iniziative dei gestori di rete europei, ha permesso di riequilibrare la frequenza elettrica continentale. È stato così possibile evitare disalimentazioni e interruzioni di elettricità diffuse. Grazie a tale operazione, infatti, la rete europea è tornata alla normalità in meno di un’ora.

Un successo frutto del grande impegno che la società rivolge all’aspetto della sicurezza, predisponendo ogni anno un apposito piano, il Piano di sicurezza, con le attività previste per mantenere elevati standard di sicurezza del sistema elettrico italiano, come interventi per la stabilità della rete, azioni innovative per aumentare la resilienza e i sistemi di difesa.

Piano industriale 2021-2025

Non a caso Terna nel Piano industriale 2021-2025 ha dedicato a questo aspetto risorse per 1,2 miliardi di euro, destinate a interventi necessari alla regolazione della tensione e alla stabilità dinamica del sistema elettrico, come l’installazione di compensatori sincroni nei punti più critici della rete. Il piano prevede anche azioni per fronteggiare i rischi legati a eventi climatici più estremi, sempre più frequenti, con investimenti in soluzioni innovative per incrementare la resilienza dell’infrastruttura.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 


Leggi anche

In base al nuovo accordo, la società che gestisce la rete di trasmissione fornirà 675 dispositivi ai reparti dell’Arma coinvolti nel monitoraggio delle infrastrutture elettriche strategiche. Tra le azioni per la tutela del sistema elettrico è prevista la sistematica geolocalizzazione delle stazioni di Terna, la comunicazione in tempo reale tra Terna e le unità dei Carabinieri e la trasmissione di immagini dei siti sorvegliati….

Leggi tutto…

La nuova linea elettrica collegherà la stazione di Glorenza, in Alto Adige, con quella austriaca di Nauders, sviluppandosi per 28 chilometri e sarà completamente interrata. La sua realizzazione, che sarà completata nel giro di due anni, con un investimento di 85 milioni di euro, aumenterà la capacità di interscambio elettrico di 300 MW, raddoppiando la capacità attuale….

Leggi tutto…

Ammontano a ben 8,9 miliardi di euro, il 22% in più del vecchio documento, gli investimenti previsti dal nuovo Piano del Gestore della Rete Elettrica Nazionale. Investimenti destinati all’integrazione delle fonti rinnovabili non programmabili e all’incremento della sicurezza e resilienza del sistema, attraverso il rafforzamento dei collegamenti nord-sud e con le isole e delle interconnessioni internazionali.

Leggi tutto…

Presentato il nuovo piano 2020-2026 che prevede una crescita degli investimenti di ben 1,1 miliardi rispetto al documento precedente. 2 miliardi saranno destinati alle gare gas e oltre 3 miliardi all’ammodernamento delle infrastrutture. Altri punti strategici saranno l’innovazione e la digitalizzazione delle reti, con 1,1 miliardi dedicati, e la crescita in settori quali l’efficienza energetica e il servizio idrico….

Leggi tutto…

Procede la riqualificazione del sistema di illuminazione pubblica della città portato avanti dalla società del Gruppo Hera. Nel corso di quest’anno sono stati sostituiti 810 punti luce con nuove lampade a LED ed entro fine dicembre il numero di impianti efficientati toccherà le 1300 unità. Il piano, sostenuto da un investimento del Comune da 4 milioni di euro, garantirà una riduzione dei consumi energetici del 50%….

Leggi tutto…