Un nuovo green bond da 650 milioni per A2A

Si è conclusa con successo l’operazione finanziaria all’insegna della sostenibilità di A2A. Operazione con la quale la multiutility ha collocato un nuovo Green Bond da 650 milioni di euro con durata 8 anni. Ciò andrà a sostenere progetti green allineati alla Tassonomia europea. Il titolo è stato collocato a un prezzo di emissione pari a 99,677% e avrà un rendimento annuo pari allo 4,549% e una cedola del 4,500%.

L’emissione del bond ha fatto registrare un enorme interesse da parte degli operatori finanziari. Sono stati infatti ricevuti ordini per più di 1,7 miliardi di euro, quasi 2,6 volte l’ammontare offerto. Il titolo, destinato agli investitori istituzionali ed emesso a valere sul Programma Euro Medium Term Notes, si basa sul Sustainable Finance Framework del Gruppo A2A. Si tratta dell’insieme di linee guida che rafforzano il legame fra strategia finanziaria e strategia sostenibile.

 

Risorse per i progetti di economia circolare

I proventi netti derivanti dall’operazione saranno utilizzati dalla multiutility per finanziare gli Eligible Green Projects. Si tratta dei progetti strategici di economia circolare e transizione energetica messi a punto da A2A. Comprendono lo sviluppo di:

  • rinnovabili
  • teleriscaldamento
  • resilienza delle reti elettriche

Tutti progetti definiti all’interno del Sustainable Finance Framework della società. Il Gruppo ha verificato l’allineamento fra questi progetti green e la Tassonomia Europea, ovvero il regolamento dell’Unione europea che elenca le attività economiche che possono essere considerate sostenibili. In particolare, i progetti corrispondono ai criteri relativi agli obiettivi:

  1. mitigazione dei cambiamenti climatici
  2. adattamento dei cambiamenti climatici”.

 

Progetti da realizzar nel biennio 2023-2024

Inoltre, A2A si è impegnata a indicare, nell’ambito del reporting di allocazione delle risorse del Green Bond, anche l’ammontare effettivo degli investimenti allineati alla Tassonomia europea che verranno finanziati.

 

Luca Moroni, CFO di A2A ha commentato

«L’emissione obbligazionaria fa parte della strategia finanziaria sottesa al Piano 2022-30 e ci consente di prefinanziare gli investimenti green del Gruppo la cui realizzazione è prevista nel biennio 2023-2024. Inoltre, con questo nuovo Green Bond raggiungiamo una percentuale di debito sostenibile ancora più ambiziosa anticipando ulteriormente i target previsti nel piano industriale».

 


Leggi anche

Grazie al suo forte know-how nelle tecnologie degli smart meter, Bitron S.p.A. è stata selezionata da Italgas Reti S.p.A. per la progettazione e la prototipazione di un nuovo smart meter per il gas. La collaborazione prevede anche la produzione di contatori intelligenti con l’obiettivo di una sperimentazione sul campo in tutta Italia….

Leggi tutto…

Si stima che solo l’1% dei dati provenienti dalle reti idriche venga utilizzato in modo efficace. Software specifici permettono di sbloccare le potenzialità del flusso di dati dall’impianto di distribuzione idrica ed effettuare l’analisi in modo da ottenere una panoramica complessiva dell’intera infrastruttura della rete….

Leggi tutto…

È un bilancio importante quello dei progetti presentati nel semestre maggio-ottobre dal gestore idrico per beneficiare dei fondi PNRR e FSC finalizzati a migliorare l’intero ciclo idrico in tutta la città. 13 i progetti proposti, che comprendono opere per la riduzione delle perdite, il completamento della distrettualizzazione delle reti, l’ammodernamento dei serbatoi, il potenziamento del sistema fognario e la risoluzione dei problemi di inquinamento dei torrenti…

Leggi tutto…

Digitalizzare per superare l’emergenza idrica. Onyax propone le soluzioni IoT adatte ai gestori del servizio idrico integrato utili a ridurre gli sprechi, migliorare la gestione ed efficientare i processi. Piattaforma e dispositivi low-power dedicati al monitoraggio remoto e all’analisi dei parametri in tempo reale. …

Leggi tutto…

Nell’ambito dei lavori di Acque per il cosiddetto Tubone (il collettore fognario che convoglierà i reflui di tutta la Valdinievole, di Cerreto Guidi e di parte di Fucecchio verso il depuratore industriale di Santa Croce sull’Arno) si è tenuto un intervento senza precedenti. Posati infatti 300 metri di condotte fognarie mediante “trivellazione orizzontale controllata”, con numeri che rappresentano un’eccezionalità per i servizi pubblici a livello europeo. …

Leggi tutto…