Un nuovo socio per Tcvvv: è CogenInfra

C’è un nuovo socio per Tcvvv (Società Teleriscaldamento-Cogenerazione Valcamonica, Valtellina, Valchiavenna), che gestisce il teleriscaldamento a Tirano, Sondalo e Santa Caterina Valfurva, in provincia di Sondrio. È il Gruppo CogenInfra, partecipato da un fondo infrastrutturale lussemburghese e attivo nel settore del teleriscaldamento e dei servizi di efficienza energetica.

L’operazione, dunque, permette a Tcvvv, punto di riferimento nel comparto del teleriscaldamento a biomassa italiano, di consolidare la propria presenza sul territorio, ma anche di portare avanti il piano di diversificazione dei servizi e di puntare ad altri obiettivi ambiziosi.

Alla guida della società sono stati confermati gli attuali vertici, Giuseppe Tomassetti nel ruolo di presidente e Walter Righini in quello di amministratore delegato, una scelta che vuole essere un forte segnale di continuità e di volontà di mantenere il radicamento territoriale del management.

«Questa operazione rappresenta un passo importante per la nostra azienda a testimonianza di una realtà economica solida che vuole ampliare nei prossimi anni i servizi e le reti esistenti nei comuni Tirano, Sondalo e Santa Caterina Valfurva e aprirsi a nuovi interventi sul territorio locale e nazionale – ha commentato Righini -. Ci caratterizza nella nostra storia aver puntato sempre all’innovazione e alla ricerca; in quest’ottica il nuovo socio CogenInfra potrà senza dubbio contribuire ad avviare anche la comunità dell’energia rinnovabile “Tirano-Sernio” e nuove progettualità anche nel settore della mobilità sostenibile».


Leggi anche

Iren

Iren Energia ha concluso l’acquisizione del ramo d’azienda di Sei Energia che riguarda i sistemi di teleriscaldamento di Collegno, Rivoli e del 49% del capitale azionario di Nove, che gestisce il servizio a Grugliasco. Un’operazione strategica, del valore di 24,4 milioni di euro, che consentirà alla società di estendere la rete integrandola con quella già esistente a servizio dell’area della Città metropolitana di Torino …

Leggi tutto…

Centrale Lamarmora

La prossima stagione termica a Brescia sarà ancora più green. La multiutility ha deciso di eliminare l’utilizzo di carbone nella centrale Lamarmora, che rappresenta la seconda fonte di generazione di calore per la rete di teleriscaldamento cittadino, contribuendo al 30% del fabbisogno. Una scelta che segna una decisa accelerata sul programma di decarbonizzazione annunciato da A2A…

Leggi tutto…

Il sistema sviluppato e gestito da Hera ha appena ottenuto la certificazione Carbon Footprint rilasciata da Sgs per il suo basso impatto ambientale. Alimentato per il 90% con energia termica da fonte geotermica e con il recupero di calore del termovalorizzatore cittadino, il sistema, come rilevato da uno studio condotto da Ergo, emette solo 122 g di CO2 per ogni kWh termico immesso in rete…

Leggi tutto…

Alperia, l’utility energetica dell’Alto Adige, ha presentato il progetto per il nuovo impianto a servizio della rete di distribuzione del calore della cittadina della provincia di Bolzano. La centrale sarà alimentata a biomasse e sarà dotata di un generatore della potenza di 8 MW, in grado di produrre 27 GWh di energia termica ogni anno, sufficienti a scaldare circa 2500 appartamenti, evitando l’emissione in atmosfera di 5500 tonnellate di CO2 annue…

Leggi tutto…

Progettato da E.S.Co. BIM e Comuni del Chiese, la società energetica dei comuni del bacino del Chiese, il sistema è stato realizzato con un investimento di 4,9 milioni di euro. È costituito da una centrale alimentata con biomassa proveniente dai boschi che circondano il comune della provincia di Trento e da una doppia rete che si estende in totale per 5,3 chilometri…

Leggi tutto…