Tim: 2500 comuni raggiunti dalla rete a banda ultralarga


Con il cantiere di Città Sant’Angelo, in provincia di Pescara, arrivano a 2500 i comuni italiani serviti dalla rete a banda ultralarga di Tim.
Nella cittadina abruzzese, il programma della società ha consentito di collegare la quasi totalità del territorio, per una copertura pari a 4.500 unità immobiliari, con una connessione Fttc (Fiber to the cabinet) che mette a disposizione una velocità fino a 200 megabit al secondo in download.
Il cantiere, realizzato con un investimento di 500.000 euro, ha visto la posa di oltre 35 chilometri di cavi in fibra ottica, che collegano 29 armadi stradali alle centrali di Città Sant’Angelo e di Marina di Città Sant’Angelo.
Città Sant’Angelo è quindi il 2.500° comune italiano scelto da Tim per il lancio dei servizi a banda ultralarga, caratterizzati da una velocità massima che varia da 100 fino a 1.000 megabit al secondo in download, a seconda dell’architettura di rete scelta, per una copertura dell’80% del territorio nazionale con oltre 19 milioni di abitazioni raggiunte. Le connessioni superveloci in tecnologia Ftth, caratterizzate da una velocità fino a 1 Gigabit, sono invece disponibili in 116 comuni – tra le quali 30 grandi città – per una copertura complessiva di oltre 2,9 milioni di abitazioni.
Entro il 2020 la società continuerà lo sviluppo delle reti a banda ultralarga rendendo disponibili connessioni ultrabroadband Ftth in ulteriori località fino a raggiungere 100 grandi città. Saranno inoltre lanciati i primi servizi 5G, dopo i successi delle sperimentazioni tecnologiche e dell’installazione delle prime antenne di nuova generazione già accese a Torino, San Marino, Bari e Matera (in queste ultime due città insieme a Fastweb e Huawei).


Leggi anche

È quanto previsto dal progetto fresco di approvazione a Bruxelles. L’investimento servirà a realizzare l’infrastruttura a banda larga nelle aree bianche dell’isola, coinvolgendo in totale 142 comuni per una popolazione complessiva di 2,3 milioni di abitanti. Sarà garantita una connessione superiore ai 30 Mbit/s e di 100 Mbit/s alle imprese …

Leggi tutto…

L’elettrodotto consentirà di migliorare l’affidabilità della rete di trasmissione sia nella penisola sorrentina sia nell’isola. Il progetto prevede la posa di 19 km di cavi, dei quali 16 sottomarini, e la costruzione di una nuova stazione elettrica. Nei punti di approdo su entrambe le sponde, il cavo sarà installato con la tecnica del drilling, per non danneggiare la prateria di posidonia del fondale…

Leggi tutto…

Si tratta del nuovo collegamento elettrico tra Toscana, Sardegna e Corsica, che il gestore della rete elettrica nazionale realizzerà con un investimento di oltre 520 milioni di euro. Un’opera di interesse comunitario resa necessaria per rafforzare l’attuale collegamento, il Sa.Co. I 2, realizzato negli anni Sessanta e ormai obsoleto…

Leggi tutto…

Concluso il Progetto Carini, il piano di interventi che ha interessato una vasta area della provincia di Palermo, realizzato con un investimento di 3,5 milioni di euro. Ammodernati oltre 40 km di rete elettrica e 90 cabine secondarie, per un telecontrollo più evoluto dell’infrastruttura, e realizzato un nuovo Centro satellite, un impianto in media tensione, che migliora la distribuzione elettrica…

Leggi tutto…

Già attiva in tutto il territorio nazionale, la rete di trasporto è costituita da 6300 km di fibra ottica ed è in grado di raggiungere una velocità di 400 Gigabit per secondo. Realizzata con apparati di ultima generazione, permetterà di offrire agli operatori nuovi servizi e di rispondere ai crescenti volumi di traffico generati dalle applicazioni più avanzate che la rete a banda ultralarga abilita …

Leggi tutto…