Un masterplan per connettere gli acquedotti del Friuli-Venezia Giulia

Gli obiettivi dei sette gestori idrici del Friuli Venezia Giulia

Dare vita a una serie di interconnessioni tra gli acquedotti, in modo che se uno di questi dovesse avere un problema, immediatamente un’altra rete interverrebbe in soccorso, garantendo la continuità del servizio e riducendo i disagi ai cittadini. È l’obiettivo che si sono posti i sette gestori idrici del Friuli-Venezia Giulia. Una meta fondamentale per affrontare le nuove sfide poste dai mutamenti climatici, che rendono sempre a rischio le fonti di prelievo idrico e le distribuzioni. Le sette aziende sono: 

  1. AcegasApsAmga
  2. Acquedotto del Carso
  3. Acquedotto Poiana
  4. CAFC
  5. HydroGEA
  6. Irisacqua
  7. LTA

Per raggiungere l’obiettivo si sono costituite in un raggruppamento temporaneo di imprese che, come primo passo in tale direzione provvederà a: 

  • mappare i fabbisogni di interconnessione
  • stilare l’elenco delle opere necessarie 
  • collegare fra loro le reti in un masterplan di acquedotti
Il masterplan

A realizzare il masterplan sarà una società di progettazione che verrà individuata attraverso una gara. Sarà espletata nei primi mesi del prossimo anno per arrivare, entro la fine dello stesso anno, alla stesura vera e propria del documento.

Il masterplan conterrà, innanzitutto, uno studio sull’evoluzione demografica e di sviluppo di ogni territorio interessato nel breve (2030), medio (2040) e lungo (2050) periodo. A questo si aggiunge una ricognizione dei sistemi acquedottistici esistenti, compresa l’analisi quantitativa e qualitativa delle risorse idriche disponibili.

Successivamente, si procederà alla redazione del vero piano di resilienza, nel quale saranno specificate le opere di interconnessione necessarie a fronteggiare emergenze idriche, causate per esempio:

  • da lunghi periodi di siccità
  • eventi alluvionali o
  • dissesti idrogeologici

Ogni intervento avrà un livello di priorità, oltre che una stima di costo e sostenibilità finanziaria.

Uno strumento importante

Una volta completato, il masterplan diventerà dunque uno strumento di grande importanza nelle mani di Regione Friuli-Venezia Giulia e dell’AUSIR (l’Autorità d’Ambito) per la programmazione e la pianificazione degli investimenti dei singoli gestori. Il nuovo progetto rappresenta la naturale prosecuzione del lavoro congiunto, tra i primi nel nostro Paese, che gli stessi sette gestori hanno condotto negli ultimi due anni con la redazione congiunta. La redazione è avvenuta sotto il coordinamento di Regione e ARPA, dei Water Safety Plan (WSP), i piani per la sicurezza idropotabile delle acque.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività

 


Leggi anche

Per ogni gestore è oggi necessario adeguarsi ai concetti di sostenibilità ed economia circolare nell’utilizzo di risorse come acqua, gas ed energia. Non solo per un dovere morale e civico, ma anche per allinearsi alle delibere imposte da ARERA. Come sappiamo, il costo dell’energia per un gestore del SII è ingente e pesa in buona percentuale sul bilancio finale. Quali sistemi e tecnologie è possibile adottare al fine di efficientare a livello energetico le proprie infrastrutture ed evitare il più possibile sprechi?…

Leggi tutto…

Un nuovo tratto di collettore fognario a servizio della frazione di Grassina, la sostituzione delle condotte idriche e fognarie in località Bigallo. È il piano per rinnovare le reti di Bagno a Ripoli sviluppato e avviato dal gestore idrico. Opere che per la parte fognaria consentiranno al comune fiorentino di uscire dalla procedura di infrazione comunitaria….

Leggi tutto…

Acque Veronesi ha concluso la realizzazione del nuovo campo pozzi e del nuovo acquedotto anti PFAS che approvvigioneranno con acqua pura diversi comuni delle province di Verona, Padova e Vicenza. L’opera, del costo di 24,2 milioni di euro, rientra nel piano di interventi messo a punto dalla struttura commissariale per l’emergenza PFAS e permetterà di dismettere le vecchie fonti contaminate….

Leggi tutto…

Il piano industriale al 2045 destina 227 milioni al triennio 2021-2023. Priorità nel programma delle opere è stata data al potenziamento degli impianti di depurazione e delle reti fognarie per superare le infrazioni comunitarie. La società ha anche individuato 74 progetti da inserire nel PNRR, per un valore di 141 milioni di euro. Anche in questo caso il focus è sulla depurazione e sulla riduzione delle perdite idriche….

Leggi tutto…

Il rinnovo e l’ammodernamento del potabilizzatore Jato, realizzato negli anni Settanta, si è reso necessario a causa del decadimento della qualità dell’acqua prelevata dall’invaso Poma. L’impianto tratta l’acqua che soddisfa la domanda idrica della parte Nord di Palermo e di sei comuni limitrofi. Per il suo rinnovamento il gestore ha previsto un investimento di 21 milioni di euro, mentre è di un milione la spesa per la progettazione….

Leggi tutto…