Terna: un intervento decisivo per la sicurezza del sistema elettrico europeo

Le misure di sicurezza adottate da Terna sulla rete di trasmissione elettrica sono efficienti, efficaci e rispondono in modo puntuale agli eventi. A testimoniarlo il pronto intervento con la quale la rete nazionale ha risposto al repentino calo di frequenza che ha coinvolto i sistemi di trasmissione di tutti i Paesi dell’Europa continentale, a vantaggio non solo del nostro Paese, ma anche degli altri partner europei.

Cosa è accaduto

L’evento si è verificato lo scorso 8 gennaio, alle ore 14.05, quando è stato rilevato un calo di frequenza. Il calo di circa 250 MHz, dovuto a una serie di “aperture” di linee nell’area balcanica, ha praticamente diviso in due la rete elettrica europea. Un fenomeno raro, le cui cause sono ancora in corso di accertamento, che ha separato per circa un’ora l’area Sud-Est da quella Centro-Ovest, solitamente interconnesse in maniera sincrona.

L’intervento di Terna

Per ridurre questa deviazione di frequenza e garantire la stabilità dell’intero sistema elettrico, Terna ha subito attivato il meccanismo di interrompibilità per 400 MW. Il quantitativo attivato era sufficiente per arrestare la variazione immediatamente dopo il distacco. Il gestore, in pratica, ha staccato dalla rete i consumi di clienti industriali cosiddetti interrompibili (clienti energivori che si rendono disponibili al distacco istantaneo dalla fornitura in caso di situazioni problematiche per il sistema elettrico). Un’azione che, coordinata con le altre iniziative dei gestori di rete europei, ha permesso di riequilibrare la frequenza elettrica continentale. È stato così possibile evitare disalimentazioni e interruzioni di elettricità diffuse. Grazie a tale operazione, infatti, la rete europea è tornata alla normalità in meno di un’ora.

Un successo frutto del grande impegno che la società rivolge all’aspetto della sicurezza, predisponendo ogni anno un apposito piano, il Piano di sicurezza, con le attività previste per mantenere elevati standard di sicurezza del sistema elettrico italiano, come interventi per la stabilità della rete, azioni innovative per aumentare la resilienza e i sistemi di difesa.

Piano industriale 2021-2025

Non a caso Terna nel Piano industriale 2021-2025 ha dedicato a questo aspetto risorse per 1,2 miliardi di euro, destinate a interventi necessari alla regolazione della tensione e alla stabilità dinamica del sistema elettrico, come l’installazione di compensatori sincroni nei punti più critici della rete. Il piano prevede anche azioni per fronteggiare i rischi legati a eventi climatici più estremi, sempre più frequenti, con investimenti in soluzioni innovative per incrementare la resilienza dell’infrastruttura.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 


Leggi anche

La multiutility ha approvato il piano industriale 2021-2024, che ha nella sostenibilità e nel miglioramento e nell’evoluzione dei servizi i suoi focus. Tra i principali target l’incremento della generazione di energia rinnovabile, l’ulteriore sviluppo del teleriscaldamento a Verona e Vicenza, la digitalizzazione delle reti gas ed elettriche. Senza dimenticare lo sviluppo dei servizi ambientali in un’ottica di energia circolare….

Leggi tutto…

Con la Legge di Bilancio 2021 viene confermato il Bonus pubblicità anche per i prossimi due anni. Attraverso il credito di imposta si potrà recuperare il 50% di quanto investito in campagne pubblicitarie su quotidiani e riviste, anche online.
Prenota entro il 31 marzo la tua pianificazione per usufruire del credito d’imposta….

Leggi tutto…

È quanto prevede il nuovo piano industriale 2021-2030 Life is our Duty, focalizzato sull’economia circolare e sulla transizione energetica, con investimenti, rispettivamente, per 6 e 10 miliardi di euro, per contribuire al conseguimento degli obiettivi di sostenibilità dell’ONU e al rilancio economico del Paese. Tra i target, ridurre del 20% delle perdite idriche, portare la capacità installata di rinnovabili a 5,7 GW, e recuperare ulteriori 4,4 milioni di tonnellate di rifiuti …

Leggi tutto…

Ad aggiudicarsela 17 imprese, tutte italiane. I lavori, che consistono nella posa di linee elettriche interrate, da realizzare nei prossimi 3 anni, interessano tutta la Penisola e sono stati suddivisi in lotti. Tra le principali, il collegamento elettrico Colunga-Calenzano, tra le province di Bologna e Firenze, da 170 milioni di euro, il riassetto della rete nelle principali città metropolitane e gli interventi per migliorare la sicurezza della rete nella Sicilia sudorientale…

Leggi tutto…

Il nuovo documento, che delinea le strategie di crescita della multiutility per il periodo 2021-2024, mette al centro sostenibilità, innovazione e digitalizzazione. Per quanto riguarda la ripartizione delle risorse, al ciclo idrico sono destinati 46 milioni, mentre al settore ambientale ne andranno complessivamente 37. Notevoli gli investimenti anche nel comparto energia, con 30 milioni destinati alla distribuzione gas e ben 50 al comparto elettrico…

Leggi tutto…