“Tim” e “Utilitalia” siglano un’intesa per lo sviluppo della banda ultralarga


Accelerare al massimo i tempi per la realizzazione della rete in fibra ottica. Punta a questo obiettivo il Memorandum of understanding siglato tra “Telecom” e “Utilitalia”, la federazione che raggruppa le aziende operanti nei servizi pubblici dell’energia elettrica, del gas, dell’acqua e dell’ambiente.
L’accordo – quadro, non esclusivo, il primo realizzato in attuazione del Dlgs.33/2016, definisce una procedura unica immediatamente operativa e applicabile a livello nazionale, per regolare le operatività per l’accesso e il co-utilizzo delle infrastrutture delle aziende aderenti alla federazione. Lo scopo è quello di facilitare l’utilizzo di infrastrutture preesistenti degli oltre 500 gestori aderenti alla federazione da parte di Telecom per la posa della fibra ottica. Avrà quindi un ruolo determinante per l’avanzamento delle operazioni di cablaggio delle città italiane. Grazie alla conclusione di accordi simili, infatti, si ridurranno drasticamente gli scavi per la posa della fibra, i disagi per la cittadinanza e quelli relativi alla circolazione stradale legati a tale attività.
Sempre nell’ottica di minimizzare gli impatti socio-ambientali l’accordo prevede anche la collaborazione tra “Tim” e le aziende associate ad “Utilitalia” per la progettazione condivisa nei casi di posa di nuove infrastrutture.
L’iniziativa darà quindi un ulteriore impulso allo sviluppo della rete in fibra ottica di “Tim” su tutto il territorio nazionale, che ha già raggiunto il 71% di copertura con oltre 17 milioni di abitazioni raggiunte in circa 2.100 comuni. Questi dati sono stati raggiunti grazie agli importanti investimenti previsti nel triennio 2017-2019, pari a circa 11 miliardi di euro, dei quali 5 dedicati esclusivamente allo sviluppo della banda ultralarga fissa e mobile.


Leggi anche

Il progetto presentato dalla Regione riguarda le aree bianche ed interessa 192 comuni. A realizzare l’infrastruttura sarà “Open Fiber”, aggiudicatrice del bando, con l’obiettivo di concludere i lavori entro la fine del prossimo anno. Intanto è stato completato il cablaggio con la fibra ottica di 19 comuni. L’investimento è interamente coperto da fondi “Feasr” e “Fsc”. …

Leggi tutto…

Garantire connettività ad almeno 30 Mbps e nella maggior parte dei casi a oltre 100 Mbps a tutto il territorio entro il 2020. È il “Piano banda ultra larga dell’Emilia-Romagna” messo a punto dalla Regione, a sostegno delle aree a fallimento di mercato, con un investimento di 255 milioni di euro. Già partiti i primi 10 cantieri nel reggiano mentre in autunno prenderanno il via tutti gli altri….

Leggi tutto…

La società realizzerà il terzo lotto delle opere per l’infrastrutturazione dell’intero territorio regionale. Coinvolti nel piano 65 comuni, 3 aree industriali e 3 aree produttive che disporranno di una rete che garantirà una velocità di connessione di almeno di 30 Mbps. A settembre fissato il vertice tra Regione e “Mise” per l’avvio dei lavori da concludere entro dicembre del prossimo anno. …

Leggi tutto…

Cambio al vertice della multiutility capitolina. Il Comune, socio di maggioranza, ha designato il manager milanese alla guida dell’azienda, con Luca Lanzalone come Presidente. Prendono il posto, rispettivamente, di Alberto Irace e Catia Tomaselli, il cui mandato è scaduto a fine aprile. …

Leggi tutto…

Questo progetto verrà presentato da Davide Damosso di Environment Park durante il Convegno del 17-18 Maggio …

Leggi tutto…