Tutto pronto a Rimini per l’ultimo stralcio della Dorsale Sud


Tutto pronto per la realizzazione dell’ultimo stralcio della Dorsale Sud di Rimini, il collettore parte della serie di opere pensate per intercettare, convogliare e recapitare al depuratore di Santa Giustina i reflui del bacino sud della città romagnola. Opere che fanno parte del Piano di salvaguardia della balneazione (Psb) messo a punto dal Comune con Hera e Romagna Acque, delle quali il collettore costituisce il terzo e ultimo stralcio.
Il progetto sviluppato da Hera e finanziato da Romagna Acque con un investimento di 7 milioni di euro, prevede la posa di 2 condotte di 800 e 1200 mm di diametro per un tratto complessivo di circa 4 km. Le due infrastrutture avranno una capacità di portata pari a 750 e 1.500 litri al secondo e saranno realizzate all’interno del tessuto urbano.
La prima condotta da 700 metri sarà realizzata lungo i parchi Cervi e Bondi fino a collegarsi a quella esistente in corrispondenza di Largo Unità d’Italia. La seconda, di circa 3000 metri, si snoderà lungo un percorso urbano che parte da Largo Unità d’Italia e termina al depuratore Marecchiese. L’avvio dei lavori è stato fissato per l’inizio di ottobre, subito al termine della stagione estiva, per concludersi entro 18 mesi.
Compresi nel progetto anche gli interventi di revamping di due sollevamenti fognari a servizio della infrastruttura idraulica per i quali verrà fatta una gara ad hoc.
Grazie alle opere già realizzate, inoltre, prosegue il programma di riconversione dei 12 sfioratori presenti sulla costa riminese. Alle fosse Spina-Sacramora, Turchetta e Pedrera Grande, ora si aggiunge anche lo sfioratore Matrice cui fanno riferimento le acque di balneazione a nord e a sud della foce del Marecchia, che diventa sfioratore per sole acque meteoriche e di drenaggio, riversando in mare quindi sole acque bianche. Lo stesso accadrà a breve anche alla fossa Sortie: diventano così cinque gli sfioratori di sole acque bianche che non daranno più luogo ai divieti di balneazione.


Leggi anche

Obiettivo dei lavori è la messa in sicurezza del collettore fognario e delle relative derivazioni di utenza e di rete. Prevedono la sostituzione di 500 metri di condotte esistenti con nuove tubazioni in cemento armato vibrocompresso ad alta resistenza. L’intervento, che secondo cronoprogramma dovrebbe concludersi nel maggio del 2020, permetterà di bonificare un’area dal quadro idrogeologico molto compromesso…

Leggi tutto…

Rete Ronsas è la rete di impresa costituita dal gestore idrico pugliese con Green Ecol e Agrosistemi per sperimentare nuove tecniche per trasformare i fanghi di depurazione dei reflui urbani in fertilizzante correttivo dei suoli agrari. Finanziata da Regione Puglia con un milione di euro, la sperimentazione sarà effettuata negli impianti di depurazione di Foggia e Barletta …

Leggi tutto…

Il grande piano di interventi prevede la realizzazione dell’acquedotto, con la posa di 45 chilometri di condotte, delle reti fognarie, dell’estensione di 38 chilometri, e di due depuratori a servizio del comune bresciano e delle sue frazioni. I lavori, suddivisi in sei lotti, prenderanno il via a fine novembre e proseguiranno per 5 anni…

Leggi tutto…

Anche quest’anno Gruppo CAP sarà presente a Ecomondo, per presentare i progetti e le sperimentazioni più recenti e per rendere trasparenti e tangibili i risultati che si possono raggiungere in termini di innovazione per la tutela dell’ambiente. Alla fiera leader della circular e green economy, lo stand di Gruppo CAP è nel padiglione D1 – Global Water Expo – corsia 2, stand 34

Leggi tutto…

Inserito nel sistema del trattamento dei reflui a servizio della città di Brescia e di alcuni paesi della sua provincia, l’impianto, costruito con un investimento di 700.000 euro, è alimentato con biogas generato dal processo di depurazione. Produce energia elettrica e termica da utilizzare nello stesso processo, garantendo un risparmio sui consumi ed evitando l’emissione di 850 t di CO2 annue …

Leggi tutto…