Terna: una nuova linea sottomarina tra l’Elba e la Penisola

Un nuovo elettrodotto collegherà l’Elba alla Penisola. Il Ministero della Transizione Ecologica ha dato il via libera al progetto di Terna, finalizzato a favorire lo sviluppo energetico dell’isola.

 

Il progetto

La nuova linea a 132 kV collegherà le cabine primarie di Colmata, nel territorio di Piombino (Livorno), e di Portoferraio, sull’isola d’Elba. Avrà una lunghezza complessiva di circa 37 chilometri:

  • 34 km scorreranno sotto il livello del mare a una profondità massima di circa 70 metri
  • 3 km scorreranno completamente in cavo interrato

Un’infrastruttura strategica che consentirà di raddoppiare le linee di connessione tra il sistema elettrico nazionale e la rete dell’Elba. Il nuovo elettrodotto, infatti, contribuirà a migliorare la qualità dell’infrastruttura locale, con notevoli benefici in termini di:

  • sicurezza
  • affidabilità
  • sostenibilità

L’isola è infatti caratterizzata da elevati consumi elettrici nel periodo estivo.

 

Un’opera sostenibile

Per lo sviluppo del progetto il gestore della rete elettrica nazionale ha eseguito una lunga serie di studi per tutelare l’habitat marino attraversato dall’infrastruttura. Studi condotti in sinergia con il Ministero dell’Ambiente e con ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) per adottare soluzioni che permettano di ridurre al minimo l’impatto dei lavori.

A questo scopo, gli approdi del cavo sulla terraferma saranno realizzati tramite la tecnica della perforazione teleguidata (TOC). Questa tecnologia permette di installare la tubazione:

  • limitando l’interferenza con le piante acquatiche
  • annullando l’impatto delle opere sul litorale.

Una volta conclusi gli interventi, il gestore provvederà ripristino dello stato dei luoghi, in modo da lasciare intatta la configurazione geomorfologica paesaggistica. Sempre a tutela delle piante acquatiche Terna si è inoltre impegnata a eseguire un progetto di trapianto di posidonia oceanica dall’alta valenza ecologica.

 

Oltre 500 milioni di investimenti per la Toscana

Il nuovo elettrodotto rientra nel Piano degli Investimenti, pari a 515 milioni di euro, previsti da Terna in Toscana nei prossimi 5 anni. Inoltre, si pone in linea con il Piano Industriale 2021-2025 che ha messo a disposizione 8,9 miliardi per lo sviluppo e l’ammodernamento della rete nazionale.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività

 


Leggi anche

Pubblicato il bando, messo a punto dal Comune di Trieste, capofila della gara, per l’affidamento per 12 anni del servizio di distribuzione gas nell’Atem Trieste. L’Atem, del valore di circa 230 milioni di euro, oltre alla città comprende i comuni di Muggia, Duino Aurisina, San Dorligo, Sgonico, Monrupino. Il termine ultimo per la presentazione dell’offerta è il 31 marzo del prossimo anno….

Leggi tutto…

Iniziati i lavori per la costruzione dell’impianto, indispensabile per soddisfare i bisogni di un territorio in forte espansione. Il nuovo depuratore avrà una capacità di 8.000 abitanti equivalenti, più del doppio rispetto a quello esistente, che sarà dismesso. Sarà pronto entro la metà del prossimo anno e per la sua costruzione il gestore idrico ha previsto un investimento di 4 milioni di euro….

Leggi tutto…

La realizzazione della Centrale di Cornaredo e della sua dorsale si configura come il completamento dei grandi progetti acquedottistici pensati da Gruppo CAP per la Città metropolitana di Milano sin dagli anni ’90. Il “SISTEMA NORD MILANO” si compone di: una nuova centrale di potabilizzazione dotata di tecnologie all’avanguardia atte a garantire elevati standard qualitativi e riduzione dei consumi energetici e dei costi di installazione/manutenzione, e di una dorsale di adduzione/distribuzione che si snoda per 20 chilometri in un territorio fortemente urbanizzato alle porte di Milano. Il sistema sarà al servizio di 14 Comuni tra Cornaredo e Sesto San Giovanni….

Leggi tutto…

Grazie all’intesa tra le due realtà, nella rete di teleriscaldamento a servizio del capoluogo lombardo verranno immessi 54 GWh termici generati dal sito di Enipower a San Donato Milanese per 20 anni. Una quantità di calore a basso impatto ambientale in grado di soddisfare il fabbisogno medio annuo di oltre 6.000 famiglie. …

Leggi tutto…

Prosegue spedito il piano di conversione al metano delle reti che in precedenza distribuivano GPL nell’isola. A breve saranno raggiunti dal gas naturale anche Ossi, Muros, Cargeghe, Uri, Usini e Villagrande Strisaili. Nei prossimi mesi sarà la volta di altri 23 comuni. Intanto, la società prosegue anche con la posa di nuove reti di distribuzione, native digital: già realizzati 815 km sui 1100 pianificati….

Leggi tutto…