Un nuovo gasdotto per potenziare la fornitura a Rivarolo del Re

Potenziare la fornitura di gas al comune di Rivarolo del Re ed Uniti, in provincia di Cremona. Ci sta lavorando Snam che già lo scorso maggio aveva presentato una istanza per ottenere l’approvazione del progetto, nei territori comunali di Casalmaggiore e Rivarolo del Re. La società ha presentato anche un’istanza per l’apposizione del vincolo preordinato all’esproprio dei terreni interessati dall’opera, circa 50 i proprietari interessati, e la dichiarazione della sua pubblica utilità.

 

Rinnovare la rete di trasporto

La costruzione del nuovo gasdotto è necessaria per:

  1. potenziare la fornitura di gas agli utenti di Rivarolo del Re
  2. realizzare un nuovo allacciamento al comune di Sabbioneta, in provincia di Mantova.

In questo modo verranno ammodernati gli impianti e le condotte rese conformi ai nuovi standard normativi. Il metanodotto esistente verrà messo fuori servizio e quindi rimosso. Questo perchè ormai ha raggiunto il limite dei criteri di affidabilità e flessibilità richiesti nella gestione di una rete di trasporto gas.

 

Il progetto

Il progetto messo a punto da Snam prevede un costo complessivo di 5,2 milioni di euro e rientra tra quelli presentati dalla società nel Piano decennale di sviluppo della rete di trasporto del gas naturale 2020-2029.

La nuova infrastruttura si svilupperà tra il comune di Casalmaggiore e quello di Rivarolo del Re ed Uniti e avrà una lunghezza di circa 3,4 chilometri e fa parte di un progetto che prevede una lunghezza complessiva di 5,3 chilometri. Il nuovo allacciamento a Sabbioneta avrà invece una lunghezza di circa 41,60 metri nel comune di Rivarolo del Re. Il progetto prevede un punto di intercettazione con derivazione importante in località C. Bagnoli, nel territorio di Casalmaggiore, e un punto di intercettazione con discaggio di allacciamento a Rivarolo del Re in località cimitero.

 


Leggi anche

Perfezionata la seconda operazione che conclude l’aggregazione tra Acea e ASM Terni, con il Gruppo capitolino che sale al 45% del capitale sociale dell’azienda umbra. Obiettivo dell’operazione è dare vita a una multiutility integrata attiva in Umbria nella distribuzione e vendita di elettricità e gas, nella gestione dei rifiuti e nel ciclo idrico….

Leggi tutto…

Siglato il novo contratto di servizio che assegna alla società, vincitrice della gara, la gestione per i prossimi 12 anni della distribuzione nell’Atem Torino 1, che comprende il capoluogo piemontese e cinque comuni della sua area metropolitana. Contratto che include anche un piano di investimenti da 330 milioni, per potenziare e ammodernare l’infrastruttura, per portare il servizio ad aree ancora non raggiunte e accelerare la transizione energetica….

Leggi tutto…

Cambio al vertice della società, secondo operatore di trasporto gas in Italia. Raiola, che assume anche la carica di direttore generale, guiderà la realizzazione del piano decennale di sviluppo delle reti, che prevede investimenti per oltre 400 milioni di euro. Tra i progetti più importanti, la conversione hydrogen-ready dei gasdotti e l’hydrogen valley a Frosinone….

Leggi tutto…

Ha attraccato nel porto di Piombino l’unità di stoccaggio e rigassificazione del gas naturale liquefatto acquistata da Snam per contribuire a rendere il Paese autosufficiente dalle forniture russe. La sua entrata in esercizio è prevista per la metà del prossimo mese di maggio. Intanto la società ha reso noto che oltre l’86% della capacità del terminale, per gli anni termici dal 2023/24 al 2043/44 è stata già assegnata….

Leggi tutto…

La prima immissione proviene dall’impianto Quadruvium a Codroipo, il primo impianto immesso in una rete di distribuzione del gas in Friuli-Venezia Giulia. Di proprietà di Enibioch4in, società del gruppo Eni, l’impianto dallo scorso anno è stato riconvertito alla produzione del gas green da effluenti zootecnici, matrici agricole e biomasse residuali del territorio….

Leggi tutto…