Un naso elettronico per l’ispezione delle reti gas


All’apparenza è un’auto comune, in realtà è molto di più: un mezzo dotato di “naso elettronico” per rilevare la presenza di fughe di gas. È l’innovativa tecnologia che AcegasApsAmga sta utilizzando nella ricerca perdite nel campo della distribuzione del gas. Il mezzo è costituito da una Fiat Doblò, di colore bianco, con la scritta “Ispezioni reti gas” sulla fiancata, dotata di otto piccoli tubi, collocati nella parte anteriore per aspirare una quantità di aria a livello del terreno, e di un sistema che permette di effettuarne l’analisi in tempo reale, in modo da individuare l’eventuale presenza di gas. Il mezzo può operare anche in presenza di vento, grazie a un particolare tappetto che, scendendo da sotto il veicolo, crea una campana d’aria che impedisce agli agenti esterni di influenzare l’analisi.
All’interno del mezzo è poi installato un computer dotato di Gps, sul quale è riportata anche la mappa delle reti, con colori diversi a seconda della pressione, che quando il sistema completa l’ispezione di una strada, provvede in automatico ad aggiornarne lo stato, colorandola di un altro colore, il tutto mentre l’operatore controlla l’operazione da un piccolo monitor. Tutto il processo dura solo qualche minuto. Sempre in automatico, il sistema avverte anche quando è necessario procedere con l’ispezione manuale. Con questo mezzo attrezzato l’azienda, che fa parte del gruppo Hera, lo scorso anno ha ispezionato 765 chilometri di rete ad alta e media pressione e 1.850 a bassa pressione di 70 Comuni in provincia di Udine, compreso il capoluogo, rilevando 34 dispersioni.
Le perdite vengono poi classificate in modo da provvedere alla loro eliminazione secondo il livello di priorità.


Leggi anche

Questo progetto verrà presentato da Stefano Tani, Responsabile servizio idrico e Servizi Divisione del SII MM durante il Convegno del 17-18 Maggio…

Leggi tutto…

L’azienda si avvarrà del satellite giapponese Alos 2 per monitorare lo stato delle sue infrastrutture. Questo orbita a 650 chilometri di distanza dalla Terra, ma attraverso un segnale radio elettromagnetico può vedere fino a 12 metri di profondità sotto il livello del suolo, rilevando l’eventuale presenza di perdite d’acqua. Le rilevazioni saranno integrate con il sistema di geolocalizzazione del gestore per consentire un immediato e puntuale intervento…

Leggi tutto…

Presso il Polo tecnologico di telecontrollo a Forlì, la multiutility ha presentato un sistema innovativo in grado di fornire in tempo reale previsioni sullo stato futuro di funzionamento della rete, consentendo di prevenire con cura e precisione eventuali criticità e ottimizzarne il funzionamento. Si tratta di Smart Water Modelling, un’applicazione in grado di limitare al massimo disagi e sprechi…

Leggi tutto…

CMC Labs, CETMA e Politecnico di Bari si sono aggiudicati l’appalto pre-commerciale della Regione Puglia, con il progetto Wisewater, un sistema wireless per il rilevamento delle perdite idriche ed il monitoraggio delle condotte, in risposta a un grave problema che interessa i servizi idrici: la notevole differenza tra la quantità di acqua immessa nel sistema di distribuzione e la quantità di acqua effettivamente fatturata ai consumatori…

Leggi tutto…

La società del Gruppo Hera gestirà, con la Provincia di Teramo, i progetti di riqualificazione dell’illuminazione pubblica nei comuni di Bellante, Civitella del Tronto, Colonnella, Controguerra, Giulianova, Martinsicuro e Tortoreto. Si tratta, complessivamente, di oltre 19.400 punti luce, con un risparmio energetico medio di oltre il 65% rispetto allo stato di partenza degli impianti. Tra le opere previste anche servizi smart, come videosorveglianza, access point, colonnine di ricarica per veicoli elettrici e totem multimediali…

Leggi tutto…