TRM e Iren aumentano le capacità dell’inceneritore

Grazie al decreto sblocca Italia l’inceneritore funzionerà a pieno regime

L’inceneritore di Torino brucerà il 15% di rifiuti in più rispetto ad ora. Entro un paio di mesi potrà smaltire quasi mezzo milione di tonnellate d’immondizia l’anno, praticamente tutta quella che viene prodotta a Torino e Provincia. Nelle scorse settimane Trm, la società controllata all’80% dal gruppo Iren e al 20% dal Comune di Torino, che gestisce l’impianto del Gerbido, ha chiesto di poterne aumentare la capacità, come consente il decreto Sblocca Italia approvato l’anno scorso dal Parlamento. Il testo, infatti, obbliga le regioni ad autorizzare la massima capacità possibile. L’inceneritore – che ha cominciato il rodaggio nell’aprile del 2013 e dallo scorso anno funziona a pieno regime – ha una capacità massima di 500 mila tonnellate all’anno, ma attualmente è autorizzato per trattarne 421 mila. Ora salirà a 480-490 mila.

Da altre regioni

Torino potrebbe smaltire l’immondizia di altre regioni, come accaduto l’anno scorso con le 22 mila tonnellate arrivate dalla Liguria? In teoria sì, lo Sblocca Italia lo consente. Ma, per ora, non è previsto.  L’aumento di immondizia bruciata dovrebbe invece servire ad accelerare la chiusura delle discariche. La provincia di Torino produce circa 520 mila tonnellate di rifiuti l’anno; se l’inceneritore ne brucerà 490 mila, con un incremento della differenziata le discariche sarebbero superflue. Bruciando più immondizia Trm aumenterà probabilmente i ricavi.

Didascalia immagine: aperto nel 2013 l’inceneritore è attivo dall’aprile di due anni fa


Leggi anche

Una particolare attenzione all’impatto ambientale e sulla viabilità di una strada a grande scorrimento quale Corso Svizzera a Savona è stata rivolta dal Consorzio per la Depurazione delle Acque di Scarico del Savonese Spa, nella scelta di riabilitare con tecnologia No-Dig le due condotte interrate che trasferiscono le acque reflue provenienti dal levante della Provincia di Savona al depuratore consortile sito a Savona….

Leggi tutto…

Conclusa con successo la nuova emissione obbligazionaria che andrà a sostenere il piano di investimenti da 350 milioni di euro nei prossimi quattro anni di sei società consorziate. Le risorse, in particolare, andranno a interventi di miglioramento di reti fognarie e impianti di depurazione. Ad aderire all’operazione Banca Europea per gli Investimenti, Cassa Depositi e Prestiti e Kommunalkredit Austria…

Leggi tutto…

La costruzione e l’entrata in funzione dell’impianto hanno permesso ai comuni di Gavardo, Villanuova sul Clisi e Vallio Terme, in provincia di Brescia, di uscire dall’infrazione comunitaria. Insieme al depuratore, che ha consentito la dismissione di due impianti ormai obsoleti e sottodimensionati, il gestore ha realizzato anche nuovi collettori fognari per il trasporto dei reflui a trattamento dell’estensione dotale di 4 km. L’investimento per le opere è stato di 17,2 milioni …

Leggi tutto…

Sicuri, ad alte prestazioni e a basso impatto ambientale, sono i nuovi tubi in PVC-U presentati dall’azienda Martoni in occasione del Servizi a Rete TOUR. I tubi “Martoni Green Fox SN16” rispondono a tutti i requisiti previsti dal campo di applicazione delle fognature interrate pubbliche e private non in pressione di tipo civile, industriale e agricolo. Le positive esperienze di Enti Gestori confermano l’impegno verso un’economia circolare garantendo alte prestazioni delle condotte….

Leggi tutto…

Il Gruppo Hera si è dotato, avvalendosi della collaborazione di Radarmeteo, di un servizio meteorologico professionale specifico per il monitoraggio del sistema fognario di Rimini e fronteggiare così le criticità emerse nel contesto particolare di salvaguardia e tutela ambientale della riviera. Ne abbiamo parlato al Servizi a Rete TOUR 2021, leggi ora l’approfondimento….

Leggi tutto…