Toscana Energia estende la rete gas di Barga

Si estende la rete di distribuzione gas del comune di Barga. La nuova opera di metanizzazione è frutto della collaborazione tra:

  1. l’amministrazione del comune in provincia di Lucca
  2. Toscana Energia che ha portato allo sviluppo di un progetto per dotare dell’infrastruttura le aree che ancora ne sono prive

Nel caso specifico interessata dall’opera è la zona di San Pietro in Campo, nell’area nord della cittadina, dove verranno posati 1350 metri di nuove condotte. Un intervento importante, che permetterà di usufruire del metano a circa 40 utenze che, oltre ad abitazioni, comprendono anche diverse attività produttive, garantendo loro un maggior risparmio e competitività.
 

Lavori al via

Il progetto prevede inoltre l’installazione di misuratori digitali di ultima generazione, in grado di consentire, tra l’altro, anche la lettura a distanza e un controllo puntuale sui consumi reali.

Nelle scorse settimane, i tecnici di Toscana Energia hanno effettuato i sopralluoghi sul territorio, per programmare in modo ottimale i cantieri. Cantieri che prenderanno il via in questo mese di febbraio, con previsione di concludere l’opera in 80 giorni lavorativi.
 

Future estensioni

La realizzazione della rete di distribuzione a San Pietro in Campo è un progetto che viene da lontano. Il piano di sviluppo dell’infrastruttura era stato redatto dall’amministrazione comunale di Barga nel 2016. L’obiettivo era di portare il metano in tutte le aree della cittadina ancora sprovviste.

Priorità è stata data alla località di San Pietro, proprio per la presenza nell’area di alcune attività produttive. Servito dalla rete è il centro storico, mentre altre aree residenziali ancora prive e individuate per future estensioni sono quelle di:

  • Seggio di Sopra
  • Seggio di Sotto
  • Pagnini
  • Bardani e Menchi
  • Filecchio
  • Loppia
  • Ponte di Catagnana
  • Catagnana

…per un totale di oltre 300 potenziali nuove utenze.

 


Leggi anche

Realizzato da Snam4Environment, l’impianto è il primo di questo tipo in Sicilia e a pieno regime consentirà di recuperare circa 36.000 tonnellate/anno di FORSU, producendo 3,6 milioni di metri cubi di biometano e 10.000 tonnellate di digestato da usare come concime. Permetterà così di migliorare la gestione dei rifiuti nella provincia e di evitare l’immissione in atmosfera di 7.000 tonnellate di CO₂…

Leggi tutto…

Gli investimenti tecnici realizzati dal gestore della distribuzione gas di 101 comuni toscani hanno sfiorato i 70 milioni di euro lo scorso anno, in aumento di ben il 16% rispetto al 2020. Risorse impegnate, in particolare, per metanizzare nuove porzioni di territorio e accelerare il processo di digitalizzazione delle infrastrutture, aspetto strategico per aprire la rete alla distribuzione dei gas rinnovabili…

Leggi tutto…

Realizzato da Tersan Puglia, specializzata nel trattamento dei rifiuti organici da raccolta differenziata, l’impianto può produrre 1,9 milioni di metri cubi all’anno di biometano da immettere nella rete gas nazionale. Primo nella regione, è stato costruito con un investimento di 18 milioni di euro e permetterà di evitare l’emissione in atmosfera di 3700 tonnellate annue di CO2 …

Leggi tutto…

In occasione del decennale della manifestazione dedicata alle migliori aziende dei servizi pubblici nei settori di energia, rifiuti e acqua, il gestore del servizio idrico della Città metropolitana di Milano ha ottenuto il premio Ten Years, dedicato all’utility “che nelle diverse edizioni ha primeggiato sia in specifiche aree, come l’innovazione e la sostenibilità, che nel complesso delle attività”…

Leggi tutto…

È al vaglio della Conferenza dei servizi il progetto per la realizzazione del nuovo digestore anaerobico della multiutility nella frazione Fossoli di Carpi. L’impianto produrrà gas rinnovabile da immettere nella rete dalla frazione organica dei rifiuti e sarà abbinato a un sistema per il recupero della CO2, evitandone l’immissione in atmosfera e rendendola disponibile per altri usi…

Leggi tutto…