Terna: un nuovo elettrodotto per il Nord della Sardegna

Favorire lo sviluppo delle rinnovabili, ammodernare l’infrastruttura elettrica del Nord dell’isola e renderla più affidabile ed efficiente. Garantirà tutti questi benefici il nuovo elettrodotto progettato da Terna in Sardegna. Elettrodotto per il quale è stato appena avviato il processo autorizzativo dal Ministero della Transizione Ecologica. Si tratta della linea Santa Teresa-Tempio-Buddusò, un elettrodotto a 150 kV, che si snoderà per circa 90 km con un percorso, in parte in cavo interrato, attraversando 8 comuni nell’area della Gallura, in Provincia di Sassari.

Il progetto, insieme alla posa del cavo, prevede anche la realizzazione di due stazioni elettriche, per un costo totale di 65 milioni di euro. Queste sorgeranno a Tempio e Buddusò e permetteranno di collegare direttamente i tre snodi principali della rete elettrica locale, creando una nuova direttrice.

Più rinnovabili ed energia per il turismo

Un’opera strategica per la trasmissione elettrica regionale, resasi necessaria per soddisfare, soprattutto, l’area orientale dell’isola. Questa è infatti una delle zone più critiche della regione, a causa della ridotta infrastrutturazione e dell’elevata richiesta di elettricità da parte del settore turistico nei mesi estivi.

Ma non solo. Perché la nuova rete garantirà ulteriori benefici sul piano ambientale ed economico per il territorio. Nel primo caso favorirà lo sviluppo della produzione di energia da fonti rinnovabili, in particolare eolico e fotovoltaico, e quindi della decarbonizzazione energetica. Nel secondo, per la portata dei lavori, che coinvolgeranno circa 30 imprese, tra dirette e indotto, e 120 tra operai e tecnici specializzati.

Sardegna hub elettrico del Mediterraneo

Il progetto rientra nel piano di interventi programmato da Terna per la Sardegna e che prevede investimenti per circa 1 miliardo di euro nei prossimi 5 anni. A queste si aggiungono le altre mega infrastrutture che Terna ha in programma. Come il SA.CO.I 3, l’interconnessione dell’isola con la Corsica e la Penisola Italiana. E il Tyrrhenian Link, il nuovo elettrodotto sottomarino da 3,7 miliardi di euro che unirà la Sardegna con la Sicilia e quest’ultima con la Campania. Opere che, una volta concluse permetteranno alla Sardegna di svolgere un ruolo centrale strategico a livello internazionale. Sia in ottica di phase-out delle centrali a combustibili fossili e quindi per la decarbonizzazione del sistema energetico italiano, grazie allo sviluppo delle rinnovabili, sia come hub elettrico dell’Europa e dell’area del Mediterraneo per l’integrazione dei mercati.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività

 


Leggi anche

Rilasciato il nuovo report dell’European Hydrogen Backbone, l’iniziativa alla quale hanno aderito 23 operatori del trasporto gas del Continente sulla dorsale europea dell’idrogeno. Secondo lo studio, la rete potrebbe raggiungere i 40.000 km al 2040, rappresentati in gran parte da condotte del trasporto del metano convertite, connettendo 21 Paesi. La sua realizzazione avrebbe un costo tra i 43 e gli 81 miliardi di euro. …

Leggi tutto…

Nasce il RAB, organo autonomo e indipendente che garantirà la condivisione delle informazioni, il dialogo e il confronto sulle attività della Biopiattaforma, la struttura carbon neutral dedicata all’economia circolare che riunirà il termovalorizzatore e il depuratore di Sesto San Giovanni….

Leggi tutto…

Ijinus produce logger funzionanti a batteria, dal piccolo ingombro, dotati di trasmissione dati su più piattaforme, resistenti a condizioni estreme, semplici da usarsi. Cavalli di battaglia sono: i misuratori di livello a batteria, nati per lavorare in fognatura e con un software brevettato per leggere con precisione e non avere problemi con eventuali ostacoli nel cono degli Ultra Suoni; i sensori di tracimazione o overflow….

Leggi tutto…

Stefano Donnarumma Terna

L’assemblea dei soci ha rinnovato il consiglio di amministrazione, tra l’altro ampliato nel numero, del gestore della rete elettrica nazionale. Donnarumma, dimessosi da Acea, è il nuovo amministratore delegato e direttore generale della società, mentre Bosetti è stata eletta alla presidenza. Succedono, rispettivamente, a Luigi Ferraris e Catia Bastioli, e resteranno in carica fino al 2022 …

Leggi tutto…

La centralità di questo combustibile nel processo di decarbonizzazione del Continente è sottolineata dall’ultimo elenco dei Progetti di interesse comune per la rete di interconnessione energetica europea. Progetti che possono accedere ai finanziamenti dell’Unione e che comprendono ben 32 opere che riguardano le infrastrutture gas. Di queste ben 6 sono italiane…

Leggi tutto…