Un 2016 in forte crescita per Iren


Il 2016 è stato un ottimo anno per Iren. A dirlo i dati del bilancio approvato dal Consiglio d’Amministrazione della multiutility, che vedono tutti gli indicatori in crescita a doppia cifra percentuale, con un utile netto in incremento di oltre il 47% e un dividendo in aumento del 14% rispetto al 2015.
Più nello specifico, il Gruppo nel 2016 ha conseguito ricavi pari a 3,3 miliardi di euro (+6,1%) e un margine operativo lordo di 814,2 milioni di euro, in crescita del 20,1% rispetto all’anno precedente, grazie al contributo sia dei business regolati sia di quelli non regolati. Un risultato al quale hanno contribuito tutte le Business Unit, ma particolarmente importante è stata anche la crescita per linee esterne, che sul margine operativo lordo dell’anno vale circa 53 milioni di euro e si riflette principalmente sulla Business Unit ambiente, grazie al consolidamento integrale di Trm, che gestisce il termovalorizzatore di Torino. Il contributo dell’attività di consolidamento incorpora anche quello di Atena, la multiutility di Vercelli attiva sia sulla filiera energetica che sui business regolati.
Nei territori di riferimento, il Gruppo ha continuato a investire per confermare il proprio ruolo di motore dello sviluppo e polo aggregatore, destinando alle operazioni di acquisizione (Trm, Atena Vercelli, Gaia, Rei, Recos) circa 120 milioni di euro, oltre ai 270 milioni di investimenti destinati alla crescita delle filiere operative.
Completa il quadro la riduzione del rapporto debito netto/Ebitda a 3.0x, un risultato raggiunto in anticipo di 2 anni rispetto ai target di business plan, che garantisce una maggiore flessibilità finanziaria per cogliere eventuali future opzioni di crescita.
A beneficiare di tale quadro saranno anche i Comuni soci, per i quali il CdA ha deliberato una proposta di dividendo pari a 0,0625 euro per azione che porterà un bel po’ di soldi nelle loro casse. Per FSU, la holding che riunisce pariteticamente i comuni di Torino e Genova, significa un introito di 26,5 milioni di euro, ma interessanti sono anche le quote destinate ai comuni emiliani di Reggio Emilia (6,2 milioni di euro), Parma (3,7 milioni di euro) e Piacenza (1,2 milioni di euro).


Leggi anche

La società veneta, specializzata nella produzione di energia da biomasse, ha acquistato da Engie il sistema di teleriscaldamento a servizio di Sellero, Novelle e Cedegolo, in provincia di Brescia. Il sistema è costituito da una centrale di cogenerazione alimentata con legno vergine da filiera corta e da una rete che si estende per 21 chilometri…

Leggi tutto…

L’impianto, che sorge in località Pantano e serve buona parte della città dei Sassi, è oggetto di una serie di interventi per incrementarne la capacità di trattamento a 34.000 abitanti equivalenti, dagli attuali 28.000, e migliorarne l’efficienza nel processo dei reflui. L’ammodernamento del depuratore sarà concluso entro luglio con un investimento complessivo di 4,8 milioni di euro …

Leggi tutto…

La sperimentazione ha preso il via a Contursi Terme, in provincia di Salerno, con la fornitura a due realtà locali di una miscela di idrogeno al 5% e gas attraverso la rete di trasporto. Un passaggio cruciale verso gli obiettivi europei al 2050, in quanto l’idrogeno è una tecnologia chiave per la decarbonizzazione e lo stoccaggio delle fonti rinnovabili…

Leggi tutto…

Sorical ha messo in moto i lavori per realizzare una seconda linea filtrante destinata all’impianto Medma che verrà messa a disposizione dei comuni di Nicotera, Joppolo, Ricadi e della contrada Vulcano di Tropea. Il peggioramento della qualità delle acque ne è il motivo scatenante, l’obiettivo è abbattere ferro e manganese radicati nelle falde….

Leggi tutto…

La società ha acquisito la partecipazione residua del precedente gestore Giemme Gestione Multiservice, e ora è il gestore unico del servizio nel comune lombardo. La rete di teleriscaldamento di Cinisello serve 18.000 abitanti, fornendo circa 50 GWh termici all’anno, garantendo una riduzione di oltre il 25% di emissioni di CO2 e NOx rispetto alle tradizionali caldaie…

Leggi tutto…